FOX  

The Walking Dead: The Dead. Andrea

di -

Inauguriamo una nuova rubrica dedicata ai personaggi di The Walking Dead scomparsi nel corso delle stagioni. E cominciamo da Andrea, uscita di scena nella terza.

The Walking Dead: Andrea

956 condivisioni 96 commenti 5 stelle

Share

Sembra l’inizio di una barzelletta: cosa fa un avvocato per i diritti civili nel mezzo di un’apocalisse zombie?

La risposta ce l’ha data The Walking Dead: si adatta. Mette in discussione i propri principi, si fa prendere la mano dall’entusiasmo per essere sopravvissuto e commette degli errori. Fatali, ma legati a un percorso di crescita e cambiamento in ogni caso interessante, sebbene profondamente diverso da quello che le viene riservato nel fumetto edito in Italia da saldaPress (e sul quale non vi dico nulla, in caso non abbiate ancora letto questo capolavoro!).

The Walking Dead: Andrea nel fumetto

Andrea è una donna intelligente e coraggiosa. La conosciamo insieme al gruppo di sopravvissuti che Rick incontra ad Atlanta, e che lo tirano fuori dai guai (dal carro armato, per la precisione).

Andrea si prende cura della sorella minore, Amy, una delle vittime dell’attacco degli zombie al campo.

La morte di Amy rappresenta un punto di svolta per lei: attende il suo risveglio, impedendo a chiunque di avvicinarsi, per chiederle perdono. Poi le spara in testa e chiude un capitolo della sua vita. Da quel momento, è una donna diversa: ferita ma determinata a sopravvivere, a far sì che la morte di Amy non sia stata inutile, facendone tesoro.

Ha un forte legame d’amicizia con Dale, che le fa mettere in discussione i suoi valori. Soprattutto quando si scontrano per decidere cosa fare di Randall, il ragazzo catturato da Rick e Hershel. Alla fine, Andrea sarà la sola - insieme a Dale - a votare per liberarlo. Poi anche Rick cambierà idea, come dimostra questo video, seguendo il suo esempio.

Andrea si avvicina a Shane per colmare il senso di solitudine che pervade ogni essere umano sopravvissuto, e che per lei è più forte a causa della mancanza di Amy.

Impara a combattere e diventa un’ottima tiratrice, impegnandosi per contribuire alla sicurezza del gruppo.

Poi, però, quando la fattoria di Hershel viene attaccata, resta sola. Si trova a lottare per vivere, ancora una volta, circondata dagli zombie. E solo l’arrivo di un personaggio misterioso - che scopriremo essere Michonne - la salverà.

Insieme a Michonne, Andrea è la prima a incontrare gli uomini del Governatore.

Poi viene portata a Woodbury, dove il suo bisogno di stabilità, l’esaurimento causato dal continuo girovagare in cerca di un riparo e la stanchezza hanno la meglio: Michonne capisce subito che c’è qualcosa che non va, nel Governatore, e vuole andarsene.

Andrea ignora i suoi avvertimenti e resta, finendo per allacciare una relazione sentimentale col cattivo più cattivo incontrato fino a quel momento.

Memore degli errori passati, e del bisogno dei fermare la catena di morte, Andrea in seguito proverà a fare da mediatore, organizzando un incontro fra Rick e il Governatore per negoziare la pace fra i due gruppi.

I suoi vecchi amici cercheranno di metterla in guardia e le chiederanno di uccidere il Governatore, ma lei esiterà.

Se ne pentirà amaramente: scoprirà con chi ha davvero a che fare quando sarà troppo tardi, e finirà per essere torturata e poi uccisa - indirettamente - dall’uomo con cui divideva il letto.

La sua riabilitazione in punto di morte - che arriva con un colpo alla testa dopo essere stata morsa - segna l’uscita di scena di un personaggio forte, ma destinato a perire perché ha infranto le regole morali della serie.

Chi tradisce i propri cari, in The Walking Dead, prima o poi paga il conto.

Andrea ha scelto Woodbury e il Governatore, rinnegando prima Michonne e poi Rick e gli altri.

Il prezzo per i suoi errori è molto alto, e serve da esempio per tutti gli altri.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.