FOX  

Prison Break, nuova foto e nuovi dettagli per il revival ispirato all'Odissea

di -

Entertainment Weekly ci svela che il produttore Paul Scheuring si è ispirato all'Odissea per spiegare il ritorno di Prison Break, e di Michael Scofield, in TV.

Domini Purcell e Wentworth Miller

1k condivisioni 197 commenti 5 stelle

Share

Sono passati ormai sette anni da quando Michael Scofield si è sacrificato per la sua amata Sara in The Final Break (ultimo capitolo di Prison Break).

Tuttavia, il genio tatuato è pronto a tornare nei nuovi e attesissimi 10 episodi della nuova stagione dell'emittente americana FOX, la cui messa in onda avverrà nella primavera 2017.

Questa volta, però, sarà Michael (Wentworth Miller) quello dietro le sbarre, intrappolato in un carcere del Marocco capace di far apparire Fox River come una vera e propria oasi di pace, mentre suo fratello, Lincoln Burrows (Dominic Purcell), e la sua ex moglie, Sara Tancredi (Sarah Wayne Callies), credevano fosse passato a miglior vita. 

Ma come ha fatto Michael a ritrovarsi in un carcere dopo che l'abbiamo tutti dato per morto?

Per la risposta a questa domanda, dovrete viaggiare nel tempo fino al 2014, quando gli attori Miller e Purcell si sono riuniti sul set di The Flash come il duo malvagio formato da Capitan Cold e Heat Wave. I due attori non si vedevano da 5 anni.

Enterteinment Weekly svela nuovi dettagli sul revival di Prison Break e ci mostra anche una nuova foto tratta dal set della serie TV.

Michael Scofield e Lincoln Burrows

Dominic Purcell ha dichiarato allo stesso Enterteinment Weekly:

Io e Wentworth siamo legati da una profonda amicizia, ma abbiamo anche una chimica unica sullo schermo. Era come se non ci fossimo mai separati.

Miller ha invece aggiunto:

Abbiamo iniziato a chiacchierare e parlare dei vecchi ricordi... Così ci è venuta in mente quest'idea: che cosa succederebbe se volessimo ritornare nei panni di Michael e Lincoln in Prison Break? FOX sarebbe interessata?

I due attori hanno scoperto che il network americano FOX lo era e che la tempistica era dalla loro, visto che l'emittente stava già lavorando a dei revival per X-Files e 24.

La prossima mossa chiave è stata quella di portare a bordo della nave il creatore di Prison Break, Paul Scheuring.

Convincerlo è stato relativamente semplice, dopo che il produttore ha incontrato Miller e ha visto il suo entusiasmo per una possibile rinascita della serie TV.

Paul Scheuring produttore

Queste le parole di Scheuring:

Nei sette anni che ci hanno separato dalla fine di Prison Break abbiamo avuto modo di apprezzare ancora di più quello che Wentworth ha fatto con il personaggio di Michael Scofield. Ha detto che avrebbe voluto realizzare un altro paio di episodi della serie. Ed io gli ho rivelato: 'Senti, nessuno vuole far rivivere questa cosa per più stagioni perché la gente si annoierebbe, ma se siamo in grado di raccontare una storia concisa e precisa in nove o dieci episodi, mi piacerebbe molto far parte di questo progetto'.

Scheuring, per far rivivere Prison Break, ha così deciso di utilizzare una delle storie epiche più famose della storia: l'Odissea

Il produttore ha così aggiunto:

In definitiva è la storia di qualcuno che vuole tornare a casa, anche se rimane bene in mente come Michael abbia sacrificato se stesso in The Final Break. Il punto focale della serie è che Michael ha lasciato una moglie e un figlio che non ha mai visto prima. Ho pensato: 'Ehi, aspetta, non è che stiamo riscrivendo l'Odissea?

E Scheuring si è ispirato proprio al poema. Nell'Odissea, Ulisse utilizza il nome di Outis (Nessuno) per ingannare Polifemo e riappare dopo sette anni nella terra straniera di Ogigia, nel tentativo di tornare a casa.

Ogigia, in questo caso, è la prigione che Michael ha chiamato a casa negli ultimi quattro anni e che si trova in Marocco. Il suo falso nome è Kaniel Outis, noto terrorista. Cosa? Michael un terrorista? Ebbene sì.
Nell'attesa di saperne di più, godetevi il trailer ufficiale della serie che è stato rilasciato qualche settimana fa.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.