FOX  

Minority Report: 5 motivi per seguire la nuova serie tv di FOX

di -

L’episodio pilota di Minority Report è andato in onda, in prima visione, su FOX. Ecco i 5 motivi che ci ha regalato per continuare a seguire la serie con Stark Sands

96 condivisioni 27 commenti 5 stelle

Share

Ai protagonisti vengono chieste 10 parole per invogliare il pubblico a seguire Minority Report. 

Noi siamo andati oltre: abbiamo trovato 5 motivi per seguirla.

L’episodio pilota è il biglietto da visita di una serie TV. Nel caso di Minority Report, che ci presenta personaggi e ambientazione, il messaggio è stato chiarissimo: siamo di fronte a un sequel del celebre film di Steven Spielberg, ma il punto di vista è completamente diverso.

1. Dash

HDStark Sands è Dash in Minority Report
Minority Report: Dash

Se il dilemma legato al meccanismo della Precrimine spingeva il protagonista del film, Tom Cruise, a interrogarsi sull’opportunità di ridurre praticamente in schiavitù tre esseri umani per sfruttare i loro poteri, ora le cose sono cambiate. Il punto di vista principale è quello di Dash, uno dei precog, uno di quegli esseri umani che hanno passato gran parte della loro vita a vivere e rivivere l’orrore di futuri omicidi nelle loro visioni.

Il protagonista è indubbiamente questo ragazzo fragile ma determinato, ansioso di continuare ad aiutare gli altri dopo la chiusura della Precrimine. Questa volta, insomma, noi siamo Dash. E la prospettiva è tutta un’altra cosa.

2. Lara Vega

Anche il punto di vista del detective della situazione è molto diverso: Lara Vega, diciamocelo, è molto meglio di John Anderton (il personaggio di Tom Cruise). Molto più umana, compassionevole e generosa, Lara non è seconda ad Anderton per abilità, intuito e determinazione. Semplicemente, mette le sue doti al servizio di qualcosa in cui crede - la “missione” di Dash - e sfida il sistema per aiutarlo, mantenendo segreta la sua identità e sfruttando la sua posizione al dipartimento per prevenire i crimini che il ragazzo prevede.

3. La tecnologia

Minority Report: Stark Sands e Meagan Good

Uno degli aspetti più interessanti del film, che nella serie TV viene approfondito ancora di più, è la tecnologia al servizio delle indagini. Se il mondo futuristico del 2050, nel film, ci aveva attratti per la diffusione capillare della tecnologia, nella serie TV è la scena del crimine - ricostruita dagli investigatori senza bisogno di simulazioni - a colpirci. Dal punto di vista delle indagini, siamo alla versione 2.0. E abbiamo già capito che non contano solo i mezzi, ma anche l’intelligenza di saperli usare…

4. Il futuro

I protagonisti di Minority Report

Cambiare il futuro è sempre stato uno dei sogni dell’uomo. Il genere sci-fi lo ha celebrato più volte, con declinazioni diverse: vantaggi personali, sogni tecnologici, cambiamenti radicali della società. Minority Report, invece, si concentra su un solo aspetto: la prevenzione del male.

La Precrimine è stata archiviata perché portava con sé troppi dubbi (vedi punto 5), ma il cuore del problema resta: se potessimo prevenire gli omicidi, salvando vite, fin dove saremmo disposti a spingerci per riuscirci?

5. Il rapporto di minoranza

Minority Report stagione 1

Il racconto di Philip K. Dick da cui sia il film che la serie TV prendono spunto era incentrato proprio su questo: il dilemma morale legato al rapporto di minoranza, cioè alle “visioni anomale”. Il destino non è scritto: gli “scarti” percepiti dai precog potevano portare a diverse interpretazioni, per questo la Precrimine li nascondeva.

Prendendoli in considerazione, tutto cambia e diventa una corsa contro il tempo, un progetto in divenire per cambiare il futuro, scegliendo la strada giusta fra le molte possibili.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.