FoxLife

Dan Aykroyd difende Leslie Jones e lei torna su Twitter

di -

Dan Aykroyd, la passione per Game of Thrones e l'affetto di fan, amici e colleghi hanno convinto Leslie Jones a tornare su Twitter, dopo gli insulti razzisti.

Leslie Jones all'evento Hilarity for Charity

4 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Leslie Jones è tornata su Twitter. Dopo essere stata oggetto di un vergognoso attacco razzista che l'aveva indotta ad abbandonare il social, giovedì 21 luglio la star del Saturday Night Live ha ricominciato a "cinguettare" dal suo account.

Ma chi o che cosa ha fatto cambiare idea all'interprete del nuovo Ghostbusters (nei cinema italiani dal 28 luglio)? A sentir lei, a convincerla a fare dietro front sono stati la passione per una certa serie TV e il grande affetto ricevuto. Ma alla sua decisione ha contribuito di sicuro anche Dan Aykroyd, che si è schierato apertamente dalla sua parte.

Dan Aykroyd e Leslie Jones scherzano alla prima di Ghostbusters

Per annunciare il suo rientro su Twitter, Leslie ha postato due messaggi. Con l'ironia che la contraddistingue, nel primo ha dichiarato che a farla tornare sui suoi passi è stata Game of Thrones, serie di cui è una fan sfegatata (come potete vedere nel video qui sotto):

Beh. Una s**** pensava che sarebbe potuta restare lontana. Ma c'è il live tweet di Game of Thrones!

Nel secondo, invece, ha ringraziato tutti coloro che le hanno espresso la propria solidarietà, aggiungendo un invito a seguire l'episodio del Late Night di Seth Meyers al quale avrebbe partecipato poche ore dopo:

Grazie per l'amore e il sostegno che ho ricevuto! Mi fanno sentire davvero speciale. Ci vediamo tra poco da Seth Meyers.

Tuttavia, per quanto sia innegabile che la passione dell'attrice per la serie tratta dalle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco e la riconoscenza nei confronti di chi l'ha sostenuta siano stati un valido incentivo a tornare su Twitter, la vibrante difesa di Leslie fatta da Dan Aykroyd in un'intervista a Entertainment Tonight Canada molto probabilmente ha avuto un ruolo decisivo.

L'interprete del Ghostbusters originale (il cui cast si è riunito recentemente al Jimmy Kimmel Live) ha speso parole di grande stima per la collega, sottolineando la sua forza nell'affrontare un background complicato e la capacità di trasformarlo in qualcosa di positivo: 

[Leslie, n.d.r.] è una grande autrice e una grande attrice comica. Viene da un contesto non semplice, dove ha incontrato un sacco di difficoltà, che ha saputo incanalare in importanti conquiste e in una carriera di successo.

Ma, soprattutto, si è scagliato duramente contro gli haters che hanno bombardato la star di vergognosi insulti su Twitter, chiedendosi anche se Donald Trump e i suoi compagni di partito condividano davvero il pensiero di simili frange estremiste e ammettendo con sconforto di non saperlo:

Queste persone sono moscerini insignificanti. Sono dei perdenti, senza una vita propria. Probabilmente riescono a malapena a pagare il wi-fi che utilizzano [per fare cose simili, n.d.r.]. [...] Là fuori c'è un mucchio di odio razzista bianco che si sta organizzando per sostenere la lista dei candidati repubblicani, probabilmente nella falsa convinzione che questa gente condivida le loro posizioni. Non credo che Trump e Pence siano così razzisti come le persone che hanno attaccato Leslie Jones. Davvero, non lo credo. Trump, forse, può cavalcare l'onda per ottenere più voti, ma... Beh, non lo so.

La riflessione di Aykroyd non è stata casuale. Lo spregevole attacco a Leslie, infatti, è stato orchestrato da un sostenitore del candidato repubblicano alla Casa Bianca, tal Milo Yiannopoulos. L'uomo è stato bannato a vita da Twitter, ma ciò non toglie la gravità di quanto accaduto e apre la porta a inquietanti scenari.

Scenari con i quali la speranza è di non dover mai fare i conti.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.