FOX  

The Walking Dead, gli undici di Negan: Eugene

di -

Continua il nostro viaggio per scoprire meglio le potenziali vittime di Negan. Cosa succederebbe se a morire fosse Eugene? E quante probabilità ci sono?

427 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Eugene Porter fa il suo ingresso nella storia di The Walking Dead nella quarta stagione.

Lo conosciamo come una persona importante, anzi preziosa: l’unica persona che può fermare l’epidemia che trasforma ogni uomo che muore in uno zombie.

Eugene Porter ha la cura. Conosce il segreto. Per questo Abraham è disposto a rischiare la vita per portarlo a Washington, dove risolleverà le sorti dell’umanità.

Eugene non è un personaggio facile da amare. Codardo - perché è terrorizzato dagli zombie e dalla paura di morire - arrogante ed egoista, viene tollerato per l’importanza del suo ruolo.

Per fortuna, quando scopriamo che la sua era solo una menzogna per costringere Abraham a prendersi cura di lui, tenendolo in vita, Eugene è già cambiato.

The Walking Dead: Eugene Porter

La delusione di tutti è grande, e Abraham quasi lo ammazza di botte.

Eppure, alla fine Eugene viene perdonato. Perché, nel frattempo, si è evoluto.

Il momento in cui decide di tornare indietro, per aiutare Glenn e Tara intrappolati nella galleria piena di zombie, rappresenta un punto di non ritorno.

Da quel momento, Eugene inizia a pensare anche agli altri, oltre che a se stesso.

La sua coscienza si risveglia e, poco alla volta, diventa un uomo pronto a correre dei rischi per salvare i suoi amici.

Josh McDermitt è Eugene in The Walking Dead

Decide di confessare l’inganno che porta avanti da lungo tempo perché ha paura di finire in mezzo alla mandria di zombie che Abraham vuole sfidare.

La sua punizione è l’ira di Abraham, che subisce consapevole di meritarla. Sebbene, di fatto, abbia salvato la vita all’amico, costringendolo a trovare proprio in Eugene una ragione per andare avanti (come ricorderete, quando s’incontrano Abraham è sul punto di suicidarsi).

Eugene impara ad affrontare le proprie paure, a combattere, a mettere sul piatto della bilancia la vita delle persone care e la sua.

Salva la vita a Tara che, seppur gravemente ferita, si salverà solo grazie al suo coraggio.

Eugene Porter è uno dei personaggi che cambiano maggiormente dal loro ingresso nel mondo straordinario di The Walking Dead.

La sua intelligenza si accompagna a una maturazione emotiva che lo porta fino all’ultimo episodio della sesta stagione, in cui è pronto a immolarsi per consentire a Rick e agli altri di proseguire il loro viaggio, portando Maggie dal dottore di cui ha bisogno.

Il suo percorso di crescita, lungo e tortuoso, culmina proprio nel finale di stagione.

Ed è per questo che molti - inclusa chi scrive - lo ritengono la più probabile vittima di Negan.

Cosa succederebbe se morisse lui

Il finale della sesta stagione è una sorta di “canto del cigno” per Eugene: è uno dei protagonisti assoluti dell’episodio, e sancisce definitivamente la propria evoluzione offrendosi volontario per una missione che potrebbe costargli la vita.

L’estremo sacrificio che è disposto a fare e l’attenzione che gli autori gli riservano in questo episodio lasciano intuire che sia, idealmente (dal punto di vista della sceneggiatura), la vittima di Negan.

Per quanto mi riguarda, Eugene ha almeno l’80% di probabilità di crollare sotto i colpi di Lucille.

Sia per il suo ruolo nell’ultimo episodio che per le parole di Negan (che, stupito, dice alla sua vittima che sa incassare. E non se l’aspettava).

Eugene non ha l’aspetto né l’atteggiamento di un duro. Proprio per questo, una sua silenziosa resistenza al martirio stupirebbe chi non lo conosce.

Inoltre, dal punto di vista narrativo la sua morte sarebbe coerente: ha completato il suo viaggio interiore di crescita, ha esaurito il suo ruolo (dare uno scopo ad Abraham, cementare il sodalizio con il gruppo di Rick, scontare la sua pena per la menzogna, espiare la colpa con il sacrificio).

La funzione di Eugene all’interno della trama di The Walking Dead si è compiuta.

La sua morte, semplicemente, chiuderebbe il cerchio.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.