FOX

The Beatles: Eight Days a Week è al cinema, ecco 6 clip in anteprima

di -

The Beatles: Eight Days a Week di Ron Howard sbarca oggi, 15 settembre, nei cinema italiani. Vi raccontiamo il documentario sui mitici Fab Four con una serie di clip in anteprima.

The Beatles: Eight Days a Week

34 condivisioni 0 commenti

Condividi

L'attesa è veramente finita: The Beatles: Eight Days a Week debutta in sala.
Se avete deciso di andare al cinema proprio oggi, assisterete anche alla prima mondiale che si terrà a Leicester Square a Londra con la partecipazione del regista Ron Howard e di Paul McCartney e Ringo Starr.

I due Beatles non sono solo i protagonisti ma anche i produttori del documentario insieme a Yoko Ono Lennon e Olivia Harrison, la moglie di George Harrison morto di cancro nel 2001. 

Noi di MondoFox vi aiutiamo a prepararvi all'evento con una serie di clip che vi daranno un assaggio dello straordinario lavoro di ricostruzione del team di Ron Howard.
Si inizia con il video che racconta il lavoro di composizione di Paul e John. Se pensate che si concentrassero in uno studio con tutto il tempo del mondo a disposizione vi sbagliate, i due scrivevano dove capitava approfittando delle pause tra una esibizione e l'altra. 

Il documentario ripercorre la carriera dei quattro Beatles anche dal punto di vista più intimo, vale a dire del legame di amicizia esistente tra Paul, John, Ringo e George.

Ogni decisione veniva presa da tutti e per essere adottata doveva avere il lasciapassare di tutti. Piena democrazia dunque in casa Beatles!

Il viaggio continua con le clip delle esibizioni dal vivo. Per la prima volta, i filmati originali consentono di ascoltare gli strumenti e le voci senza che siano coperti dalle urla dei fan. Il miracolo tecnico è stato possibile grazie all'immane lavoro degli ingegneri del suono assoldati per il documentario. 

I quattro raccontano la trasformazione che avveniva prima di salire sul palco e tutta la preparazione necessaria per diventare i Beatles con giacca, cravatta e i mitici stivali d'ordinanza.

Lo stesso Ron Howard ha svelato che da bambino voleva vestirsi da Beatles e chiese ai genitori di regalargli tutto il kit. Purtroppo, ottenne solo la parrucca perché tutti gli altri accessori erano esauriti!

Non mancano gli episodi curiosi e divertenti, come quello con protagonista John Lennon, che ebbe una vera e propria epifania ascoltando per errore un nastro al contrario. 

Non tutto però è stato facile per i Fab Four. Alberghi di quarta categoria, momenti di sconforto, stanchezza in tour e dubbi sulla direzione presa dal gruppo.

Il documentario racconta anche questo aspetto, soffermandosi su un gioco che i quattro facevano per tenersi su di morale. Scoprite di cosa si tratta nel video qui sotto!

Bene, a questo punto siete quasi pronti per prenotare il vostro biglietto e godervi lo spettacolo dell'ascesa del gruppo che passò dalle cantine di Liverpool al successo internazionale in pochissimo tempo, dando vita ad un vero e proprio fenomeno di isteria collettiva ribattezzato Beatlemania.

Se vi siete liberati e avete deciso di andare al cinema, assisterete al concerto che ha immortalato uno dei momenti chiave del fenomeno della Beatlemania: il concerto allo Shea Stadium di New York il 15 agosto 1965.

C'era un pubblico enorme per l'epoca, ben 55mila spettatori che urlavano, piangevano e si disperavano. 

The Beatles: Eight Days a Week non racconta però solo il fenomeno Beatles. Il documentario è soprattutto un inno alla musica con 2000 video originali e 150 canzoni del gruppo protagonista assoluta della storia musicale del '900.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.