FoxLife

Il bambino di Nevermind ricrea la famosa cover 25 anni dopo

di -

25 anni dopo è ancora Nevermind. Il bambino della cover dell'album ha replicato la foto che lo ha reso famoso (a sua insaputa), con qualche piccola differenza...

La cover dell'album Nevermind dei Nirvana realizzata dal fotografo Kirk Weddle

1k condivisioni 0 commenti

Condividi

Il bambino di Nevermind è tornato a nuotare in piscina. Per celebrare il 25esimo anniversario del rivoluzionario album dei Nirvana (pubblicato il 24 settembre 1991), il fotografo John Chapple ha rintracciato il protagonista dell'iconica cover realizzata dal collega Kirk Weddle e lo ha ritratto nella medesima posa.

Naturalmente, qualche differenza c'è. Spencer Elden - questo il nome del neonato che galleggia nell'acqua, mentre insegue un amo al quale è attaccata una banconota - oggi è un uomo e per evitare problemi di censura la foto è stata replicata con un opportuno costume da bagno a nascondere le sue parti intime.

In realtà, come riporta il New York Post, il diretto interessato ne avrebbe fatto a meno, ma Chapple è stato irremovibile:

Ho detto al fotografo: 'Facciamo lo scatto nudo'. Ma pensava che sarebbe stato strano e così ho indossato un paio di pantaloncini.

La cover di Nevermind 25 anni dopoHDJohn Chapple
Spencer Elden posa nella replica della cover di Nevermind, 25 anni dopo

La foto è stata realizzata nella piscina olimpionica del Pasadena Rosebowl Aquatic Center e Chapple ha condiviso alcune fasi del servizio sul proprio account Instagram:

Quando i signori Elden hanno autorizzato Weddle (che era amico del padre di Spencer) a fotografare il proprio figlio per la copertina dell'album dei Nirvana, non potevano immaginare l'importanza che Nevermind avrebbe avuto nella storia del rock, né che lo scatto sarebbe diventato un simbolo della band e degli anni '90.

Se non fosse stato così, difficilmente si sarebbero accontentati dei 200 dollari offerti loro dal fotografo. Tale, infatti, è la cifra pagata da Weddle per realizzare il servizio (durato in tutto 15 secondi), secondo quanto ha raccontato il signor Elden in un'intervista del 2008 alla National Public Radio:

Ci ha telefonato e mi fa: 'Ehi, Rick, vuoi fare 200 dollari e buttare tuo figlio nell'acqua?'. E io: 'Cosa?'. E lui: 'Beh, questa settimana fotografo bambini. Perché non ci vediamo al Rosebowl e buttate vostro figlio in acqua?'. 

Spencer Elden posa con NevermindJohn Chapple
Spencer Elden posa con l'album Nevermind

Anche Spencer, che fa l'artista e ha lavorato con Shepard Fairey di Obey, ha ammesso di non rendersi pienamente conto della portata di ciò cui ha partecipato e di cui ancora fa parte:

L'anniversario per me ha un significato. È strano che io abbia posato per 5 minuti quando avevo 4 mesi e che ora sia un'immagine iconica. È bello, ma bizzarro, fare parte di qualcosa di tanto importante, che io nemmeno ricordo! 

Il legame con la celebre foto di Nevermind, comunque, è fortissimo, come dimostra il fatto che già nel 2011 il giovane ha partecipato a una "rievocazione" analoga per i 20 anni dell'album dei Nirvana.

Allora, tuttavia, non si è trattato di nulla di ufficiale, mentre stavolta sì. Spencer infatti è stato pagato per la sua prestazione: 200 dollari, naturalmente.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.