FOX

Feud: la faida Bette Davis VS Joan Crawford raccontata da Ryan Murphy

La celebre faida tra Bette Davis Joan Crawford, le più importanti attrici della Golden Age del cinema Hollywoodiano, sarà raccontata da Ryan Murphy in Feud.

Bette Davis interpretata da Susan Sarandon

73 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

di Jesús Angel Blanco Vecina

Feud sarà la nuova serie antologica di Ryan Murphy che racconterà di celebri faide. La prima che verrà sviscerata sarà quella tra Bette Davis e Joan Crawford durante le riprese di Che fine ha fatto Baby Jane del 1962 (What Ever Happened to Baby Jane). Ad affiancare Ryan Murphy in questa impresa ci sarà il suo storico collaboratore Tim Miner, come co-showrunner, e un cast davvero stellare: le protagoniste saranno Susan Sarandon (premio Oscar come miglior attrice per Dead Man Walking nel 1996) e Jessica Lange (American Horror Story) e poi vedremo Jackie Hoffman (The New Normal), Catherine Zeta-Jones (premio Oscar come miglior attrice non protagonista in Chicago nel 2003), Alfred Molina (che con Murphy ha già lavorato per The Normal Heart), Sarah Paulson (American Horror Story e American Crime Story), Stanley Tucci (E.R., Fortitude) e Judy Davis (Una donna di nome Golda).

Ryan Murphy ci ha da sempre abituato all’inaspettato, al macabro e al grottesco, ma con American Crime Story ha dimostrato che non è necessario pescare nella fantasia per raccontare la follia, il thriller e la paura. Siamo certi che la serie che narrerà le vicende di Bette Davis e Joan Crawford non ci deluderà sotto questo punto di vista. Ma chi sono i due personaggi che Susan Sarandon e Jessica Lange interpreteranno?

Tra gli anni ’30 e ’40 (la Golden Age del cinema Hollywoodiano), Bette Davis e Joan Crawford furono due delle più acclamate attrici del Grande Schermo. A quel tempo si diceva che la Crawford avesse avuto innumerevoli relazioni con registi e star di entrambi i sessi al solo scopo di fare carriera. Proprio Bette aveva riassunto il suo atteggiamento con queste parole:

È andata a letto con tutti gli attori della Metro-Goldwyn-Mayer eccetto che con la cagnetta Lassie.

Le due avevano già avuto modo di detestarsi a causa della comune passione per l’attore Franchot Tone (che poi sposò la Joan), ma iniziarono ad odiarsi davvero quando la protagonista di Johnny Guitar tentò di sedurre con fiori e regali anche Bette, che la rifiutò malamente.

Bette Davis e Joan Crawford, regine della Golden Age del cinema Hollywoodiano

Nel 1961, la carriera di entrambe si trovava in una fase critica. In particolare Bette Davis nell’ultima decade aveva lavorato per progetti mediocri interpretando ruoli molto al di sotto delle sue qualità artistiche. Quando Robert Aldrich le inviò una copia della sceneggiatura di Che fine ha fatto Baby Jane intuì subito il potenziale del film paragonandolo al successo che l’anno precedente aveva ottenuto Psycho. Le due pellicole condividevano un gusto inusitato per il macabro, un protagonista con gravi turbe psichiche e un’atmosfera disturbante e malata. Il rischio di cadere nel ridicolo, interpretando una ex bambina prodigio che intrattiene un rapporto sadomasochistico con la sorella immobilizzata sulla sedia a rotelle era altissimo, ma la “Regina di Hollywood” accettò la sfida.

Il ruolo di Bette Davis
Bette Davis in Che fine ha fatto Baby Jane

Prima però volle accertarsi di alcune cose con una chiamata telefonica al signor Aldrich.

Voglio farle due domande, se mi risponde sinceramente farò il film. È andato a letto con Joan Crawford?

Dopo averci pensato un istante, Aldrich rispose:

No. Però non perché miss Crawford non ci abbia provato.

E lei:

Le credo. Tralasciamo la seconda domanda.

Sicura che l’altra non avrebbe avuto un trattamento di favore, Bette decise così di interpretare la parte e mettere in scena il profondo disprezzo che nutriva per la sua rivale.

Durante le riprese, le attrici si comportarono in modo molto professionale. Tuttavia, come era già accaduto in passato, Joan Crawford iniziò a mandare fiori e regali a Bette Davis che li rifiutò con disprezzo. Tutto ciò non fece altro che acutizzare la rivalità tra le due che da quel momento si dichiararono guerra apertamente. Così in una scena di lotta, Bette ebbe modo di "spaccare" la testa di Joan, e quest’ultima per vendicarsi in un momento in cui doveva essere presa in braccio dall’altra attrice si mise appositamente dei pesi riuscendo a lesionarle la schiena.

Una scena storica di Che fine ha fatto Baby Jane
Bette Davis e Joan Crawford in Che fine ha fatto Baby Jane

Contro tutti i pronostici di Hollywood, Che fine ha fatto Baby Jane fu un grandissimo successo di critica e pubblico, sia per l’indiscutibile qualità del film, sia per i rumors relativi alla rivalità tra le due vecchie glorie del cinematografo.

Nonostante la straordinaria interpretazione di entrambe le protagoniste, fu solo Bette Davis ad avere una candidatura all’Oscar (la sua undicesima). L’attrice era certa che questa volta avrebbe avuto la tanto attesa terza statuetta, dopo quella per Paura d’amare nel 1935 e Figlia del vento nel 1938.

Bette Davis in Che fine ha fatto Baby Jane
Una scena di Che fine ha fatto Baby Jane

Ma la Crawford non era disposta ad accettare quella sconfitta: iniziò una campagna infamatoria contro la Davis diffondendo la voce che non meritava il premio per via del suo comportamento sul set. Inoltre chiese alle altre attrici nominate il permesso per andare a ritirare il premio Oscar a loro nome, nel caso in cui lo avessero vinto. Ogni cosa andò come aveva previsto. Nello stesso istante in cui Bette sentì il nome vincitore di Anne Bancroft per Anna dei miracoli, la sua nemica di sempre la scansò per salire sul palco e ricevere la statuetta dorata sotto una pioggia di riflettori e flash di fotografi.

Quando nel 1977 domandarono a Bette Davis cosa ne pensava della morte di Joan Crawford lei la congedò a suo modo:

Non bisognerebbe mai parlar male dei morti. È morta Joan Crawford. Che bello!

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.