FOX

L'Inferno di Tom Hanks e Ron Howard alla conferenza stampa di Firenze

di -

Abbiamo partecipato alla conferenza stampa dell'anteprima mondiale di "Inferno" il nuovo film di Ron Howard. Ecco cosa ci hanno raccontato Tom Hanks e il resto del cast!

336 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Presentato in anteprima mondiale a Firenze Inferno, il terzo adattamento cinematografico dei romanzi di Dan Brown, sempre ad opera del regista Ron Howard.

I due sono intervenuti insieme a Tom HanksFelicity Jones, Irrfan Khan e Omar Sy nella suggestiva cornice del Salone dei Cinquecento, all'interno di Palazzo Vecchio a Firenze, durante la conferenza stampa moderata da Francesco Castelnuovo. La scelta della location inoltre non è casuale, dato che è un'ambientazione centrale nella storia che Inferno racconta.

Salone dei Cinquecento
Salone dei Cinquecento - Il tavolo della conferenza stampa

Trovandoci in una delle più suggestive e storiche città italiane la domanda d'obbligo è ricaduta proprio sul rapporto con la cultura, a cui ha risposto, aprendo le danze, Tom Hanks:

Siamo in un periodo complesso della storia umana, per capire la situazione che stiamo vivendo non c'è bisogno di leggerla sui quotidiani, negli Stati Uniti come in Italia. In questo momento questa conversazione per noi è più importante che mai, perchè ogni quattro anni ci ritroviamo ad affrontare in maniera più approfondita questa tematica. Non c'è dubbio che la situazione oggi sia molto più caotica di quella in passato. C'è da dire però che, leggendo i romanzi, come quelli di Dan Brown, ti accorgi che il mondo ha sempre vissuto epoche difficili. 

Dall'attualità all'amore, è stato chiesto a Ron Howard cosa ama di più del proprio lavoro:

Ho iniziato a lavorare in questo mondo da giovanissimo, ero un bambino quando ho iniziato a recitare. Per me è un viaggio senza fine, un'esplorazione che mi permette di conoscere meglio il mondo. Mi dà modo di collaborare con individui eccezionali, come in questo caso, e in più mi dà la possibilità, come regista, di intrattenere il pubblico in maniera diversa. Delle volte è con la tensione, delle volte con qualcosa di comico, delle volte una combinazione di più fattori. L'adrenalina per me deriva dal poter conoscere storie nuove ed appassionare il pubblico, da attore o da regista, attraverso esse.

Dan Brown è stato invece interrogato sulle differenze fra libro e film, e chi meglio di lui poteva fornire una lucida visione a riguardo?

L'origine del libro è molto semplice, fui colpito da alcune statistiche sulla sovrappopolazione, che poi è uno dei temi centrali alla base di Inferno. Negli ultimi ottant'anni la popolazione sulla terra si è triplicata. Ho scritto il libro anche con la speranza di generare interesse a riguardo. Le differenze ci sono soprattutto sul finale, e l'ho trovato interessante perché mi piace vedere come gli sceneggiatori traspongono sul grande schermo le mie storie, e come esse possano cambiare viste con gli occhi di qualcun altro. I film durerebbero giorni se i libri fossero adattati alla lettera sul grande schermo, quindi i cambiamenti sono necessari e Ron Howard è riuscito a preservare per intero lo spirito del romanzo, e per questo gli sono assolutamente grato.

Ron Howard, Tom Hanks e Dan Brown, rappresentano la magica triade che ha lavorato a tutti gli adattamenti delle storie del professor Robert Langdon sul grande schermo, da Il Codice Da Vinci fino a Angeli e Demoni. Le new entry di Inferno invece ci hanno raccontato come si sono trovati a lavorare con il resto del cast:

Felicity Jones: Amo lavorare con persone di talento e brillanti come loro, persone di cui mi posso fidare, perchè adoro prendere rischi insieme ai miei compagni di avventura sul set.

Felicity Jones

Irrfan Khan: quando ho iniziato a fare questo lavoro era solamente per la fama e il denaro. Ora la celebrità non ha più valore per me, perchè la trovo vuota e priva di significato. Ciò che conta è costruire una storia insieme ai miei colleghi attori e al regista e farla arrivare fino al pubblico.

Irrfan Khan

Omar Sy:Concordo con Felicity e credo che molto si basi sulla fiducia e stima nei confronti delle persone con cui lavori. Quando ero più giovane e frequentavo la scuola non ero particolarmente disciplinato, questo lavoro mi ha dato invece la possibilità di conoscere molto, e questa esperienza a Firenze è stata una grande masterclass per me!

Omar Sy

In chiusura della conferenza Tom Hanks ci ha regalato un vero e proprio siparietto comico, in cui ha illustrato alla stampa i dipinti all'interno del salone dei Cinquecento, dimostrando a tutti di essere, proprio come il suo alter ego cinematografico Robert Langdon, il più intelligente di tutti.

Tom Hanks illustra i dipinti del Salone dei Cinquecento

Inferno arriverà in Italia il prossimo 13 ottobre mentre uscirà negli Stati Uniti il 28 ottobre.

Continuate a seguirci perchè abbiamo in serbo per voi altre sorprese da Firenze!

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.