FOX

Bad Moms, la recensione: le Mean Girls sono diventate mamme cattive

di -

Dopo la gravidanza, Mila Kunis torna al cinema con un ruolo materno sui generis: è la protagonista di Bad Moms, una brillante commedia sull'essere mamma oggi.

Il trio protagonista di Bad Moms

58 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Il titolo ufficiale è Bad Moms: Mamme Molto Cattive, ma non serve poi tanta fantasia per intuire come in realtà il nuovo film di Jon Lucas e Scott Moore sia un tributo alle Mean Girls. Le attrici sono differenti così come il cast tecnico, ma l'ispirazione al film del 2004 è così palese che ci sono perfino citazioni dirette della commedia scolastica bandiera di una generazione. 

Le Barbie di Mean Girls sono cresciute e sono diventate madri. Il campo di battaglia è sempre la scuola, ma stavolta sono i genitori a scontrarsi a suon di assemblee straordinarie, progetti di scienze e mercati di beneficienza in cui si vendono dolciumi fatti rigorosamente a mano.

Gwendolyn (Christina Applegate) è la biondissima regina dell'alveare: ricca, influente, perfetta e decisa a mantenere il controllo sull'intera scuola, dal coach della squadra di calcio all'assemblea dei genitori. A subire il suo strapotere ci sono anche tre genitrici più che imperfette: Amy (Mila Kunis) è quella che si ribellerà alle vessazioni di Gwen, sfidandola per la carica di presidentessa del consiglio dei genitori. 

La recensione di Bad MomsHDM2 Pictures
Mila Kunis è Amy, mamma con il suo reggiseno da battaglia

Mila Kunis, da poco diventata mamma, è il volto perfetto per un film che si configura un po' come un'ode al mom power e un po' come valvola di sfogo per chi si ritrova tutti i giorni a fare i conti con problemi davvero materni. È bella ben oltre il credibile per il ruolo ordinario che interpreta, ma ci mette carisma e semplicità e immedesimarsi nelle sue traversie non è mai troppo complicato. 
Di vicissitudini di cui ridere il suo personaggio ne ha fin troppe: un marito che si configura come un terzo figlio viziato, ignaro come la prole degli sforzi titanici che lei compie ogni giorno; un capo più giovane che la sfrutta; una lezione di zumba a cui non riesce a stare dietro; un cane con le vertigini. 

Sono i problemi della classe medio borghese, quella che può mandare i figli in una scuola prestigiosa ma poi si ritrova a dover cucinare dolci per il mercatino senza poter utilizzare niente (persino zucchero e farina sono vietati!) o a correre dal lavoro a un'assemblea straordinaria col resto delle mamme. Per Amy, mamma lavoratrice e perennemente in ritardo, a un certo punto lo stress è ingestibile e, con il supporto di 2 nuove amiche, decide di smetterla di essere perfetta: da oggi in poi sarà una madre cattiva

Così Mila Kunis comincia ad alzare il tasso alcolemico ed erotico del film, sempre supportata da una sorprendente Kristen Bell nel ruolo di mammina repressa e da una Kathryn Hahn nel ruolo di mamma single, capace di non far rimpiangere i momenti più irriverenti di Amy Schumer. 

La recensione di Bad MomHDM2 Pictures
Il livello alcolico di Bad Moms è pronto a salire

Gli sceneggiatori e registi di Una Notte da Leoni dimostrano di aver intuito una lezione che gli altri film romantici della stagione (come ad esempio Io Prima di Te) sembrano non aver ancora colto: bisogna rimanere al passo coi tempi, che cambiano le aspettative e i desideri del pubblico femminile. 

Quando non sanno che pesci pigliare, Jon Lucas e Scott Moore prendono più di uno spunto altrove, dai prodotti di tendenza del momento: oltre a Mean Girls (su cui il film ricalca più di un personaggio), ci sono spruzzate di Trainwreck di Amy Schumer (con qualche dialogo davvero a luci rosse) e party notturni che finiscono alle undici ma sono scatenati quanto quelli di Una Notte da Leoni. Certo questi prestiti significano che non c'è davvero nulla di letteralmente inaspettato in Bad Moms, ma rimane un film brillante e arguto, alle volte un po' scollacciato e orgoglioso di esserlo

La recensione di Bad MomsHDM2 Pictures
La locandina del film

Jon Lucas e Scott Moore raccontano di aver ubriacato decine di mamme con tanto Chardonnay per farsi svelare i dettagli più scottanti dell'essere genitrici oggi. Forse non sanno ancora davvero cosa vogliano le donne e le mamme, ma lo hanno intuito con una buona dose di approssimazione. Bad Moms è divertente il giusto, scollacciato quel tanto che basta per strappare una risata aperta e fragorosa (ma senza mai scadere nel volgare) e connesso con il 2016, caratteristica di cui il filone delle commedie romantiche odierno ha un disperato bisogno. 

Bad Moms sarà nella sale italiane a partire dal 13 ottobre 2016

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.