FOX

Lo and Behold - Internet: il futuro della rete secondo Werner Herzog

di -

Lo and Behold - Internet è il nuovo documentario firmato Werner Herzog. Il regista traspone in immagini ciò che potrebbe essere Internet in un futuro prossimo.

Particolare della locandina di Lo and Behold

9 condivisioni 0 commenti 4 stelle

Share

Werner Herzog, dopo aver portato sul grande schermo il biopic su Gertrude Bell: The Queen of the Desert, in questi giorni è tornato al cinema con il documentario Lo and Behold - Internet (qui la nostra recensione).

Il regista questa volta si imbatte in un mondo metafisico, anzi virtuale. È quel mondo parallelo, che se vogliamo, per certi aspetti ci rende bipolari.

Quotidianamente e ormai da anni, ognuno di noi vive due vite: quella reale e quella virtuale. Ma Herzog non è incuriosito da questa scissione, che per molti probabilmente non esiste. Le sue domande sono altre e, per certi aspetti, filosofeggianti e anche antropologiche.

Il regista veste i panni di un esploratore di questo mondo che oscilla tra il conosciuto e l'indefinito, chiedendosi come l'uomo, ormai intriso di intelligenza artificiale, possa vivere in un futuro.

Le domande all'interno di Lo and Behold - Internet sono incalzanti, tutte tese a cercare di comprendere il rapporto che intercorre tra il mondo digitale e l'umanità.

L'idea del documentario è interessante, soprattutto se l'occhio critico in questione è quello di Herzog, perché nulla viene dato per scontato o lasciato inesplorato.

Ma perché il regista ha scelto la forma cinematografica del documentario? Sicuramente perché questa modalità visiva dà più veridicità al tutto, soprattutto a quelle supposizioni che sembrano più assurde, aiutando lo spettatore a crederci sul serio.

La pellicola è un insieme di testimonianze video che mostrano come, da dove sia nato Internet e come sia diventato ciò che è oggi. 

Quella macchina laggiù è il primo componente di Internet. Ha un odore unico. Da qui fu inviato il primo messaggio e iniziò una rivoluzione.

Il lavoro cinematografico prosegue, proiettandosi in un futuro che è solo ipotizzabile perché sconosciuto a tutti, Herzog incluso. E nel momento stesso in cui si parla di futuro, il documentario cede il posto al mondo individuale di Werner, anche se sono altri i personaggi che parlano al suo posto.

Da qui si apre un mondo: quello del futuro esasperato, che lascia un sorriso nello spettatore per l'incredulità degli azzardi del regista, al momento, non confutabili.

Herzog immagina che un giorno si arriverà a colonizzare Marte e che, gli scienziati saranno intenti a creare un' intelligenza artificiale per comunicare con chi vive lì.

In questo lavoro cinematografico tutto è proiettato sulla visone che: in un futuro ci sarà una rivoluzione della nostra definizione di essere umano. Ma la questione del mondo digitale ha anche un risvolto antropologico e generazionale. Lo and Behold - Internet si domanda come saranno le nuove generazioni e se il modo di comunicare sarà lo stesso. Si userà ancora la parola o sarà tutto digitalizzato?

Ai figli dei figli dei nostri figli servirà la compagnia degli altri esseri umani? O si saranno evoluti in un mondo in cui non sarà più importante?

E andando avanti, si arriva alla possibilità che: un giorno invece delle parole sarà possible twittare i pensieri.

E se Internet avesse una coscienza e negli anni questa si sviluppasse? Come si comporterebbe con il mondo?

Internet probabilmente potrebbe diventare una divinità, perché imponendosi come un' autorevolezza indiscussa attraverso i suoi seguaci, potrebbe assumere un aspetto che, per noi, oggi sarebbe impensabile. Lo and Behold – Internet mostra un nuovo lato della metafisica, lo fa in un modo che oggi sembrerebbe paranormale.

Come la frase: i monaci hanno smesso di meditare perché sembra che tutti stiano twittando!

E per scoprire il resto? Bisogna guardare il film!

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.