FOX

La vera identità di Jack lo Squartatore è stata finalmente svelata?

di -

Un libro pubblicato in questo periodo in Italia farebbe luce sulla vera identità di Jack Lo Squartatore e sull'autenticazione dei suoi diari, usciti negli anni '90.

Jack lo Squartatore

874 condivisioni 0 commenti

Condividi

Finalmente ci siamo! Sono passati 128 anni dai cinque terribili omicidi attribuiti a Jack lo Squartatore e sembra che ci sia una nuova importante pista per stabilirne l'identità. 

Il più famoso cold case della storia sta per essere risolto? L'identità del personaggio che ha ispirato film come La vera storia di Jack lo Squartatore con Johnny Depp è stata trovata?

Sembrerebbe di sì e il merito andrebbe a Paul H. Feldman, documentarista di BBC e autore di The Final Chapter, un volume basato sull'analisi dei diari del serial killer pubblicati all'inizio degli anni '90.

La vera storia di Jack lo Squartatore (film)20th Century Fox

Il libro di Feldman non è mai stato pubblicato in Italia. In compenso in questi giorni è uscito nelle librerie Sinceramente vostro, Jack lo Squartatore del neuropsichiatra e saggista Giuseppe Magnarapa. 

Il testo è una sorta di trasposizione in forma narrativa del lavoro di Feldman, in cui sono stati raccontati gli studi eseguiti per attestare la veridicità dei diari del killer, inizialmente bollati come falsi.

In realtà, un'analisi di carta e inchiostro dimostrerebbe che sono originali e che il loro autore è James Maybrick, un commerciante di cotone di Liverpool.

Sembra che l'uomo fosse ossessionato dalla moglie Florence, traditrice incallita. Tant'è vero che nella foto di uno dei delitti si intravedono le iniziali di lei, scritte con il sangue.

James Maybrick e la moglie FlorenceLiverpool Echo
James Maybrick e la moglie Florence Maybrick

Dovevano essere l'uno il degno compagno dell'altra, dato che l'uomo morì avvelenato dalla moglie. Non solo, pare che James Maybrick fosse in possesso di un orologio da taschino con incise le iniziali delle cinque vittime e la frase "Io sono Jack"

Cosa ne pensate? Questi diari si possono considerare la prova definitiva sulla vera identità di Jack lo Squartatore? In realtà, Paul è solo l'ultimo di un numero abbastanza nutrito di scrittori, investigatori e studiosi che hanno cercato di risolvere il mistero degli omicidi di Whitechapel. 

Patricia Cornwell, per esempio, ha studiato a lungo il caso e ha scritto persino un libro in cui puntava il dito contro il pittore Walter Sickert.

Nel 2012, l'investigatore privato Randy Williams ha analizzato 50 famosi serial killer in modo da stilare un profilo di Jack. Una volta tratteggiato l'identikit, lo ha utilizzato per individuare gli uomini che, per vicinanza geografica e tratti caratteriali, potevano corrispondere allo Squartatore. Alla fine, ne ha identificati tre: Louis Deimschutz, Isaac Kozebrodski e Samuel Friedman. 

Nonostante il poderoso lavoro, la teoria dei tre assassini non è accreditabile al 100%. Williams, infatti, aveva usato la testimonianza di una delle vittime, Emma Smith.
Emma sopravvisse abbastanza da descrivere i suoi tre assalitori, ma non è considerata a tutti gli effetti una delle vittime del consolidato modo di operare di Jack lo Squartatore, la cui irreperibilità ha ispirato persino il videogioco Assassin's Creed Syndicate.

Chissà se si giungerà mai ad una identificazione definitiva!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.