FOX

Bozzetto non troppo è il docu-film sul re dell'animazione italiana

di -

Bozzetto non troppo è l'ultimo lavoro cinematografico di Marco Bonfanti. Il docu-film traspone in una sorta di racconto il genio e l'anima del fumettista italiano Bruno Bozzetto.

33 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Bruno Bozzetto è uno dei disegnatori di animazione più noti sia a livello nazionale che internazionale: è l'autore di oltre 300 pellicole, divise tra lungometraggi e film di animazione.

Nato nel 1938, Bruno Bozzetto inizia la sua lunga carriera, che continua in modo brillante ancora oggi, nel 1958. Bozzetto Non Troppo offre la possibilità di conoscere prima la persona e dopo il personaggio del fumettista. Attraverso immagini semplici, estrapolate dal quotidiano, si scopre così la vera anima dell'ideatore del Signor Rossi, un personaggio immaginario creato da Bozzetto e protagonista di numerosi cortometraggi del disegnatore italiano.  

Bruno Bozzetto nel documentario interpreta se stesso, lasciandosi scoprire e svelando le ispirazioni quotidiane da cui prende spunto, come ad esempio quella comunicazione non verbale ma intensa e incisiva che appartiene agli animali. Da loro si può imparare molto: si può scoprire una sensibilità conoscitiva diversa, che apre un mondo nuovo composto di empatia e zero parole.

Queste caratteristiche sono le stesse che animano i protagonisti dei lavori di Bozzetto, fatti di immagini, colori e linee che dicono e fanno parlare i sentimenti attraverso un linguaggio diverso: quello delle emozioni.

Bozzetto non troppo di Marco Bonfanti
Bozzetto non troppo è il docu-film che mostra l'estro e la creatività del re dell'animazione italiana

Marco Bonfanti decide di portare sul grande schermo un omaggio non solo artistico ma soprattutto umano al fumettista.

Che cos'è un disegno per Bozzetto? È un'idea intorno una linea. Dietro i personaggi animati come quello del Signor Rossi si nasconde non solo un genio creativo, ma anche un uomo che ha una storia da raccontare.

Bozzetto Non Troppo è proprio questo: un docu-film che ha come scopo principale quello di delineare e mostrare attraverso immagini quotidiane chi è il fumettista, nonché uomo che si cela dietro i propri lavori. 

Bonfanti entra nella vita quotidiana di Bozzetto dove, tra la semplicità della vita vissuta tra le colline del Bergamasco, nascono le idee che appassionano grandi e piccini. Mondo disegnato e mondo reale si fondono attraverso un tempo che scorre lento, in una realtà umana e semplice come lo è quella della vita di Bozzetto.

Il docu-film di Bonfanti deve parte del proprio nome a Umano non troppo, un film di animazione diretto e prodotto dallo stesso Bozzetto.

Si tratta di un lavoro sui generis e particolare non solo per il suo contenuto, ma anche per la tecnica utilizzata all'epoca della sua realizzazione (stiamo parlando del 1976). Umano non troppo, infatti, è un mix di episodi animati che vengono inseriti all'interno di un film-cornice girato in bianco e nero. Tutto si svolge all'interno di un teatro in cui un direttore d'orchestra fa eseguire brani classici da personaggi non convenzionali come alcune vecchiette, sottratte alla vita grigia e noiosa dell'ospizio.

L'ironia e il saper sorridere sono caratteristiche importanti che animano non solo chi crea l'intrattenimento, ma anche il pubblico che è disposto ad accoglierne il messaggio, che viene donato tra una risata fragorosa o un semplice sorriso.

Il sarcasmo è ciò che a volte scaturisce da quegli stessi insuccessi della vita che hanno portato alla nascita del Signor Rossi. Questo famoso personaggio animato nasce in un modo bizzarro e che vale la pena raccontare anche per capire meglio il senso di Bozzetto Non Troppo.

All'epoca della sua realizzazione, Bozzetto era frustrato perché una delle sue produzioni era stata rifiutata. Decise così di usare l'esperienza, facendola diventare l'ispirazione per un personaggio animato. Nacque così Un Oscar per il Signor Rossi.

Questo personaggio incarnava l'uomo medio, travolto da un'epoca economicamente fiorente ma in cui si iniziavano ad intravedere le prime nevrosi e il lato oscuro della medaglia del progresso. Inizia così la lunga serie animata del Signor Rossi.

Bozzetto Non Troppo mostra come sia possibile disegnare ciò che non può essere detto a parole, svela come un tratto scuro su di un disegno possa spiegare una contraddizione della vita o, ancora, come un'idea originale può essere semplicemente la trasposizione di un giorno qualunque.

Bozzetto Non Troppo è uscito nelle sale lo scorso 14 ottobre ed è ancora in programmazione.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.