FOX

Bryan Fuller abbandona il ruolo di showrunner di Star Trek: Discovery

di -

Star Trek tornerà in TV nel 2017 ma al posto di comando non ci sarà Bryan Fuller: lo showrunner lascia la guida dell'atteso ritorno dell'Enterprise in televisione.

Bryan Fuller al Comicon

0 condivisioni 0 commenti 4 stelle

Share

La notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno dalle pagine di VarietyBryan Fuller ha abbandonato il ruolo di showrunner di Star Trek: Discovery, la nuova serie TV che riporterà l'Enterprise sul piccolo schermo a partire dal 2017. La decisione è stata presa di comune accordo con i produttori esecutivi Gretchen Berg e Aaron Harberts. Discovery, le cui riprese inizieranno nei prossimi mesi e la cui messa in onda è prevista per maggio 2017, non perderà comunque Fuller come produttore esecutivo.

CBS, che basa le sue previsioni di ricavo dagli abbonamenti contando sull'effetto traino del ritorno di Star Trek, è corsa subito ai ripari. Dai comunicati ufficiali si apprende infatti che Fuller non solo rimarrà come produttore esecutivo e sceneggiatore dei due episodi che apriranno la serie TV, ma anche che ha già imbastito l'arco narrativo della prima stagione, che i suoi successori seguiranno fedelmente. L'emittente statunitense, che punta al ritorno di Star Trek in TV tanto da investire un budget superiore ai 6 milioni di dollari a episodio, ha dichiarato: 

Bryan è un talento creativo brillante e un appassionato fan di Star Trek, che ci ha aiutato a delineare il corso della nuova serie. Ci impegneremo a rispettare e seguire la sua visione in vista del lancio di Discovery, che avverrà a maggio 2017.

Tra i possibili candidati per il ruolo di showrunner rimasto vacante il favorito è lo sceneggiatore e regista Akiva Goldsman, noto per il suo lavoro su Fringe.

L'addio (o forse l'arrivederci) di Fuller non è stato però del tutto amichevole. Secondo i rumors delle ultime settimane, pare ci siano stati dissapori tra Bryan Fuller e la CBS, che pressava lo showrunner sui tempi di realizzazione di Discovery. Fuller, impegnatissimo nelle ultime settimane di riprese dell'imminente American Gods (adattamento del romanzo più noto di Neil Gaiman prodotto da Starz) e già al lavoro sul reboot di Amazing Stories per NBC, ha preferito quindi lasciare la testa del progetto che riporterà l'Enterprise in TV.

Il nodo principale ancora tutto da sciogliere è però il casting della protagonista della serie: CBS vorrebbe scegliere al più presto l'attrice che ricoprirà il ruolo principale, Fuller invece (che ha spinto molto affinché il punto di vista centrale fosse femminile) non è ancora riuscito a trovare l'interprete ideale. In effetti la situazione è ancora più complicata a livello di programmazione: i casting ufficiali per trovare la nuova eroina di Star Trek non sono ancora cominciati. 

Bryan Fuller non è più lo showrunner di Star Trek: DiscoveryHDGettyImages
Bryan Fuller

I produttori esecutivi di Discovery sono colleghi e amici di vecchia data di Fuller, perciò, prima di dare l'annuncio del suo addio al progetto, hanno lavorato alacremente per riprogrammare tutta la lavorazione della serie TV. Il risultato è che Discovery arriverà comunque a maggio 2017 (punto che di fatto ha causato la rottura con Fuller, che aveva sperato qualche mese extra a disposizione) ma verrà comunque seguita dall'impegnatissimo showrunner, anche se non giorno per giorno sul set.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.