FOX

Call of Duty: Infinite Warfare, Belen Rodriguez e lo spot della polemica

di -

Belen Rodriguez testimonial della Call of Duty Italian Video Challenge fa scatenare la polemica tra la community di videogiocatori. Il marketing facile non premia?

 Un primo piano sexy della showgirl Belen Rodriguez

168 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

"Ciao a tutti, come sapete sono una ragazza a cui piacciono le sfide". È bastata questa frase per scatenare l'ilarità e il disappunto degli appassionati di Call of Duty e, più in generale, di gran parte dei videogiocatori italiani.

Disappunto e ilarità che bussano alla porta di Activision, colpevole di aver scelto come testimonial del suo Call of Duty: Infinite Warfare niente meno che Belen Rodriguez.

La showgirl argentina, tanto amata quanto odiata dal popolo italico, nello spot si dice entusiasta di presentare la Call of Duty Italian Video Challenge, sfida all'ultima kill virtuale tra alcuni youtuber - e che ha visto trionfare il TEAM SATO. Al suo fianco altri due testimonial d'eccezione, Frank Matano ed Emis Killa

Quasi tutti concordano però nel giudicare la "prova d'attrice" della nostra Belen nazionale piatta e ben poco convincente.

È un roba goffa e senza senso, perché Call of Duty: Infinite Warfare, nonostante molte critiche negative legate all’ambientazione troppo futuristica, sarà comunque in cima alle classifiche di vendita per molto tempo, anche senza Belen Rodriguez.

Si legge ad esempio su Wired Italia. Ma sono i commenti degli utenti sui social a scatenare, primi fra tutti, la polemica, per un video che profuma di soldi facili e di marketing 2.0 decisamente fuori luogo.

Vero è che pubblicizzare videogiochi è un'arte più volte trasformatasi nel tempo. Lo stesso franchise di Call of Duty ha puntato negli anni passati sulle curve seducenti e letali di Cara Delevingne (chiamata per l'esplosivo live action trailer di Black Ops III) e Megan Fox (agguerrito e bellissimo volto di Ghosts).

Eppure la presenza della Rodriguez, la ragazza a cui piacciono le sfide epiche e divertenti, è stata interpretata da subito come un vero e proprio affronto alla credibilità dell'industria del gaming tutta, almeno qui nello Stivale.

Voi come la vedete, credete che Activision italia abbia scelto la strada de "l'importante è che se ne parli" per contrastare i rivali Battlefield 1 e Titanfall 2?

Mentre ci pensate, vi ricordiamo che Call of Duty: Infinite Warfare debutterà nei negozi il prossimo 4 novembre, in versione PlayStation 4, Xbox One e PC.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.