FOX

Dalla Londra vittoriana alla Via della Seta: arriva a Lucca Kaoru Mori

di -

Una delle voci più amate e anticonvenzionali della scena manga contemporanea incontrerà i fan italiani a Lucca Comics & Games: siete pronti a conoscere Kaoru Mori?

Un'illustrazione di Kaoru Mori

0 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

L'edizione numero 50 di Lucca Comics & Games sarà davvero indimenticabile e ricchissima di incontri imperdibili con grandi autori e disegnatori. Quest'edizione di Lucca Comics & Games è appuntamento tanto vasto e ricco di sorprese che si rischia di perdere qualche occasione irripetibile, come quella che JPop mette a disposizione dei suoi lettori. I fan presenti all'evento avranno la fortuna di poter incontrare Kaoru Mori, la regina dello shoujo d'impronta storica. 

Il nome di Kaoru Mori non vi dice nulla? In attesa di conoscerla di persona a Lucca e recuperare un paio di volumi davvero speciali da lei firmati (e disponibili in anteprima nel lungo weekend toscano dedicato ai fumetti e ai videogame), ecco tutto quello che dovete sapere su un'artista incredibilmente talentuosa e dalle piccole manie davvero sorprendenti. 

Un solo feticcio: le cameriere 

Kaoru Mori, nata a Tokyo nel 1978, è un'autrice affermata a livello internazionale: le sue due serie più note, Emma Una Storia Romantica e I Giorni della Sposa, sono in corso di serializzazione non solo in Giappone, ma anche negli Stati Uniti, in Francia e ovviamente in Italia (dove sono entrambe pubblicate da JPop). 

Poco più di un decennio fa, Kaoru Mori era solo una giovane esordiente, che si era fatta le ossa come tante colleghe nel settore delle doujinshi (pubblicazioni amatoriali contenenti brevi storie scritte e disegnate ispirandosi a manga famosi) con lo pseudonimo di Fumio Agata.

Non è raro che le prime pubblicazioni di un’artista siano alimentate dalle passioni più forti della sua adolescenza, dai piccoli feticci e dalle ossessioni che diventano protagoniste delle sue storie. Basta leggere qualche capitolo di una storia scritta e disegnata dalla Mori per scoprire la sua sconfinata fascinazione per il corpo femminile, dalle forme appena abbozzate di una scolaretta a le prorompenti rotondità delle pin-up, protagoniste negli anni successivi di tante sue illustrazioni e storie extra.

Lucca, i fan in attesa di Kaoru MoriJPop
La copertina italiana del volume antologico Anything & Something

Corollario di questa estetica sensuale e accattivante è la sua insana passione per le divise da cameriera, complete di ogni dettaglio: cuffietta, grembiule, gonna alle caviglie, calze spesse, scarpe comode. La voglia di imprimere su carta i movimenti di una cameriera all’opera nello scenario principe di questo immaginario, la Londra vittoriana, è tale che Kaoru Mori ha finito per costruirci un manga attorno, Shirley (2003) disponibile nella sua prima trasposizione in italiano, in anteprima, proprio a Lucca.

Ancora desiderosa di esplorare la vita segreta delle cameriere, fatta di infinite regole ed etichette ma anche di attimi preziosi nella casa dei loro facoltosi datori di lavoro, Kaoru Mori era tornata nella Londra vittoriana con la sua prima opera lunga, Emma.

Dopo mesi di ricerche, la mangaka cominciò la lunga serializzazione di Emma Una Storia Romantica, conclusasi dopo 7 volumi di storia principale e 3 raccolte di episodi extra e spin off. Dopo la timida e impacciata Shirley, la nuova eroina in livrea della Mori è Emma, una giovane donna dalla quieta bellezza, riflessiva, pacata ma dalla volontà di ferro.

Kaoru Mori sarà tra gli ospiti di Lucca Jpop
La copertina del quarto volume dell'edizione italiana di Emma

Cameriera e aiutante di una distinta insegnante andata in pensione, con il suo sguardo sincero e riservato dietro gli occhiali e una punta di tristezza, Emma è entrata nel cuore dei lettori di tutto il mondo e di parecchi spasimanti che busseranno alla sua porta.

Downton Abbey prima di Downton Abbey 

Nonostante il tratto di Kaoru Mori fosse ancora acerbo, Emma la lanciò definitivamente a livello nazionale e internazionale, fino alla realizzazione di una serie animata. Quella che a prima vista poteva sembrare una banale storia d’amore in epoca vittoriana si rivelò ben presto un’opera di ampio respiro, dalla sorprendente puntualità storica.

Victorian Romance Emma è Downton Abbey prima di Downton Abbey, un manga che usa la nostra fascinazione per l’epoca vittoriana e le sue travagliate storie d’amore per mostrarci con grande lucidità la vita quotidiana e il pensiero di quell’epoca. Una giovane donna giapponese ha saputo cogliere la giusta vibrazione per catturare lo spirito degli anni della regina Vittoria, così come solo i grandi romanzi dell’epoca e i migliori sceneggiati BBC hanno saputo fare.

Kaoru Mori incontra i fan a LuccaHDJPop
Un'illustrazione a colori di Emma

Al fianco di Emma, il manga è popolato di esponenti dei piani nobili e dei lavoratori delle cucine e dei piani umili, fino a creare un ricco parterre di affascinanti personaggi da cui il pubblico è rimasto stregato. Per esaudire le sue richieste, l'autrice ha realizzato alcune storie extra per dare un finale ad hoc ad ogni personaggio comprimario della serie. Se siete orfani della serie TV di ITV, sicuramente amerete Emma e non escludo vi possa addirittura sorprendere, con uno spaccato ancora più autentico delle insopprimibili differenze di classe nella società inglese. 

Sulla Via della Seta

L'opera della maturità stilistica e narrativa di Kaoru Mori però è il suo manga successivo, ancora in corso di serializzazione: I Giorni della Sposa (iniziato nel 2008 e arrivato al suo settimo volume) è un'opera così puntuale nella sua ricostruzione storica e mai banale nel parlare di Oriente e Medioriente da aver vinto Angoulême International Comics Festival nel 2012 ed essersi piazzato al secondo posto al prestigioso Manga Taisho Award dell'anno precedente. 

Kaoru Mori incontra i fan a LuccaJpop
La copertina del sesto volume dell'edizione italiana de I Giorni della Sposa

Gli amanti dei grandi romanzi storici e i lettori di manga stanchi di tante commedie scolastiche o shounen di lotta fatti con lo stampino troveranno in Otoyomegatari un manga davvero unico, che ha saputo stupire anche i lettori di vecchia data dell'autrice. Dalla fumosa Londra vittoriana ci spostiamo nell'area del Mar Caspio nel XIV secolo. Qui uno studioso occidentale vive ormai da anni a contatto con le popolazioni semi nomadi della zona, ospitato dai vari clan familiari che raccontano orgogliosi allo straniero le loro tradizioni.

Il manga si apre con la storia di Amira, una sposa recentemente entrata a far parte del marito Karluk, l'erede poco più che bambino e molto più giovane di lei. Abile cacciatrice e ricamatrice, donna sensuale e dallo spirito fiero, Amira tenta di rendersi utile alla famiglia d'adozione e di far funzionare un rapporto che le male lingue condannano per l'età avanzata della ragazza (ai nostri occhi appena una ragazzina). 

Kaoru Mori incontra i fan a LuccaHDJpop
Una tavola ricca di dettagli di I Giorni della Sposa

La storia d'amore davvero eccezionale tra Karluk e Amira rimarrà al centro della saga, ma pian piano conosceremo altre spose e altre storie quotidiane. I Giorni della Sposa racconta una realtà radicalmente diversa da quella che crediamo di conoscere sulla vita e sulle tradizioni delle popolazioni nomadiche dell'Oriente. Kaoru Mori ha una sensibilità tale da saper affrontare una cultura così differente senza pregiudizi di sorta, ma anzi riuscendo a illustrare al lettore la coerenza di tradizioni ai suoi occhi arcaiche, senza dimenticare l'impressionante lavoro grafico attraverso cui racconta i mestieri tipici, le tradizioni culinarie, la caccia e l'allevamento presso queste popolazioni: delle tavole finemente cesellate impreziosiscono ogni volume, pronte a lasciare il lettore a bocca aperta (così come qualche maliziosa illustrazione da pin-up della bella Amira)

Insomma, Kaoru Mori è una delle grandi firme contemporanee del manga d'autore, capace non solo di meravigliare ma anche di divertire, senza dimenticare qualche svolta ammiccante che la rende particolarmente amata anche dal pubblico maschile. Se nei prossimi giorni sarete a Lucca, non perdetevi i tanti incontri con l'autrice o tentate di recuperare i volumi dei suoi incredibili manga: non ve ne pentirete. 

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.