FoxLife

Strike A Pose, i segreti dei ballerini di Madonna arrivano al cinema

di -

Arriva nelle sale solo il 5 e 6 dicembre Strike A Pose, il documentario firmato da Ester Gould e Reijer Zwaan che racconta la vera storia dei ballerini di Vogue.

Madonna e i ballerini di Vogue

35 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Strike a Pose! Nella primavera del 1990 l'invito di una giovane Madonna a mettersi in posa e ballare ebbe un effetto dirompente sulla cultura pop mondiale. In quell'anno la cantante pop (oggi al centro di molte critiche per i suoi ambigui messaggi elettorali) pubblicava Vogue, il primo singolo estratto dall'album I'm Breathless, accompagnandolo con un videoclip diventato più che iconico

Il successo di quel brano fu planetario: più di 6 milioni di copie vendute e una sequenza di mosse - che accompagna i ritornello nel videoclip - diventata una vero e proprio fenomeno di costume e inno dei movimenti LGBT. Il vogueing, il ballo portato alla ribalta da Madonna, invitava il pubblico a imitare le pose plastiche delle modelle e dei modelli di Vogue, mettendosi in posa e liberando la propria personalità, abbattendo barriere, preconcetti e conformismi. 

Se Madonna è poi diventata un'icona imperitura della musica pop, anche i ballerini che presero parte al tour, ballando con lei sul palco durante l'esibizione di Vogue, ebbero la loro fetta di fama. Infatti 7 giovani ballerini americani vennero scritturati per accompagnare la pop star nel controverso ma ormai mitico Blond Ambition Tour del 1990, criticatissimo per le sue esibizioni che mescolavano sesso e religione.

A 25 anni di distanza, un documentario ha fatto luce sul dietro le quinte di quel tour epocale e sul sogno diventato realtà di quei 7 artisti, invitandoli per una reunion. Strike a Pose di Ester Gould e Reijer Zwaan racconta come con le loro esibizioni di danza i 7 ballerini insegnarono al mondo a non preoccuparsi del giudizio altrui, ad essere sempre se stessi

Presentato in anteprima mondiale all’ultimo Festival di Berlino, Strike a Pose racconta a 25 anni di distanza l'emozionante esperienza di Luis Camacho, Jose Gutierrez, Kevin Stea, Oliver Crumes III, Salim Gauwloos, Carlton Wilborn e Sue Trupin. Come sono cambiate le loro vite dopo quel tour? Come è proseguita la loro carriera dopo aver preso attivamente parte a una vera e propria rivoluzione per la cultura gay? 

I ballerini di Madonna si raccontano in Strike A PoseHDNexo Digital
La locandina del film

Il documentario ripercorrerà anche le controversie legali seguite a Truth or Dare, il documentario uscito nel 1991 e dedicato al tour. In quel film, Madonna prendeva una forte posizione sui diritti degli omosessuali (con tanto di celebre bacio tra uomini), usando il suo corpo di ballo come icona e vessillo. In seguito però 3 dei 7 ballerini fecero causa alla cantante proprio per questo motivo. Strike A Pose indaga questo paradosso e la sottile linea di demarcazione tra libertà espressiva e diritto alla privacy. 

Strike a pose di Ester Gould e Reijer Zwaan arriverà in un numero selezionato di sale solo il 5 e 6 dicembre 2016, distribuito da Nexo Digital.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.