FOX

Anche Ms. Marvel incita al voto alle elezioni americane [GALLERY]

di -

Le discussioni sulle elezioni americane dilagano su tutti i media. Anche nel mondo dei fumetti, Ms. Marvel sottolinea l'importanza del voto nel numero di novembre.

Ms. Marvel in posa di fronte alla bandiera americana

3 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Tutti gli appassionati di fumetti sono soliti considerare il mondo reale e quello cartaceo come due realtà distinte e separate. Gli eroi di carta e inchiostro vivono all'interno di città completamente differenti da quelle di calce e mattoni e di conseguenza sperimentano situazioni sociali uniche. In fin dei conti, è proprio questo il bello dei fumetti: trasportare in mondi strani e anomali.

In alcune occasione, però, nella società di tutti i giorni avvengono dei fatti così sconvolgenti da venire assorbiti e trasferiti nel mondo dei fumetti. L'esempio più rappresentativo e poetico è probabilmente il crollo delle Torri Gemelle. L'attacco terroristico fu un evento così importante e drammatico che tutti gli eroi omaggiarono rispettosamente le vittime newyorkesi.

Nell'ultimo periodo, un evento storico sta suscitando l'interesse degli americani e non solo. La discussione sulle elezioni per la presidenza statunitense, con lo scontro tra Donald Trump e Hillary Clinton, dilaga su tutti i media. L'Election Day viene ormai considerato come un punto di svolta per la storia americana.

Ms. Marvel mentre distrugge un vetroHDMarvel
Ms. Marvel è in realtà la ragazza mussulmana Kamala Khan.

Con un evento così importante a scuotere la vita quotidiana, i fumetti non potevano che sentirsi chiamati a dare la propria opinione sulla questione. In rappresentanza di tutta la categoria, Ms. Marvel, meglio nota come Kamala Khan, esce nelle edicole con una storia del tutto anomala.

Nel numero di novembre la supereroina accantona per un momento la lotta a criminali e cattivi, per dare la propria opinione sull'importanza del voto elettorale. Dopotutto, chi meglio di lei, la prima super di origine pakistana, poteva raccontare questo scontro politico incentrato sui diritti per gli stranieri e l'immigrazione?

All'interno della storia, Kamala Khan è all'inizio di un nuovo capitolo della sua vita. Girovagando per le strada di Jersey City, la sua città natale, l'eroina si vedrà impegnata a incoraggiare i cittadini a utilizzare il diritto di voto, il loro superpotere personale.

Ms Marvel mentre osserva l'orizzonte con lo zaino in spallaHDMarvel
Gli ultimi due albi a fumetti dell'eroina sono realizzati dall'italiana Mirka Andolfo.

Per quanto riguarda gli italiani, però, il numero 13 di Ms. Marvel ha anche un valore aggiunto. Se infatti la storia e i testi sono stati realizzati dalla famosa scrittrice G. Willow Wilson, i disegni sono di Mirka Andolfo, giovane artista italiana, già autrice di Sacro/Profano e ControNatura, alle prese con il suo secondo lavoro Marvel.

Tra la storia che valica il confine tra realtà e fumetto e il lavoro artistico tutto al femminile, il numero di novembre di Ms. Marvel ha tutte le caratteristiche per diventare uno di quegli albi da collezione, da dover possedere assolutamente. Nel frattempo, i punti di vista sulle elezioni americane continuano a moltiplicarsi, dilagando sui diversi media che le reinterpretano a modo proprio, come hanno fatto I Simpson o Game of Thrones.

Noi nel frattempo, aspettando l'uscita nelle edicole italiane, possiamo gustarci le prime tavole della storia, un'anteprima di Comicosity.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.