FOX

Animali Notturni, la recensione: l'amore uccide, anche nei romanzi

di -

Tom Ford ci rivela che anche i ricchi più distaccati e disillusi soffrono, seguendo una bellissima e dolente Amy Adams tra le pieghe di un romanzo pericoloso.

Amy Adams in Animali Notturni

42 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Se c'è un aspetto che apprezzo in un cineasta che si confronta con l'adattamento di un romanzo al cinema, è la capacità di non farsi soggiogare dallo stesso e tradirlo quanto necessario alla riuscita del film. Giunto al suo secondo film da regista dopo l'acclamato A Single Man, Tom Ford è sbarcato a Venezia con Animali Notturni, un thriller di grande classe che prometteva una storia ricca di bellezza, ricchezza e tensione narrativa. 

Tom Ford non si tira certo indietro nel intervenire in maniera massiccia sul testo originale, il romanzo Tony & Susan di Austin Wright, tanto da lasciarne intatto solo l'impiantito, trasportando la narrazione in un mondo che ben conosce e chiaramente frequenta. Dalla upper class statunitense le vicende della protagonista Susan vengono trasportate nel gotha economico e culturale della nazione, quello che col proprio denaro si è costruito una facciata sfavillante e una corazza impenetrabile

La recensione di Animali NotturniHDUniversal Pictures
La locandina del film

Di questo mondo fa parte anche Susan (una Amy Adams esteticamente sublime e ricercatissima), gallerista di grido invischiata in un matrimonio glaciale quasi quanto la sua espressione. La sua reazione è studiata e impercettibile ad ogni minimo dettaglio della propria vita e del proprio successo. Dietro i suoi vestiti impeccabili, i suoi capelli sempre in ordine e un trucco dalle tinte quasi violente, Susan nasconde una sottile inquietudine e un'insonnia cronica, che verrà amplificata da Animali Notturni. Questo è il titolo di un manoscritto che l'ex marito di lei le ha inviato, desideroso di un'opinione in merito. Perennemente insonne e sul chi vive, Susan si immergerà in una lettura via via più angosciante e violenta: cosa avrà voluto comunicarle il suo ex attraverso la storia di Tony, marito al centro di un incubo nato in una notte pericolosa sulle strade del Texas? 

Da lettrice del libro posso dire che Tom Ford ha fatto tutto il possibile per rendere la storia più aggressiva, più tesa, ma soprattutto capace di dare una risposta dopo aver posto così tante domande. L'importanza del romanzo nel romanzo infatti è tale da necessitare di una risposta contenuta al suo interno, o almeno di una domanda sensata: dove il libro sostanzialmente fallisce, Tom Ford riesce a piazzare un segreto, una colpa che mantenga in precario equilibrio la storia, fino al suo colpo di scena. 

Animali Notturni, la recensioneHDUniversal Pictures
Amy Adams è Susan in Animali Notturni

Il suo errore, a monte, è stato però quello di scegliere proprio questo libro (e suo corrispettivo meta-libro), un'opera così disordinata e inconcludente che neppure i notevoli innesti personali del regista e stilista sono riusciti a redimere. Le parti più riuscite sono sicuramente quelle che descrivono e talvolta irridono il mondo degli abbienti: un sottobosco di una bellezza respingente e di un'umanità glaciale, dove chi prova dei sentimenti è perduto.

Nemmeno tutta la competenza di Amy Adams e neppure l'enorme lavoro di Jake Gyllenhaal, capace di dare profondità e senso all'insipido protagonista del manoscritto, possono nulla di fronte a una storia che vaga a vuoto nelle notti texane e losangeline, senza meta e senza perché. 

La recensione di Nocturnal AnimalsHDUniversal Pictures
Amy Adams è la bellissima musa di Tom Ford in Animali Notturni

Senza una forte storia ad ancorarlo ad un'esigenza comunicativa di qualche genere, Tom Ford commette un secondo grave errore, simile a quello in cui incappa talvolta il nostro Paolo Sorrentino: lascia che sia l'estetica a farla da padrona, perdendosi nel proprio ideale di bellezza e cadendo talvolta nel ridicolo. 

Peccato quindi che questo enorme dispiegamento di potere, prestigio, attori e sentimenti sia stato investito in una storia che lascia ben poco a parte una vaga sensazione di confusione. 

Animali Notturni sarà nei cinema a partire dal 17 novembre 2016.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.