FOX  

The Walking Dead: Recensione episodio 7x04. Al tuo servizio

di -

Prima di Negan si sopravviveva, ma si provava anche a vivere. Dopo Negan, non è più vita. Dopo Negan, c’è solo… Negan. Ma non per tutti. Forse qualcuno spera ancora.

2k condivisioni 12 commenti 5 stelle

Share

“Conseguenze” non rende l’idea. Non abbastanza. Non dopo ciò che hanno vissuto Rick Grimes e i suoi amici a causa di Negan.

“Contraccolpo” è un termine già più adeguato. Lo dimostra il teaser - cioè la parte che precede la sigla - del quarto episodio di The Walking Dead, stagione 7.

Rick e Michonne sono nella loro casa, nel loro letto. Dormono ancora insieme, ma si danno le spalle. Lei si sveglia e gli rivolge uno sguardo piuttosto eloquente: niente è più come prima.

Rick e Negan

Poi Michonne scende di nascosto, prende una sacca di armi ed esce. Rick la vede, ma non dice nulla.

In effetti nessuno, fino al momento in cui Rick va a prendere Judith, dice nulla.

C’è un motivo per cui s’inizia nel silenzio: non si parla che di Negan, dei Salvatori, di “loro”.

Non si parla d’altro perché non è più possibile parlare d’altro.

Non c’è più nessuna vita, se non quella dopo Negan.

The Walking Dead 7x04: Spencer e Rosita

E quando lui arriva al cancello di Alexandria, il terrore negli occhi di Rosita è eloquente. Abbastanza anche per Spencer, che non c’era. Che non l’ha ancora incontrato.

Ecco il punto: agli occhi di Spencer, come a quelli di chiunque non lo conosca, è solo un uomo. Un uomo con una mazza da baseball ricoperta di filo spinato.

Un uomo che aveva detto si darebbe presentato dopo una settimana, e invece è arrivato in anticipo. Insieme ai suoi uomini. E a Daryl

Come se non bastasse, affida Lucille alle mani di Rick.

Negan provoca. Continuamente. Incessantemente. Non fa altro, per l'intero episodio.

Mette alla prova loro, ma anche noi.

The Walking Dead: Negan ai cancelli di Alexandria

Conosciamo Arat, assistiamo alla razzia insieme a tutti gli abitanti di Alexandria, impotenti.

Negan, Dwight e gli altri non si limitano a prendersi ciò di chi hanno bisogno, o che vogliono.

Si appropriano di oggetti simbolici.

Il berretto di Rosita, la moto di Daryl. I materassi di tutti. Perfino la mira di Michonne, si sono portati via.

E lo sguardo di Rick. Il suo sguardo fiero.

Niente, assolutamente niente, è più come prima.

The Walking Dead 7x04: Rick e Negan nella dispensa

C’è una sola persona che non abbassa la testa di fronte a Negan.

Una persona che lo conosce bene. Carl Grimes. Per un ragazzino cresciuto fra gli zombie in un mondo ingiusto, una promessa è una promessa. Perché quel ragazzino è figlio di uno che le promesse le ha sempre mantenute.

La punizione per l’affronto di Carl non arriva con la morte o la mutilazione di qualcuno, ma con il sequestro di tutte le armi di Alexandria. Tutte.

E quando i pezzi sequestrati non corrispondono a quelli inventariati da Olivia, la sua vita è nelle mani di chi ha nascosto le armi che mancano.

Rick riunisce tutti nella chiesa e spiega che devono consegnarle. Cerca di spiegare cos’hanno vissuto i presenti al massacro di Abraham e Glenn

Adesso il leader non è più Rick: è Negan.

Conseguenze? No.

Contraccolpi.

Daryl e i Salvatori ad Alexandria

Rosita rischia la vita per prendere una pistola. Spencer la fa rischiare a tutti per le cose che ha rubato, incluse le armi mancanti.

Rick dimostra fedeltà a Negan, anche nei confronti di Michonne, per poter chiedere di lasciare Daryl ad alexandria. Ma è Daryl che non osa chiederlo. 

E poi, in questo episodio più lungo del conseuto, succede di tutto.

Rick fa Negan, con Spencer. Parla a Michonne di Shane, ci sciocca con la rivelazione: sa di non essere il padre di Judith. Ne ha la certezza...

Ma l’ama come una figlia, e farà di tutto per tenerla in vita. Eccola qui, la vita che resta: tenere in vita gli altri per espiare le decisioni che ne hanno fatti morire alcuni.

A questo serve la tomba vuota di Maggie. A questo serve “provarci”, a condurre uno straccio di vita…

Fino a quanto ti accorgi che si sono presi i materassi di tutti solo per bruciarli. Per piegarti, per metterti in ginocchio come hanno fatto con Daryl.

Ma Michonne non lo farà. No di certo.

Nel prossimo episodio di The Walking Dead...

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.