FOX  

Il 2116 di Hundred To Go visto da vicino. Così si dà vita al futuro

di -

Un nuovo video backstage ci svela com'è possibile realizzare una serie nel 2016 ed ambientarla nel 2116. Approfondiamo gli effetti visivi visti in Hundred To Go.

70 condivisioni 0 commenti

Condividi

Siamo ormai alle battute finali. X1 e Alice hanno scoperto qual'è il loro obiettivo per salvare il mondo del 2016 evitando la fine dell'amore e delle relazioni umane.

Il contributo di X2 e dell'Uomo senza doppio è stato fondamentale per capire cosa ha portato l'uomo a rinunciare ai sentimenti nell'anno 2116.

Ma com'è possibile realizzare una serie nel 2016 ed ambientarla nel 2116?

Per rispondere alla nostra domanda abbiamo chiesto direttamente a Marco Tripodi, Vfx supervisor che si è occupato di tutti gli effetti visivi utilizzati per creare il mondo del futuro di Hundred To Go.

Nel nuovo video esclusivo sul dietro le quinte della miniserie evento, Marco ci racconta com'è stato possibile realizzare l'architettura della città futuristica, sia per ciò che riguarda gli ambienti esterni sia quelli interni, oltre alle tecnologie utilizzate dai protagonisti, incluso il super computer parlante Lenny.

La sfida più grande, in ogni caso, è stata creare i cloni degli abitanti del futuro. L'impegno collettivo della squadra di tecnici ha fatto sì che fossero in grado di realizzare delle copie di X1 e delle altre comparse, dando vita a dei gemelli identici agli originali.

L'ultimo episodio di Hundred To Go andrà in onda lunedì prossimo, subito prima di The Walking Dead, alle 20.55 e come sempre in streaming in esclusiva solo su MondoFOX il giorno successivo.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.