FOX

I trailer di Iron Man e Captain America nello stile di Logan

di -

I trailer di Iron Man e Captain America vengono rivisitati secondo lo stile struggente di Logan, il nuovo capitolo delle avventure di Wolverine in arrivo al cinema.

Robert Downey jr. è Tony Stark nel trailer di Iron Man

610 condivisioni 1 commento 5 stelle

Share

"I am still right here". Dopo secoli, saghe, stand-alone e timeline alterate, Wolverine è ancora qui, pronto al capitolo più epico e decadente delle proprie avventure: Logan. Che succede, però, se il motivo musicale che accompagna il trailer del film con Hugh Jackman viene utilizzato per scandire le vicende di altri due beniamini Marvel, ovvero Iron Man e Captain America

Il risultato è un connubio affascinante, che lega il sound western di Johnny Cash ai trionfi e alle cadute dei due supereroi, acerrimi rivali nel recente Captain America: Civil War. Tony Stark e Steve Rogers subiscono il "trattamento Logan": le loro peripezie vengono enfatizzate dalle note della hit "Hurt", di cui il cantante folk esegue una struggente cover (il brano in realtà appartiene ai Nine Inch Nails).

Il singolo Hurt, inserito nel 1994 come ultima traccia dell'album The Downward Spiral, parla di ferite, sogni infranti e redenzione. Temi, questi, che caratterizzeranno Logan, terzo capitolo delle avventure dell'iracondo Wolverine che segnerà l'addio di Hugh Jackman al personaggio che l'ha consacrato star internazionale. È interessante vedere (e sentire) il mood tormentato della pellicola diretta da James Mangold venire applicato all'eccentrico magnate delle armi e all'integerrimo supersoldato a stelle e strisce.

"Old man, look at my life" cantava Neil Young, altro performer che non stonerebbe affatto nella soundtrack di Logan. Per certi versi, il canuto Wolverine somiglia un po' allo stagionato Iron Man di Robert Downey Jr.: porta con sé le cicatrici di mille battaglie ma, a differenza del supereroe ipertecnologico, ha perduto quasi tutto ciò che ha amato nel corso della propria vita. Eppure, vedere Tony Stark sulle note di una ballata struggente come quella di Johnny Cash fa un certo effetto.

I casi di Iron Man e Captain America sono solo gli ultimi esempi di mash-up musicale applicato ad un film di supereroi: nelle scorse settimane era toccato a X-Men 2 essere rivisitato nello stile di Logan. Tra i motivi che hanno spinto a dar vita ad iniziative del genere potrebbe esserci quello di innestare una forte componente drammatica all'interno del filone cinecomic, per natura votato all'entertainment.

L'odio razziale nella saga degli X-Men, la malattia in Deadpool, il passato scomodo in Civil War, il sacrificio in Logan, l'amore spezzato in Lo chiamavano Jeeg Robot: i film di supereroi fanno dannatamente sul serio.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.