FOX

J. Mangold, il regista di Wolverine 3, parla del lato umano di Logan

di -

Il nuovo film su Wolverine sarà diverso dai precedenti ed esplorerà il lato umano del supereroe mutante. Parola del regista Mangold e del protagonista Hugh Jackman.

Hugh Jackman: Logan

508 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

In Wolverine 3 non vedremo il mutante lupoide degli X-Men nel suo iconico costume giallo blu, ma scopriremo il vero Logan, l'uomo dietro la maschera. Già dal primo impatto, sarà un eroe totalmente diverso da quello cui siamo abituati: invecchiato, stanco, con la barba lunga, pieno di cicatrici, e soprattutto, con gli artigli nascosti.

Dopo 17 anni, questo è il nono film in cui Hugh Jackman interpreta la parte del super eroe nato dalla penna di Len Wein nel 1974: l'attore australiano sentiva il bisogno di aggiungere una nuova sfumatura a un carattere ormai esplorato fin troppo in profondità. Anche James Mangold, il regista, è dello stesso avviso e l'intenzione è quella di descrivere la storia con toni scuri, tragici, rispettando quindi lo stile del fumetto a cui si ispira.

L'obiettivo era realizzare qualcosa di umano. Faremo uno sforzo per ridimensionare la brillantezza e l'uso del green screen.

Con la pubblicazione della seconda pagina della sceneggiatura sul suo profilo Twitter, Mangold ha confermato la volontà di girare un film totalmente differente rispetto ai precedenti della saga:

Se volete qualcosa con una iper coreografia, che sfidi la gravità, in cui vengano distrutti i quartieri delle città, questo non è il vostro film.

Worn

A photo posted by @wponx on

Nei commenti dello stesso post, Mangold ha pubblicato anche il primo poster della pellicola, rendendo così esplicito il titolo. Una scelta che si lega benissimo alla volontà di raccontare l'uomo dietro l'eroe. Infatti, il film si intitolerà semplicemente Logan.

il poster di Logan
Il prossimo Wolverine 3 si intitolerà semplicemente Logan

Allora, per una miglior comprensione di questa storia, si consiglia di seguire alla lettera l'indicazione di Hugh Jackman:

È essenziale leggere questo film come la storia d un uomo che sta combattendo con la morte e con un'eredità da lasciare, ma vuole scoprire se il mondo sia meglio con o senza di lui.

Fonte: Empire (via CBR)

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.