FoxLife

Amore e Inganni, Whit Stillman e Jane Austen gareggiano in arguzia

di -

In concomitanza con l'uscita del film, torna in libreria il romanzo epistolare di Jane Austen da cui è ispirato, insieme alla rilettura moderna di Whit Stillman.

Kate Beckinsale e Xavier Samuel

33 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Gli amanti della comedy of manners e dei film in costume di austeniana memoria hanno già fatto partire il conto alla rovescia, perché mancano poche ore all'arrivo in sala di Amore e Inganni. Questa frizzante commedia (che vi abbiamo già recensito) è l'adattamento cinematografico di una delle opere meno note di Jane Austen, intitolata Lady Susan. Questo breve romanzo epistolare venne pubblicato dal nipote dell'autrice nel 1871, ma venne scritto in bella copia dall'autrice stessa nel 1794: si tratta quindi di uno progetto giovanile di una delle autrici inglesi più lette e apprezzate nel mondo. 

Come mai Jane Austen non lo pubblicò subito? Non mancano notizie di numerosi scritti che l'autrice scartò, insoddisfatta del risultato, ma il fatto che stese di persona una bella copia di Lady Susan fa ipotizzare che fosse soddisfatta del risultato. Probabilmente negli anni in cui questa brillante commedia epistolare rimase chiusa nel cassetto, il genere basato sullo scambio fittizio di lettere passò di moda e l'autrice giudicò la forma troppo datata per essere pubblicata. 
Per fortuna ci pensò suo nipote a dare alle stampe le maliziose traversie di Lady Susan, affascinante vedova con una figlia da sposare, un patrimonio inesistente ma tanta arguzia e malizia da riuscire a ingannare quasi tutti. 

Neri Pozza pubblica Amore e InganniBEAT
La copertina italiana del romanzo

Tra i tanti appassionati dell'autrice, che qui si auto-definisce ironicamente la Zitella, questa è di certo una delle opere meno note, soprattutto rispetto ai suoi romanzi più lunghi. Tra i tanti lettori stregati dalla Austen anche un certo Whit Stillman, che col mondo dell'arte e dell'editoria ha sempre lavorato: ha fatto l'editor, il commediografo, lo sceneggiatore e infine si è trasformato in un regista. 

Alcuni anni fa, Stillman scoprì per caso di non aver letto uno degli scritti di una delle sue autrici predilette. Dopo la lettura di Lady Susan, s'invaghì a tal punto del personaggio da scriverne una sceneggiatura, ampliando lo scarno materiale a disposizione e rendendo giustizia a una delle figure più civettuole, argute e malevole che la penna dell'autrice abbia mai concepito. 

Amore e Inganni, Jane Austen è tornataHDA2
Lady Susan è interpretata nel film da Kate Beckinsale

Lady Susan infatti è il villain perfetto: sotto la sua grazia da bionda venticinquenne (nonostante di anni ne abbia dieci in più) e la sua parlantina raffinata e gradevole, si nasconde una donna capace di raggirare chiunque, pronta a compiere qualsiasi scorrettezza per ottenere i suoi scopi, ovvero: flirtare con ogni uomo che crede di poterla smascherare fino a farlo innamorare di lei, amoreggiare con un uomo sposato, utilizzare la sventura figlioletta Frederica per assicurarsi un nuovo patrimonio da scialacquare, complottare con l'amica di sempre, l'americana Alicia. 

Eppure è impossibile non divertirsi nell'assistere, stupefatti, ai suoi mille piani e amoreggiamenti. Ogni volta che sembra in trappola, pronta ad essere smascherata, la diabolicamente geniale Lady Susan ne esce ancor meglio di prima, con grande disperazione della cognata Catherine Vernon, l'unica in grado di comprendere i veri scopi di Lady Susan. 

Dopo aver scritto e girato il film, Whit Stillman ha trasformato la sceneggiatura in un vero e proprio romanzo breve, recentemente pubblicato in Italia a Beat Edizioni. Stavolta però la narrazione vorrebbe riscattare l'onore della povera Susan, diffamata dall'Autrice Zitella nel suo epistolario. A narrare i fatti sotto una nuova, esilarante luce è il nipote di Susan. Come ben presto il lettore si renderà conto, il giovane ha ereditato anche la stupidità congenita dello zio, uno degli spasimanti più volte raggirato con successo dalla donna. 

Nell'edizione italiana, oltre allo scritto di Whit Stillman, è inclusa anche l'opera originale di Jane Austen, tradotta da Cecilia Vincenti. Se la versione di Stillman è sicuramente più contemporanea e scorrevole di questo breve epistolario, una Austen ancora giovanissima si rivela ancora una volta un'ottima narratrice di amori e tradimenti all'inglese. Insomma, gli appassionati potranno ritrovare la verve della loro autrice preferita anche in questo volume, consigliato a chi vuole completare davvero la lettura delle opere di una delle autrici più popolari di sempre. 

Leggi tutte le recensioni di libri su MondoFox

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.