FoxComedy

Tom Hanks ricrea la "foto della discordia" del collega Bill Murray

di -

Intervistato al Graham Norton Show, Tom Hanks ha mostrato di essere capace di riproporre l'espressione facciale di Bill Murray nella celebre foto diventata virale.

Tom Hanks e Bill Murray e la foto diventata virale

156 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Tom Hanks o Bill Murray? Tutti se lo sono chiesti per giorni, di fronte alla famosa "foto della discordia": l'immagine, pubblicata su Facebook da un utente nel 2013, ma diventata celebre solo poco più di 30 giorni fa, mostra un bambino di pochi mesi piangere in braccio all'attore Bill Murray, che ne imita la disperazione. Tra i commenti al post, intitolato "Motivi per cui mio figlio sta piangendo", è proprio la stessa mamma ad indicare l'ex Ghostbusters come causa della disperazione del piccolo.

Nonostante l'arcano fosse stato presto svelato, le teorie cospirazioniste non sono mancate e alcuni hanno addirittura affermato che fosse stata proprio l'autrice della foto, la madre del bambino, a confondere i due famosi attori. Quindi, è intervenuto direttamente l'ex Forrest Gump, intervistato al The Graham Norton Show.

Tom Hanks assicura di non essere lui nella foto virale.

Tom Hanks, a Londra per promuovere il suo nuovo film Sully, ha assicurato di non aver mai incontrato l'autrice dello scatto e, quindi, di non essere lui ad essere stato incorniciato insieme al bebè pieno di lacrime, dissipando così qualsiasi possibile confusione. Però ha ammesso che i dubbi avevano una certa plausibilità, dovuta proprio alla grande capacità di imitazione di entrambi gli attori.

Ho fatto tantissime imitazioni di Bill Murray per buona parte della mia carriera. Quindi, sì, so fare quell'espressione.

Il due volte Premio Oscar ha dimostrato la sua simpatia scherzando con Gemma Arterton e Joseph Gordon-Levitt, rendendosi disponibile a re-interpretare l'ormai famoso scatto.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.