FOX  

The Strain, terza stagione. Recensione episodio 3: Il Primogenito

di -

Con il terzo episodio di questa nuova stagione non solo scopriamo le origini di Quinlan, ma finalmente assistiamo allo scontro tra il mezzosangue e lo spietato Padrone.

Il vampiro mezzosangue Quinlan, protagonista dell'episodio

253 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Venerdì 2 dicembre FOX ha trasmesso in Prima visione assoluta il terzo episodio della nuova stagione di The Strain affondando i canini nel cuore della storia e regalandoci un capitolo davvero molto interessante

Protagonista assoluto, come anticipato nella scorsa recensione, è stato Quinlan (Rupert Penry-Jones) del quale abbiamo finalmente scoperto la vera storia. Sapevamo della vita millenaria del mezzosangue ma le sue vere origini erano ancora avvolte dal mistero.

Il vampiro mezzosangue Quinlan è interpretato dall'attore Rupert Penry-Jones.HDtvgeektalk.com

Grazie a una serie di flashback scopriamo che i natali di Quinlan affondano le loro radici in un passato remotissimo, quando ancora l’impero romano era nel suo massimo splendore. Trattato come un animale, esibito come una creatura da circo degli orrori, Quinlan viene liberato dalla cacciatrice di vampiri Ancharia (Deanna Dunagan) confermando che la lotta degli uomini contro gli strigoi ha origini millenarie.

È Ancharia che educa Quinlan insegnandogli a parlare, trasmettendogli tutto ciò che sa sugli strigoi, e rivelandogli la profezia che lo riguarda. Sarà Quinlan, Invictus nella sua declinazione latina, il flagello destinato a uccidere il Padrone perciò è importante che non lo affronti fino a quando non sarà pronto. 

È però nel presente, mentre il mezzosangue ed Eprhaim Goodweather (Corey Stoll) tentano di far scattare la trappola ai danni dal Padrone, che Quinlan rivela gli ultimi misteri che lo riguardano.

Il Padrone è, in un certo modo, suo padre. Quando la madre di Quinlan era ancora incinta del figlio fu morsa dal Padrone e trasformata. L’infezione alla base del vampirismo si trasmise anche al feto creando un vero e proprio mezzosangue. Mezzo strigoi, ma capace di resistere alla luce del sole. Mezzo vampiro, ma libero da giogo del Padrone.

L'attore Jack Kesy interpreta il signore dei vampiri in The Strain.HDflickeringmyth.com

La genesi di questo personaggio raccoglie al suo interno un interessante cortocircuito narrativo. Gli appassionati di fumetti avranno trovato più di una somiglianza tra Quinlan è l’ammazzavampiri Blade (intepretato al cinema da Wesley Snipes): anche quest’ultimo infatti ha sviluppato straordinari poteri dopo la trasformazione della madre, durante la gravidanza, in vampiro.

Guillermo del Toro nel 2002 entrò in contatto con Blade dirigendo il secondo capitolo cinematografico del franchise vampiresco. Forse l’idea del mezzosangue Quinlan nasce proprio da quella collaborazione?

Il regista e scrittore Guillermo del Toro.HDGettyImages

L’episodio procede su anche su un terzo binario narrativo che vede protagonista Gus (Miguel Gomez) e la madre trasformata ma tutta l’attenzione è concentrata sullo scontro finale tra Quinlan, Goodweather, Kelly e il Padrone.

È qui che, in misura maggiore di come era successo in passato, la serie televisiva si allontana dalla trilogia letteraria. Lo scontro tra il Padrone (Jack Kesy) e Quinlan ha un esito del tutto imprevisto soprattutto grazie all’intervento di Setrakian (David Bradley) e Fet (Kevin Durand) anche loro sulle tracce dell’Occido Lumen rubato.

Abraham Setrakian inThe Strain è interpretato da David Bradley.HDbibpopcult.wordpress.com

La chiusura del capitolo lascia in sospeso molte cose: come reagirà Setrakian al tradimento di Goodweather che si è dimostrato disposto anche a consegnare il Lumen pur di salvare il figlio Zach? Cosa sarà di Quinlan? Quale corpo occuperà adesso il Padrone?

Il quarto episodio di The Strain andrà in onda in Prima visione assoluta su FOX venerdì 9 dicembre e si intitolerà L’Essenza del Male.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.