FoxLife

[Spoiler!]

The Meddler, la recensione: quando l'eccessivo ottimismo stroppia

di -

Quanto può essere utile simulare che vada tutto bene quando, in realtà, dentro c'è un dolore troppo grande da sopportare? The Meddler ci mostra proprio questo!

Susan Sarandon al cinema in The Meddler

1 condivisione 0 commenti 0 stelle

Share

Esiste un modo universale per poter elaborare un lutto? Ovviamente no. Essere sempre sorridenti ed ottimisti può essere un modo per evitare di affrontare un dolore con cui si ha paura di confrontarsi? Probabilmente sì.

Lorene Scafaria attraverso The Meddler racconta proprio questo e lo fa in modo semplice, diretto e senza utilizzare metafore. I personaggi appaiono per come sono: sinceramente normali e forse a volte anche un po' scontati. Ci sono alcune tematiche presenti nella trama che non sono proprio delle novità: il rapporto madre-figlia con annesso amore-odio, l'incapacità di elaborare il lutto e la classica vita "americana" dei quartieri altolocati in cui le giornate trascorrono senza troppi crucci economici.

Pur essendo una commedia, durante l'intera visione del film, ci si aspetta un colpo di scena ad effetto che, purtroppo, non arriva mai.

L'unico elemento fresco e vivace di The Meddler è il personaggio di Marnie Minervini (Susan Sarandon), la protagonista portante del film, su cui gira l'intero lavoro. È lei l'unico personaggio che sembra aver qualcosa da dire, lasciando scoprire gli altri protagonisti che però rimangono sempre in una posizione di penombra.

La signora Minervini è una donna esplosiva, vivace, ha bisogno di tenersi sempre in movimento e non riesce a stare da sola. Il suo essere così dinamica e vitale è così esasperante che, ad un certo punto, ci si chiede se sia realmente così o forzi volontariamente questo suo lato svampito.

Improvvisamente Marnie inizia ad ispirare tenerezza e si tende in qualche modo a cercare di giustificare il suo comportamento così opprimente (anche se in alcune scene risulta davvero difficile farlo).

È quasi come se improvvisamente venisse fuori un lato umano, forse troppo, che si stenta a credere reale. È un po' come se diventasse una sorta di Babbo Natale in gonnella. 

Per rendere più comprensibile il tutto, ecco un assaggio del trailer.

La trama

Attenzione! Possibili spoiler!

Marnie Minervini è una donna vulcanica, sorridente e sempre pronta a dispensare consigli a tutti. Dopo la morte del marito ha deciso di trasferirsi in un'altra città, quella dove vive Lori, sua figlia.  Ma le sue giornate sembrano non passare mai. Joy, il marito, le ha lasciato una somma di denaro così consistente da permetterle di vivere di rendita fino alla fine dei suoi giorni. E lei non si fa mancare nulla: dall'appartamento nuovo, ai viaggi fino ad arrivare a regalare un matrimonio extra lusso ad un'amica della figlia.

Lori invece ha un carattere molto diverso dal suo: è introversa, fa la scrittrice, si è appena lasciata con il suo fidanzato a cui tiene ancora e ha solo voglia di stare un po' per conto suo. Ma Marnie sembra non considerare questa necessità di Lori e praticamente diventa la sua stalker: la tempesta di telefonate, si presenta a casa sua all'improvviso, arrivando ad entrare in casa senza bussare.

Un giorno, spiando il il computer di Lori, pensa che la figlia voglia suicidarsi. E cosa decide di fare? Si reca allo studio della psicologa di Lori per cercare di sapere qualcosa in più sulla figlia ma, nel momento stesso in cui varca la soglia di quello studio, si ritrova ad essere psicoanalizzata a sua volta.

Susan Sarandon è la protagonista di The Meddler

Attenzione! Possibili spoiler!

Il problema è che la signora Minervini non ha una vita propria, non ha amici perché si è appena trasferita in un'altra città dove non conosce nessuno e soprattutto ha così tanto tempo libero durante le giornate che il suo hobby preferito diventa Lori.

Le due si trovano inevitabilmente ad avere uno scontro perché la figlia ormai è esasperata. Marnie allora cerca di impiegare in modo diverso il tempo: fa volontariato e diventa la baby sitter di un'amica di Lori e la sera aiuta un ragazzo, conosciuto in un Apple Store, accompagnandolo ai corsi serali. In realtà Marnie ha bisogno di aiutare gli altri per evitare di pensare a se stessa e farsi sfiorare dai brutti pensieri come quello della morte di Joy.

Durante questa nuova vita Marnie incontrerà anche Zipper (J. K.Simmons), un poliziotto che forse ruberà il suo cuore.

The Meddler è una pellicola da guardare a cuor leggerlo e senza porsi troppe domande. È un modo per respirare quell'aria spensierata e un po' svampita che solo le commedie americane riescono a dare.

La pellicola è uscita negli Stati Uniti il 22 aprile 2016 mentre la data italiana non è ancora stata definita.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.