FOX

Maratona anni '80: 10 film cult da guardare la sera del 31 dicembre

di -

Capodanno non ti temo. Per un 31 dicembre diverso dal solito, ecco 10 film cult degli anni '80 da guardare fino al fatidico scoccare della mezzanotte e... oltre!

Le locandine dei film I Goonies, 1997 - Fuga da New York e Harry Ti Presento Sally

451 condivisioni 0 commenti 4 stelle

Share

Il 2016 sta per finire e "quella" domanda è inevitabile. Parenti, amici, conoscenti e persino il fruttivendolo sotto casa sembra che non possano fare a meno di chiedervi che cosa avete intenzione di fare a Capodanno.

Per evitare di trasformarvi in emuli di Negan, vi diamo un consiglio: tenetevi pronta una risposta. Per esempio, che voi la sera del 31 dicembre siete impegnati con una maratona di film anni '80.

Vi sembra una buona idea? Anche a noi e per questo abbiamo selezionato 10 pellicole cult del periodo da guardare in attesa dell'alba del nuovo anno!

Naturalmente, l'elenco è perfettibile e ampliabile, con due semplici regole "di ingaggio": il film deve essere stato girato nella decade in questione e, nel caso di una saga, il primo deve risalire agli anni '80. Ragione per cui nel nostro elenco mancano, per esempio, Star Wars, Alien e Rocky.

Siete pronti? Allora diamo inizio alle danze!

The Blues Brothers

Data di uscita USA: 16 giugno 1980

Dan Aykroyd, John Belushi e una colonna sonora da urlo: basterebbe questo a fare di The Blues Brothers un cult degli anni '80 e della storia tutta del cinema. Invece, il film è impreziosito anche dalla presenza di "comprimari" di tutto rispetto, come Carrie Fisher nei panni della ex-fidanzata di Belushi e Ray Charles, e da una miriade di camei di volti noti di Hollywood e dello spettacolo semplicemente eccezionale, tra cui spiccano quelli di Steven Spielberg e Twiggy.

Il plus: John Belushi.

Indiana Jones e i Predatori dell'Arca Perduta

Data di uscita USA: 12 giugno 1981

L'archeologo più sexy della storia del cinema (e non solo) è una vera e propria icona degli anni '80 e ha contribuito in maniera decisiva a lanciare la carriera di Harrison Ford e a renderlo una star di Hollywood. Tuttavia, il dottor Jones avrebbe potuto avere altre fattezze e soprattutto un bel paio di baffi. In prima battuta, Steven Spielberg aveva pensato a Tom Selleck per il ruolo del protagonista, ma l'attore ha dovuto declinare la proposta perché impegnato a dare vita a un'altra leggenda, ovvero Magnum P.I. Una cosuccia, insomma...

Il plus: 3 sequel, di cui uno memorabile, grazie a un dottor Jones senior con le sembianze di Sean Connery.

1997 - Fuga da New York

Data di uscita USA: 10 luglio 1981

Fantascienza, western, thriller, poliziesco, azione. Il film di John Carpenter non rientra in nessun genere specifico, pur appartenendo a tutti, ma soprattutto dà vita a uno degli antieroi più iconici della storia del cinema, Jena Plissken (in originale Snake Plissken). Il merito è di Carpenter e di un vero e proprio "mostro" di Hollywood. Ad aiutare il regista nella stesura della sceneggiatura è stato Nick Castle, ovvero il volto (nascosto) di Michael Myers in Halloween - La Notte delle Streghe del 1978.

Il plus: un videogioco che celebra il protagonista e le atmosfere del film, ovvero il "poco" famoso Metal Gear Solid.

E.T. - L'Extraterrestre

Data di uscita USA: 11 giugno 1982

La storia del piccolo Elliott, del fratello Michael, della sorellina Gertie (una giovanissima e strepitosa Drew Barrymore), dei loro amici e dell'alieno dagli occhi grandi ha conquistato il cuore non solo degli spettatori degli anni '80, ma anche quello di tutti coloro che nei decenni seguenti hanno guardato il film di Steven Spielberg. Resistere alla dolcezza di E.T. è impossibile, così come al racconto della vita quotidiana dei protagonisti: eccezionalmente normale e per questo incredibilmente coinvolgente ed emozionante.

Il plus: la bombastica Erika Eleniak (Shauni McClain nelle prime 3 stagioni di Baywatch) al suo esordio sul grande schermo nei panni della compagna di classe baciata da Elliott.

Rambo

Data di uscita USA: 22 ottobre 1982

Tratto dal romanzo Primo Sangue di David Morrell, il film di Ted Kotcheff mescola diversi generi e si propone come un tentativo di denuncia delle difficili condizioni di vita di molti reduci del Vietnam. Nonostante questo - o forse proprio per questo - è diventato un cult, trasformando il protagonista Rambo e il suo interprete, Sylvester Stallone, in due icone di Hollywood. E dire che l'attore newyorchese è stato preso in considerazione solo alla fine di una lunga lista di "no", pronunciati da Clint Eastwood, Al Pacino, Robert De Niro, Paul Newman, Nick Nolte, Michael Douglas e... Terence Hill (che ha rifiutato per l'eccessiva violenza della storia)!

Il plus: Il navigato Orathio Caine (David Caruso) di C.S.I. Miami in versione poliziotto alle prime armi.

Ghostbusters 

Data di uscita USA: 8 giugno 1984

I Ghostbusters? Peter Venkman (Bill Murray), Raymond Stantz (Dan Aykroyd), Egon Spengler (Harold Ramis) e Winston Zeddemore (Ernie Hudson). Non se ne abbiano le pur brave interpreti del remake al femminile firmato da Paul Feig, ma il film di Ivan Reitman e i suoi protagonisti sono una pietra miliare nella storia di Hollywood e competere è impossibile. Le vicende dei 4 sgangherati acchiappafantasmi, dell'affascinante Dana Barrett, di Janine, Louis, Slimer e Gozer sono un piccolo gioiello di umorismo, paura e azione e anche il seguito con gli stessi protagonisti non riesce a bissare l'equilibrio perfetto dell'originale.

Il plus: Sigourney Weaver a inizio carriera, in versione femme fatale dopo quella per nulla rassicurante di Alien.

Terminator

Data di uscita USA: 26 ottobre 1984

Robot assassini dalle sembianze umane, viaggi nel tempo e un paradosso temporale che determina - di fatto - il corso degli eventi fanno del film di James Cameron un vero e proprio classico della fantascienza, anche grazie all'azzeccata scelta dei protagonisti: Linda Hamilton nei panni di Sarah Connor e Arnold Schwarzenegger in quelli del T-800. Entrambi, tuttavia, danno il meglio di sé in Terminator 2 - Il Giorno del Giudizio, dove Linda dà vita a un'eroina femminile tanto implacabile, cinica e ossessionata dalla sua missione, quanto assolutamente iconica.

Il plus: Arnold Schwarzenegger che recita 16 battute.

I Goonies

Data di uscita USA: 7 giugno 1985

7 amici, 3 malviventi, 1 mostro gentile, 1 pirata ingegnoso, 1 mappa e 1 tesoro nascosto. Il risultato della formula de I Goonies è avventura allo stato puro e una storia che ha fatto sognare un'intera generazione di adolescenti. La Banda Fratelli, Sloth (interpretato dallo sfortunato giocatore di football John Matuszak, morto di infarto a 38 anni in seguito a un'overdose), l'irresistibile "contaballe" perennemente affamato Chunk e le battute sagaci di Mouth sono entrati a far parte dell'immaginario collettivo, cogliendo in modo magistrale l'atmosfera di un'epoca (gli anni '80 e l'adolescenza) spensierata e piena di ottimismo.

Il plus: il futuro "cattivo" per eccellenza Josh Brolin che pedala su una micro bicicletta da bambina.

Ritorno al Futuro

Data di uscita USA: 18 ottobre 1985

Basta dire Marty McFly, "Doc" Emmett L. Brown e DeLorean per pensare a incredibili viaggi indietro e avanti nel tempo, a battute che sono entrate nel gergo comune ("Ehi, tu, porco: levale le mani di dosso") e a un'esecuzione di Johnny Be. Goode che ha fatto storia, eppure le cose avrebbero potuto essere molto diverse. Per 6 settimane Eric Stoltz ha recitato la parte del protagonista, prima che Robert Zemeckis decidesse di sostituirlo con Michael J. Fox, e la macchina del tempo era un frigorifero. Nessuno può dire se sarebbe stato meglio o peggio, di sicuro com'è andata a finire va benissimo.

Il plus: Billy Zane pre Ore 10: Calma Piatta e pre Titanic nei panni di uno degli sgherri di Biff.

Harry Ti Presento Sally

Data di uscita in USA: 21 luglio 1989

Un lui e una lei agli antipodi, una storia d'amore con la rincorsa e una promessa per Capodanno, che diventa qualcosa di più. Il film diretto da Rob Reiner e scritto da Nora Ephron non è solo un arguto e divertente racconto di sentimenti, grandi paure e piccole ossessioni, ma anche la pellicola perfetta da vedere l'ultima sera dell'anno, per fare pace con il passato e quello che si è stati e guardare con nuovo ottimismo al domani.

Il plus: Carrie Fisher che... "hai ragione, hai ragione: lo so che hai ragione".

Buon 2017!

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.