La Cina blocca Pokémon GO, è "troppo pericoloso" per il governo

di -

Il governo cinese ha deciso di vietare l'uscita di Pokémon GO sul proprio territorio per motivi di sicurezza nazionale. La stessa sorte toccherà ad altre app mobile.

Il mastodontico Onix in un'immagine promozionale di Pokémon GO

73 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Pokémon GO è stata l'applicazione più scaricata su AppStore nel corso del 2016. 

Fin dall'uscita la scorsa estate, il titolo mobile realizzato da Niantic e Nintendo è riuscito a catalizzare l'attenzione degli appassionati di Pokémon in tutto il mondo. Sono però rimasti a bocca asciutta gli aspiranti allenatori cinesi, ancora impossibilitati a catturare i colorati mostriciattoli tascabili.

Secondo quanto riportato da un articolo del portale Reuters, il governo cinese ha infatti deciso di non permettere l'uscita di Pokémon GO sul proprio territorio. La stessa sorte toccherà ad altri videogiochi per dispositivi mobile basati sulla realtà aumentata. 

La Cina ritiene che questi prodotti siano pericolosi per l'incolumità delle persone e soprattutto per la sicurezza nazionale, tanto da vietarne la commercializzazione almeno fino a quando una specifica commissione non avrà valutato gli effettivi rischi legati all'utilizzo dei giochi. 

Di certo, in questi mesi di "attività", Pokémon GO ha riservato numerose insidie ai fan, scatenando truffe, follia collettiva, o ancora peggio episodi di vera e propria violenza. Per il governo cinese sono motivazioni valide per bloccarne l'uscita, così come pericolosa sarebbe la geo-localizzazione attiva sull'app, che esporrebbe il Paese a pericoli di sicurezza geografica.

Pokémon GO è poi basato su Google Maps, attualmente disattivato sul territorio cinese, e sarebbe inutilizzabile in ogni caso dall'utenza dagli occhi a mandorla.

La risposta degli sviluppatori di Niantic - che intanto lavorano ad un massiccio rilancio del titolo - non si è fatta attendere: "Siamo concentrati altrove".

Insomma, pare proprio che i videogame, i social network e le applicazioni in genere non abbiano vita facile in Cina. Un vero peccato per un Paese dalle potenzialità tanto evidenti, che dimostra ancora di credere in una politica votata alla chiusura... anche verso il simpatico musetto elettrico di Pikachu!

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.