FOX

Chewbacca può essere molto pericoloso, come dimostra questa scena tagliata da Star Wars: Il Risveglio della Forza

di -

Mai fare arrabbiare Chewbacca! In una scena tagliata di Star Wars: Il Risveglio della Forza, il peloso amico di Han Solo dimostra che può essere molto pericoloso...

275 condivisioni 1 commento 5 stelle

Share

Lo avevamo lasciato nelle (inedite) vesti di cantore di melodie natalizie e lo ritroviamo in quelle di feroce guerriero. Di chi stiamo parlando? Di Chewbacca.

Dopo aver spopolato sul web durante le feste con la clip in cui si esibisce in Silent Night, l'ipertricotico amico di Han Solo è tornato alla ribalta con un nuovo filmato. Questa volta, però, il genere è completamente diverso. 

Il video in questione mostra una scena tagliata da Star Wars: Il Risveglio della Forza, che rivela quanto possa essere pericoloso il Wookie per chi se la prende con i suoi amici.

Nel caso specifico, Chewie interviene in difesa di Rey, staccando un braccio a Unkar Plutt, "colpevole" di aver minacciato la ragazza e - per dirla tutta - di aver fatto lo sbruffone con lui.

Rey e Unkar PluttHDWalt Disney Pictures
Rey affronta Unkar Plutt

L'episodio si svolge all'interno del castello di Maz Kanata, dove la giovane è arrivata insieme al Wookie, a Finn e Han Solo.

La sequenza si apre con l'ex Assaltatore che si siede a un tavolo con un alieno e prosegue mostrando Rey che cammina nel locale gestito dalla misteriosa piratessa. A un certo punto, la ragazza viene fermata da qualcuno e poco dopo si scopre che si tratta di Unkar Plutt.

L'alieno le dice che deve pagare quello che ha preso (il Millennium Falcon) e poi cerca di portarla via, ma Rey reagisce e gli punta il blaster in faccia. Unkar Plutt glielo strappa dalle mani e, quando le cose sembrano volgere al peggio, ecco che arriva provvidenzialmente Chewbacca.

Il Wookie restituisce l'arma all'amica e lo spiacevole incontro potrebbe concludersi così, se non fosse che l'alieno "alza la cresta", spingendo Chewie e dicendogli di non aver paura di lui. A quel punto, Chewbacca reagisce, staccando il braccio destro a Unkar Plutt e gettandolo su un tavolo, con contorno di sangue e organi che fuoriescono.

Il braccio di Unkar PluttWalt Disney Pictures
Il braccio staccato a Unkar Plutt da Chewie

La scena è violenta e un po' splatter, ma non tanto da turbare il sonno degli spettatori (anche considerato che l'asticella della tolleranza è sempre più alta). Allora, perché Disney l'ha tagliata?

Molto probabilmente, come scrive io9, la decisione dipende dal fatto che Star Wars: Il Risveglio della Forza è un film per famiglie e la produzione non voleva incappare nelle (sicure) proteste di qualche genitore.

D'altra parte, osserva giustamente Nerdist, non è da escludere che J. J. Abrams abbia scelto di eliminarla perché la presenza di Unkar Plutt (ovvero l'alieno al quale Rey vende rottami sul pianeta Jakku) nel castello di Maz Kanata è poco plausibile.

Han Solo e GreedoWalt Disney Pictures
Han Solo spara a Greedo: per legittima difesa o per primo?

Comunque stiano le cose, non è la prima volta che una pellicola della saga di Guerre Stellari viene "aggiustata" secondo la logica del politicamente corretto. L'antefatto è rappresentato dalla scena di Star Wars: Una Nuova Speranza in cui Han Solo affronta Greedo, uno scagnozzo di Jabba the Hutt.

Nella versione originale del film, il contrabbandiere (interpretato da Alden Ehrenreich nello spin-off attualmente in lavorazione) uccide a sangue freddo l'alieno, mentre in quella dell'edizione speciale del 1997 si vede il cacciatore di taglie che estrae un'arma, spara e manca il bersaglio, provocando la reazione del suo interlocutore.

La rivisitazione di George Lucas ha scatenato un mare di polemiche, che ha dato origine a un tormentone su internet: "Han shot first" (ovvero, "Han ha sparato per primo").

Finirà così anche stavolta? Come suggerisce io9, si potrebbe fare un divertente (e un po' sadico) giocattolo di Unkar Plutt che urla quando gli viene staccato un braccio...

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.