FoxLife

Gigi Hadid e Bella Hadid in marcia contro Donald Trump

di -

Dalle passerelle al corteo in strada: gli angeli di Victoria's Secret Bella Hadid e Gigi si sono schierati contro Donald Trump e il suo provvedimento anti immigrazione.

Primo piano di Gigi Hadid e Bella Hadid

28 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Le recenti scelte politiche di Donald Trump stanno facendo molto discutere.

Il Presidente degli Stati Uniti ha deciso di porre un freno all'immigrazione, impedendo l'ingresso nel Paese ai musulmani per almeno 120 giorni - il provvedimento è a tempo indeterminato, invece, per i rifugiati siriani - e costruendo un muro per arginare l'afflusso di messicani negli Usa.

Si tratta di scelte drastiche e davvero preoccupanti, che sembrano avvalorare le lamentele di chi ha sempre reputato il tycoon un uomo profondamente razzista e prepotente nei riguardi delle minoranze.

Così, dopo la Women's March - che ha attirato lo scorso fine settimana tantissime celebrities - ieri, 29 gennaio, a New York ha avuto luogo una nuova manifestazione, la #NoBanNoWall March, organizzata servendosi principalmente del passaparola sui social.

Tra migliaia di uomini e donne, c'erano anche le sorelle Hadid.

A photo posted by Bella Hadid (@bellahadid) on

Bella Hadid e Gigi Hadid si sono cimentate in una sfilata indubbiamente diversa dal loro solito unendosi al corteo di protesta contro Donald Trump!

Le due supermodelle hanno preso parte attivamente alla Marcia e la loro partecipazione è stata molto apprezzata da parte del popolo del web.

Bella - attualmente al centro dei pettegolezzi per la relazione del suo ex fidanzato The Weeknd con Selena Gomez - e Gigi erano come sempre splendide e hanno dimostrato di avere le idee piuttosto chiare.

Anche Kim Kardashian nel corso delle ultime ore ha voluto esprimere la propria opinione circa il #MuslimBan, condividendo su Twitter alcuni dati statistici inerenti al numero di omicidi commessi negli States per mano dei jihadisti. La socialite è assolutamente contraria allo stop del programma di accoglienza per i rifugiati portato avanti da Barack Obama e, nondimeno, alla promessa di Trump di un più facile accesso alle armi per i cittadini americani.

Come reagirà il Presidente a questa nuova ondata di proteste?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.