Ghost Recon Wildlands, tutto quello che dovete sapere sulla Open Beta

di -

Poligoni selvaggi!

Il protagonista di Ghost Recon Wildlands sulla cover del gioco

190 condivisioni 1 commento

Condividi

Non contenta di aver appena rilasciato sul mercato il convincente For Honor, Ubisoft si prepara a sedurre i giocatori con un altro titolo piuttosto caldo. 

Si tratta di quel Ghost Recon Wildlands in uscita su PlayStation 4, Xbox One e PC il prossimo 7 marzo. Come i recenti Rainbow Six: Siege e The Division, il titolo si rifà alla narrativa di Tom Clancy, e si prepara ad essere testato prima del debutto in una intensa Open Beta

La versione di prova di Wildlands sarà disponibile su console e personal computer dal 23 al 27 febbraio, mentre per i più impazienti il preload partirà già il 20 del mese.

Ogni giocatore che parteciperà alla Open Beta avrà accesso alla missione esclusiva "Unidad Conspiracy": sarà necessario giocare la versione finale del gioco entro il 31 marzo utilizzando lo stesso account Ubisoft. In questa missione esclusiva i gamer dovranno far scoppiare una guerra tra l'Unidad, la milizia locale corrotta, e il cartello di Santa Blanca.

L'Open Beta introdurrà i giocatori a due provincie tra le 21 presenti nel gioco: Itacua, una provincia fiorente e montuosa, dove l'influenza del cartello è meno forte e perfetta per poter affinare le proprie capacità da cecchino e iniziare l'avventura nelle Wildlands. Montuyoc, la seconda provincia disponibile nella Open Beta, si trova su un altopiano innevato ed è molto più impegnativa della precedente, destinata a soldati d'elite del cartello di Santa Blanca. Ovviamente i giocatori potranno decidere di affrontare direttamente Montuyoc, senza prima liberare Itacua, ma a loro rischio e pericolo.

Così come nel gioco finale, tutti i contenuti della Open Beta potranno essere giocati con tre amici sulla stessa piattaforma attraverso la modalità cooperativa per quattro giocatori o in singolo. I giocatori potranno utilizzare liberamente una grande varietà di veicoli, equipaggiamento tattico e armi per portare a termine il proprio lavoro.

Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands è ambientato in Bolivia, nel più grande open world mai creato da Ubisoft per un gioco action-adventure. A pochi anni di distanza da oggi, il Paese è stato trasformato in un narco-stato per mano del violento cartello della droga chiamato Santa Blanca. Pad alla mano, avremo il compito di smantellare il cartello con ogni mezzo a nostra disposizione: il titolo della compagnia francese incoraggia vari stili di gioco, lasciando ai giocatori la libertà di scegliere come portare a termine le missioni.

E voi, vi lancerete nell'esplorazione delle Wildlands?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.