FOX

Oscar 2017: sì, Suicide Squad ha vinto una statuetta

di -

Contro tutte le previsioni, Suicide Squad ha vinto l'Oscar per il miglior trucco. A ritirare il premio gli italiani Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini.

attori di Suicide Squad

883 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Ben pochi avrebbero scommesso sulla vittoria di un premio Oscar da parte di Suicide Squad, il film di David Ayer giudicato da buona parte delle critica come sconclusionato e senza stile. 

Eppure, come riporta People, la pellicola contro ogni previsione è riuscita ad aggiudicarsi l'ambito Academy Award per il miglior trucco. Un motivo di vanto anche per il nostro Paese (rimasto a bocca secca per il mancato Oscar a Fuocoammare di Gianfranco Rosi), visto che due dei tre truccatori di Suicide Squad sono italiani. A ricevere il premio sono stati, infatti, Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini, insieme a Christopher Allen Nelson

Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini premi OscarHDGetty

I tre truccatori hanno lottato per il premio Oscar contro quelli di Star Trek Beyond e A Man Called Ove.

A ringraziare per l'Oscar ricevuto è stato Bertolazzi, che ha voluto dedicarlo "a tutti gli immigrati" come lui, facendo un chiaro riferimento politico durante i primi Academy Awards andati in scena nell'era presidenziale di Donald Trump.

Alessandro Bertolazzi con il premio OscarHDGetty

La notizia dell'Oscar a Suicide Squad non è di certo passata inosservata agli appassionati del mondo cinematografico.

Su Twitter gli utenti si sono scatenati, lanciando tweet volti a sottolineare come la pellicola, evidentemente non considerata un capolavoro del cinema, abbia vinto lo stesso numero di Oscar di geni come Stanley Kubrick (candidato nel corso della sua strabiliante carriera a 13 premi Oscar, riuscendo a vincerne soltanto uno nel 1969 per 2001: Odissea nello Spazio) o come l'attore Leonardo DiCaprio, che ha dovuto faticare non poco per portarsi a casa la statuetta come miglior attore protagonista per Revenant - Redivivo.

Ad ogni modo, che Suicide Squad piaccia o meno, resta un grande riconoscimento per l'Italia che ha evidentemente esportato due professionisti molto apprezzati oltreoceano. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.