FOX

Logan - The Wolverine, Hugh Jackman brutale e strappalacrime: la recensione

di -

Hugh Jackman dice addio a Wolverine. Lo fa attraverso un film, quello di James Mangold, struggente e appassionante. Un western metropolitano duro e commovente.

Hugh Jackman sul set di Logan - The Wolverine

1k condivisioni 1 commento 5 stelle

Share

C'erano una volta gli X-Men, e con loro la speranza di un futuro migliore. Dopo Sentinelle, giorni passati e futuri, faide interne e programmi militari top-secret, non esiste più nulla, né i mutanti e neppure il più duro a morire dei sentimenti.

In Logan - The Wolverine non è rimasto che un pugno di invecchiati e malandati X-Men, scampati allo sterminio: tra essi vi è un malato (ex) prof. Xavier (Patrick Stewart), Calibano (Stephen Merchant) e, soprattutto, l'adamantino e malconcio Logan di Hugh Jackman.

Logan - The Wolverine: 'Non è un paese per mutanti'

Scopriamo che il 2029 riserva ai protagonisti un presente a tinte fosche, che nella pellicola di James Mangold viene amplificato dalla desolazione dei deserti messicani, dal rifugio/bisogno in farmaci e alcool dei protagonisti e dall'oblio degli stessi, che silenziosi attendono l'inesorabile fine senza più un barlume di fiducia in corpo.

La monotonia e lo squallore vengono scossi dall'arrivo della giovane Laura (inutile girarci intorno, è lei X-23), impersonata dall'esordiente Dafne Keen. Si tratta di una giovanissima mutante, un'eccezione all'infertilità mutante con cui sono costretti a fare i conti - un po' come accadeva ne I figli degli uomini di Alfonso Cuarón - Logan e soci.

HD20th Century Fox
Hugh Jackman e Dafne Keen nel poster di Logan - The Wolverine

Logan - The Wolverine, la recensione: 'The Last of Us'

Il malandato Logan, il cui fattore rigenerante fa ormai cilecca, dovrà difendere a tutti i costi la giovane mutante che, in sostanza, 'è come lui': stessi sguardi corrucciati, stesse ringhiose espressioni, stesso brutale killer instinct.

Sulle loro tracce vi è una pericolosa organizzazione guidata dal mercenario Donald Pierce (avevamo già avuto modo di scoprire le doti da villain di Boyd Holbrook in Run All Night), intenzionata a 'terminare' un progetto militare a dir poco aberrante.

Logan, cavaliere (non più) solitario

James Mangold ci ha regalato un film - è riduttivo assai qualificarlo (solo) 'cinecomic' - di rara potenza, costruito su un cumulo di macerie (il futuro distopico), da cui fa germogliare sogni di vita possibile. 

Simulacro di un nichilismo imperante, Logan - The Wolverine sottolinea in realtà la scoperta e la successiva comprensione on the road del concetto di famiglia per il più tormentato e solitario degli X-Men. Un romanzo di formazione per l'antieroe a cui è sempre stato negato il concetto di amore, di appartenenza, di condivisione.

Logan - The Wolverine, tra artigli e poesia

Logan - The Wolverine si muove tra il western malinconico (vengono citati apertamente Alan Ladd e Il cavaliere della valle solitaria) e la spietata fantascienza a là Mad Max: Fury Road e The Road (da cui riprende il tema della relazione padre/figlio). Il mix è di quelli esplosivi, la recitazione dei protagonisti è superlativa, le note di Johnny Cash esaltano deserti e silenzi.

Dinanzi a tutto ciò, è impossibile non alzarsi dalla poltrona con la sensazione di aver assistito (forse) al film rivelazione di questo 2017. Brutale e splatter. Eppure strappalacrime.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.