FoxAnimation

Yu-Gi-Oh compie 20 anni al cinema con Il Lato Oscuro delle Dimensioni

di -

Yu-Gi-Oh! celebra i 20 anni dalla pubblicazione del suo manga con l'arrivo nei cinema italiani del film Il Lato Oscuro delle Dimensioni: ecco la nostra recensione.

Yu-Gi-Oh! The Dark Side of Dimension

36 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Tra infiniti deck di carte, 6 stagioni di un anime di successo 4 diversi manga e altrettanti film, i 20 anni di vita di uno dei media franchise giapponesi più redditizi a livello internazionale sembrano passati in un attimo: sembra ieri che il character design marcatissimo e le capitagliature stupefacenti di Yugi Muto e Seto Kaiba facevano capolino nell'allora fitta programmazione pomeridiana di anime della televisione italiana.

Yu-Gi-Oh! arriva al cinema con il film Il Lato Oscuro delle DimensioniHDNexo Digital
Chi sarà il nuovo, misterioso duellante di Yugi e Seto?


Per celebrare un anniversario così speciale e preparare il lancio di nuovi deck di carte dedicati, Nexo Digital porterà nei cinema italiani il 10, 11 e 12 marzo 2017 il nuovo film della saga, che riprende gli eventi di conclusione della serie animata e ci porta a scoprire cosa è stato dei protagonisti principali dopo la scomparsa del Faraone Atem. Abbiamo visto Yu-Gi-Oh! - Il Lato Oscuro delle Dimensioni in anteprima: ecco cosa abbiamo scoperto.

Yu-Gi-Oh! Il Lato Oscuro delle Dimensioni: una reunion in grande stile

Nonostante la breve introduzione del film ci presenti il gruppo principale del protagonisti pronto a diplomarsi, basta entrare nel vivo dell'azione e dei duelli per comprendere che questo prodotto non è tanto rivolto alle nuove generazioni, per avvicinarle alla leggenda del Puzzle del Millennio e ai nuovi deck di carte, quanto piuttosto a chi ha già una notevole conoscenza pregressa della saga.

Yu-Gi-Oh! sbarca al cinema con Il Lato Oscuro delle Dimensioni: HDNexo Digital
Quali carte mostro sfodererà Yugi oltre all'amato Mago Nero?

Il Lato Oscuro delle Dimensioni è quindi una reunion che si colora dei toni malinconici delle migliori operazioni nostalgia. Dopo la scomparsa di Atem, sconfitto a duello da Yugi, sia il giovane duellante sia il suo antagonista di sempre Seto Kaiba devono fare i conti con questa assenza angosciante, così come lo stesso franchise. Per affrancarsi da uno dei duellanti che aveva fatto da colonna portante a molti archi narrativi, viene introdotto un nuovo, misterioso personaggio, Diva, che trascinerà i protagonisti in una dimensione alternativa, con duelli radicalmente differenti dal passato

Yu-Gi-Oh! Il Lato Oscuro delle Dimensioni: duel monsters come non l'avete mai visto

Riuscirà Yugi a cavarsela senza Atem? Seto Kaiba riuscirà ad esaudire il suo ardente desiderio di ricongiungersi a Atem per riuscire finalmente a batterlo a duello? Mentre trascina gli spettatori alla ricerca di queste risposte, il film dispiega una potenza di mezzi che non aveva mai avuto a disposizione in passato. Il character design è quello graffiante di sempre, ma la qualità dell'animazione è allo stato dell'arte attuale e anche la sceneggiatura è molto curata

Oltre a un finale spettacolare, il film riserva qualche sorpresa e tanti momenti di nostalgia ai fan più affezionati della serie: impossibile non emozionarsi di fronte al ritorno del Mago Nero, la carta mostro più amata da Yugi, o stupirsi di fronte ai nuovi, possenti draghi messi in campo da Seto Kaiba. Come sempre la stella dello spettacolo è il suo sconfinato egoismo e la sua incredibile arroganza: anche se il film fosse stato più debole, il divertimento procurato dalle sue uscite di magistrale spocchia o inenarrabile altezzosità avrebbe comunque salvato l'intera operazione. 

Per chi non conosce la saga e non ne ha interiorizzato le esagerazioni e i capisaldi, sarà probabilmente un film trascurabile, ma per gli appassionati o quanti hanno voglia di ritrovare Yugi, Seto e tutti gli altri duellanti della celebre serie animata, Yu-Gi-Oh! Il Lato Oscuro delle Dimensioni è un film che non ti aspetti: ben realizzato, ottimamente doppiato, divertente, capace di fare dell'autoironia nei riguardi di personaggi che sono sempre stati così pieni di sé da non comprendere nemmeno il concetto stesso. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.