FOX  

The Walking Dead, recensione episodio 7x15. Accetta l’offerta

di -

Rick, Maggie, Sasha, Eugene, Rosita: facciamo il punto sulla situazione, in attesa del finale di stagione della prossima settimana. Con nuovi, inaspettati alleati.

1k condivisioni 3 commenti 4 stelle

Share

Questo episodio, immediatamente precedente al finale di questa settima stagione di The Walking Dead, ha avuto tre obiettivi principali: fare il punto della situazione sui vari personaggi (abbiamo visto cosa succede al gruppo di Hilltop, di Alexandria e al quartier generale dei Salvatori. Manca solo il Regno). Confermarci che non sta scritto da nessuna parte (tantomeno in sceneggiatura...) che la guerra contro Negan debba svolgersi entro questa stagione, o debba durare più di un episodio: gli autori si riservano, giustamente, la libertà di sorprenderci.

Infine, l’episodio ha voluto mostrarci che ci sono sempre due modi per fare le cose. Rick, dopo che Tara ha finalmente deciso di raccontargli del villaggio in cui si era imbattuta, guida i suoi in missione. Scopo: prendere le armi del villaggio. Regole d’ingaggio: nessuno dovrà farsi male (a meno che non si tratti di “noi o loro”).

Tara cerca di far ragionare Cindy e Natania, ma la leader non vuole saperne. Così parte l’attacco: spettacolare, rumoroso… Ma innocuo. Nessuno si fa male. Anzi: quando gli zombie, attratti dal rumore, si avvicinano, tutti lottano fianco a fianco. Tanto che Cindy e altre vorrebbero unirsi a Rick nella guerra contro Negan, ma Natania lo vieta categoricamente.

La sua non è ottusità: è solo paura. I Salvatori la terrorizzano. Sa bene di cosa sono capaci, così lascia che siano altri ad affrontarli. Altri che hanno promesso di riportare loro le armi una volta vinta la guerra.

The Walking Dead: l'attacco al villaggio di Natania

The Walking Dead: il codice morale di Rick e Negan 

The Walking Dead ce lo conferma: il codice morale di Rick Grimes non lascia spazio ai dubbi. Si fa ciò che si deve, ma si cerca di farlo nel modo più “corretto” possibile. Se è vero che è questione di sopravvivenza, è anche vero che è fondamentale mantenere la propria umanità. Rick l'ha imparato a proprie spese. Altrimenti, cosa lo differenzierebbe da Negan? La risposta arriva subito: inaspettatamente, anche Negan ci mostra il suo, di codice. Nella sua comunità ci sono delle regole precise e dei comportamenti vietati. Lo stupro non è contemplato e David ne paga le conseguenze.

Ma prima che ci mettiamo in testa che Negan sia un uomo di sani principi, gli autori si affrettano a ricordarci subito che lo stupro non gli piace, ma non disdegna affatto tortura e violenza psicologica. E in questo caso, a farne le spese è Sasha.

Lasciata sola, rinchiusa al buio col cadavere di David, deve prendere una decisione: lasciare che lo zombie la divori e farla finita, oppure eliminarlo col coltello che Negan le ha dato, unendosi ai Salvatori.

Sasha non è una che si arrende, lo sappiamo. La scena in cui convince Eugene di voler morire solo per procurarsi un’arma è un colpo da maestri. Una sequenza geniale, che si risolve in un nulla di fatto atteso dagli spettatori (già memori del veleno preparato da Eugene).

Eugene parla con Sasha attraverso la porta

Ci sono parecchie sequenze degne di nota in questo episodio di The Walking Dead.

Il dialogo fra Maggie e Gregory, che avevamo parzialmente già visto, ma di cui ci mancava la conclusione (e la tensione mentre Gregory accarezza l'idea di ucciderla a coltellate…).

L’inquadratura di Daryl diretto al villaggio, a confermarci che no, quello che compare al cospetto di Rosita non è lui, ma Dwight (come abbiamo ipotizzato per tutta la settimana sui social).

Il monologo di Negan a Sasha, mentre noi fatichiamo a seguirne le parole perché non facciamo altro che pensare al cadavere di David, che potrebbe rialzarsi da un momento all’altro.

E ancora: la già citata “recita” di Sasha, il combattimento di gruppo contro gli zombie e poi, naturalmente, lo strepitoso cliffhanger finale.

Rick che carica la pistola e la punta contro Dwight, ordinandogli di inginocchiarsi. Una reazione inattesa - sebbene comprensibile. Una reazione i cui sviluppi arriveranno solo la settimana prossima.

Nel finale di stagione di The Walking Dead 7...

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.