FOX

La recensione di Pretty Deadly, una raffinata fiaba western dedicata alla Morte

di -

Con Pretty Deadly, Kelly Sue DeConnick ed Emma Ríos hanno creato una raffinata fiaba western che intreccia l'horror e il sovrannaturale in una storia senza tempo. Questa è la recensione dei primi due volumi, editi in Italia da BAO Publishing.

Ginny Volto di Morte nel fumetto Pretty Deadly

23 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Cosa ci si può aspettare da una storia dall'apparenza innocente, raccontata da una farfalla e dal suo amico coniglietto? Forse una bellezza inquietante: una fiaba basata su un equilibrio precario, dove la vita e la morte s'intersecano in un costante gioco di alternanze e richiami.

L'opera che si propone di raccontare questa storia è Pretty Deadly, un fumetto nato dalla collaborazione di Kelly Sue DeConnick ed Emma Ríos, già affermate partner in crime grazie a Captain Marvel (2012). Anche questa volta le autrici hanno deciso di esplorare una storia dominata da figure femminili: la piccola Sissy, la crudele Alice, la saggia Sarah e soprattutto Ginny Volto di Morte, il prodotto di un'inattesa passione che una bellezza mortale suscitò nella Morte stessa.

La storia di Ginny viene tenuta viva da uno spettacolo itinerante organizzato da un vecchio pistolero cieco, Volpe, e dalla sua protetta, una bambina vestita con le spoglie di un avvoltoio. Sono loro a ricordarcelo: chi ha subito un torto ha il potere di chiamare in suo soccorso un Mietitore di Vendetta. Un giorno, però, quest'evocazione fa incrociare la strada di Ginny con il predestinato erede della Morte. L'horror western di Pretty Deadly comincia da qui, affondando le radici in una mitologia e in un folklore che si diverte e scomporre e ricomporre, confondendo tra loro archetipi ben stabiliti.

La Natura è al cuore della storia: personaggi e singoli volumi prendono il loro nome in prestito dagli animali, mentre i Mietitori al servizio della Morte hanno una controparte in una nuvola di farfalle, un coyote, un corvo e altre creature. Le pagine stesse di Pretty Deadly sono un'estensione del Giardino della Morte che, se trascurato, porterà alla fine del mondo.

Il mondo in effetti finisce: ma solo per ricominciare sotto un'altra forma, in un altro volume del racconto. È un ciclo continuo di cui i nostri narratori, una farfalla che sembra immortale e lo scheletro di un vivace coniglietto, paiono essere la prima metafora.

Pretty Deadly è una lettura fluida, ma non semplice da consumare nei suoi primi capitoli. Kelly Sue DeConnick ha poco tempo per costruire una nuova mitologia e lo fa sfruttando ogni spazio a sua disposizione, incluse quelle aree grigie che può lasciare avvolte nell'incertezza.

Anche i disegni di Emma Ríos possono apparire ostici di primo acchito. In realtà, quello dell'artista è un tratto preciso ed elegante, dalla mera apparenza grezza. Ruvide e violente nelle scene dai tratti horror, più morbide e brillanti nei momenti emozionali, le tavole della Ríos sono costruite secondo uno stile cinematografico che arricchisce di preziosi dettagli la narrazione. A valorizzarle ci sono i colori di Jordie Bellaire, che miscela toni vivaci e sfumature cupe per raggiungere la massima efficacia in quelle illustrazioni dove il disegno prende il sopravvento sulle parole.

Il ciclo di Pretty Deadly, avviato nel 2014 ad opera di Image Comics, al momento si compone di due volumi, L'Avèrla e L'Orso, riproposti in Italia da BAO Publishing.

Volume 1 - L'Avèrla

Il primo volume di Pretty Deadly raccoglie i numeri 1-5 della serie Image Comics e alcuni schizzi preparatori di Emma Ríos.

Sebbene una storia in sé completa, L'avèrla può essere letto come lungo prologo a racconto più complesso. Il volume si apre con lo spettacolo itinerante di Sissy e Volpe e si sviluppa sotto forma di un'avventura western dagli spiccati toni horror e sovrannaturali. È così che facciamo la conoscenza della Morte (in persona) e dei primi Mietitori, ormai sfuggiti al suo controllo.

Non distraiamoci mai: le dense tavole di Emma Ríos e i dialoghi concentrati di Kelly Sue DeConnick non ce lo permettono. In ogni pannello sono condensati gesti e particolari che, poco alla volta, daranno forma a un racconto piuttosto ambizioso, dove il passato e il presente di protagonisti portano alla luce nuovi segreti. Svelato il piano della Morte, la nuova mitologia di Pretty Deadly diventa inevitabilmente più chiara.

Nonostante l'evidente ciclicità della storia, la domanda finale rimane una sola: cosa succederà dopo?

Volume 2 - L'Orso

Il secondo volume di Pretty Deadly (numeri 6-10 della serie Image Comics) scombina le carte in tavola, allontanandoci dal "selvaggio West" per trasportarci in un clima scuro e umido, tra le trincee della guerra.

Sono passati anni, dalla fine del primo volume: l'erede della Morte ha cominciato a prendersi cura del suo giardino e dell'Albero della Vita. Con il coniglietto e la farfalla che spiano il suo lavoro, la nuova Morte tenta di riunire a sé i Mietitori, ancora liberi di raccogliere anime mortali a proprio piacimento. Per assecondare il desiderio di una vecchia amica, Ginny dovrà affrontare lo spirito della Guerra e ristabilire parte dell'equilibrio perduto quando suo padre s'innamorò di una donna mortale.

Con L'Orso, Kelly Sue DeConnick fa più che allontanarsi dal genere western. Ora che siamo coscienti della natura e dell'identità dei servitori della Morte, la storia appare più fluida e meglio bilanciata: non rigonfia di informazioni, come a tratti pareva il primo volume, ma genuinamente affascinante.

BAO Publishing ha arricchito molto questo secondo volume con una selezione di disegni, pin-up e racconti che approfondiscono la mitologia di Pretty Deadly e il suo processo creativo. In particolare va segnalato un racconto che svela il passato di Johnny Coyote e il Corvo Lady Molly, tra i personaggi più riusciti del fumetto.

Ginny Volto di Morte tornerà ancora

Le copertine dei primi due volumi di Pretty Deadly, pubblicati in Italia da BAO

Entrambi i volumi di Pretty Deadly pubblicati Italia da BAO sono tomi in brossura 16x24 cm al prezzo di listino di 14 euro. L'Avèrla è arrivato nel nostro paese a giugno 2015, L'Orso a gennaio 2017.

La serie sembra essere ancora lontana dal suo completamento (quattro volumi, forse, sarebbe la lunghezza ideale per un'opera simile, considerando il ciclo delle stagioni). Attualmente le autrici starebbero lavorando al terzo volume.

Kelly Sue DeKonnick ha anticipato un nuovo cambio di genere e location per la storia: i prossimi numeri si prefiggono di esplorare il potere e il commercio dei primi anni di Hollywood. Ci vorrà del tempo, quindi, ma "Ginny Volto di Morte tornerà in Pretty Deadly: Volume 3". Varrà davvero la pena di aspettarla.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.