FOX  

Salem, terza stagione. Recensione episodio 8: I Piaceri Terreni

di -

In questo episodio Sebastian scopre i veri sentimenti di Mary e decide di punirne il tradimento mentre John Alden affronta la Sentinella in uno scontro mortale.

Anne Hale viene spinta dal piccolo John ad aprire la porta infernale

17 condivisioni 1 commento 4 stelle

Share

Lunedì 24 aprile è andato in onda in Prima visione assoluta su FOX l’ottavo episodio della terza e ultima stagione di Salem: quarantotto ore alla fine del mondo e qualche conto, finalmente, viene saldato.

Avevamo lasciato Salem stretta tra la temibile morsa dei francesi che ne infestano i confini esterni e la letale minaccia del Mercurio Rosso, liquido alchemico pronto a devastare la città dall’interno. Come usciranno da questa morsa micidiale i nostri protagonisti?

La puntata inizia trasformando in realtà le minacce che lo scorso episodio Mercy Lewis (Elise Eberle) aveva sussurrato all’orecchio del Magistrato Hathorne (Jeremy Crutchley): usando i suoi poteri da strega, Mercy rapisce la piccola Dorcas (Emma Claire Wynn), protetta di Isaac (Iddo Goldberg) e simbolo della sua redenzione.

Gli attori che interpretano i personaggi principali di SalemHDGettyImages

La sequenza del rapimento conferma una delle più interessanti tendenze di Salem: strizzare l’occhio ai grandi capolavori horror senza mai copiare in modo spudorato mettendo così ancora più a proprio agio gli appassionati del genere. Le riprese, l’apparizione dei deformi arti da strega e lo sbattere del portone di legno nella carrellata all’indietro sono un chiaro omaggio a La Casa di Sam Raimi.

In un alternarsi di immagini vediamo poi la Sentinella (Samuel Roukin) intenta a costruire una sofisticata bomba a tempo capace di innescare il Mercurio Rosso e Tituba (Ashley Madekwe) raccogliere i resti del piccolo John (Oliver Bell) e disporli come se intendesse riassemblarne il corpo. Da una parte costruire per distruggere, dall’altra il tentativo di riunire ciò che è stato spezzato.

Samuel Roukin interpreta la Sentinella mentre Marilyn Manson interpreta Thomas DinleyHDdenofgeek.com

Molto di quello che abbiamo visto in questo episodio ruota intorno al titolo italiano della puntata, I Piaceri Terreni, e a un sofisticato gioco di specchi, un complesso chiaroscuro di personaggi e situazioni.

Il cibo è insapore per me. Ma l’alcol mi piace. Restituisce le ali perdute.

Sono queste le parole con cui la Sentinella, senza saperlo ancora, firma la sua condanna. Il piano concepito dall’improbabile alleanza tra Cotton Mather (Seth Gabel), Mary Sibley (Janet Montgomery), John Alden (Shane Black) e il barone Sebastian Marburg (Joe Doyle) è chiaro: ora che il diavolo è fuori gioco, è necessario uccidere la Sentinella per impedire l’avvento della domenica nera.

È Cotton a guadagnarsi la fiducia della Sentinella. Entrambi, a modo loro, hanno tradito il padre ma mentre Cotton sa cosa significa uccidere il proprio genitore, la Sentinella non ha avuto questa forza. Di nuovo dialoghi in apparenza al servizio della trama scavano nella mitologia cristiana offrendo spunti profondi e mai banali. Grazie alla fiducia guadagnata Cotton si improvvisa guida, conducendo la Sentinella a esplorare tutti i piaceri mortali a cui l’uomo di dedica: vino, cibo e lussuria.

Samuel Roukin e Seth Gabel interpretano la Sentinella e Cotton MatherHDimages6.fanpop.com

Ecco il geniale paradosso di far peccare un angelo caduto, l’ennesimo gioco di specchi: tutti questi peccati porteranno la Sentinella alla sua fine. Se non si fosse ubriacato, se non avesse assaporato i piaceri della carne, John Alden non sarebbe riuscito a ucciderlo con il pugnale forgiato su suggerimento di Tituba. Al tempo stesso, un personaggio fino a questo momento negativo come il fratello del diavolo, viene reso molto più umano: "Avrei voluto mangiare un’altra arancia" sono le ultime parole che pronuncia. Il sofferto lamento di un figlio ribelle e ripudiato che solo alla fine capisce la grandezza delle tentazioni dell'uomo.

Mentre Cotton porta la Sentinella al bordello sono Mercy e Hathorne a confezionare una delle sequenze concettualmente più coraggiose dell’intera puntata. All’interno della casa di appuntamenti i due si sposano con una cerimonia officiata da un Cotton decisamente più ubriaco che sobrio. È durante questa improbabile cerimonia che Cotton declama l’importanza dell’amore, la necessità del sentimento, la sua nobilita. Recita una accorata arringa sull’amore tra prostitute, angeli caduti, streghe e bambine imprigionate. Eppure, in un modo che solo a Salem può avere senso, l’unione in matrimonio tra Mercy e Hathorne ci appare come una cosa buona. Come una stortura che però, alla fine, ha un suo senso.

Jeremy Crutchley e Elise Eberle interpretano Hathorne e Mercy LewisHDtvfanatic.com

Nel frattempo, cosa succede a casa Sibley?

Ancora giochi di specchi, ancora capovolgimenti. Anne Hale (Tamzin Merchant) si trasferisce tra le sicure mura di casa Sibley ma viene subito tentata dall’aura diabolica del piccolo John. Dove prima il ragazzo demoniaco si prendeva tutto con la bruta forza della magia, qui utilizza strumenti ben più consoni alla sua figura mitologica: tenta, sussurra minacce, promette salvezza e quasi convince Anne ad aprire la porta infernale oltre la quale è imprigionato il suo spirito. Molto, molto interessante l’utilizzo della casa in miniatura attraverso la quale Anne viene perseguitata.

Sebastian, dopo aver usato la sua magia per scoprire i veri sentimenti di Mary, rinuncia all’amore e abbraccia l’odio, due riflessi di un sentimento molto simile. Lo fa nutrendo la Contessa Marburg (Lucy Lawless) con il sangue rimasto di Mary ed è proprio sul finale che inizia a compiersi il piano ancora oscuro della Contessa.

Joe Doyle interpreta il barone Sebastian MarburgHDrecapguide.com

Mary cade svenuta, vittima di allucinazioni. Sono i poteri della Contessa all’opera o e l’acqua maledetta che le ha somministrato Tituba?

Questo ottavo episodio ha messo in luce un'altra caratteristica molto interessante della serie: fino a questo punto alcune storie sembravano procedere su binari troppo distanti tra loro ma quando poi i sentieri di personaggi diversi (Cotton, Mercy e Hathorne o Anne Hale e il piccolo John) si riuniscono, Salem catalizza le trame e ottiene risultati che sono superiori alla semplice somma delle parti.

Solo due giorni, ancora solo due giorni prima della domenica nera.

Il prossimo episodio di Salem andrà in onda in Prima visione assoluta su FOX lunedì 1 maggio e si intitolerà Amara Attesa. Sarà la Contessa a raccogliere il testimone lasciato dalla Sentinella? E quali sono le vere intenzioni di Tituba?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.