I 20 migliori manga di sempre: Dragon Ball, One Piece e tutti gli altri

di -

Se vi siete sempre chiesti quali siano i migliori manga, allora non potete perdervi la nostra straordinaria classifica! Fate il tifo per Goku o preferite Naruto? One Piece o Bleach? Scopriamo insieme chi ha conquistato di più il cuore dei fan.

Tutti i protagonisti dei manga più belli i una fantastica splash page

591 condivisioni 58 commenti 4 stelle

Share

manga sono una parte fondamentale della cultura giapponese. Gli autori di questa ormai celeberrima forma d'arte sono osannati e venerati in patria e non solo come delle vere e proprie star. Alcune delle loro opere sono riuscite a riscuotere un successo di portata planetaria. I cosiddetti fumetti giapponesi non sono più un prodotto di nicchia ma sono stati in grado di diventare ormai dei colossali fenomeni multimediali, ritagliandosi un'importante fetta di mercato. La varietà di genere propria a queste produzioni gli ha permesso di raggiungere e appassionare un pubblico vastissimo. Questo affetto è palpabile anche in Italia, come testimoniano le lunghe code di fan che si accalcano alle varie convention che ultimamente spuntano come i funghi.

Proprio per ingannare il tempo durante l'attesa, capita spesso che gli appassionati si scambino pareri e idee sulle loro storie preferite. A volte nascono delle autentiche "guerre di religione". Le varie tesi, sostenute a suon di citazioni con un piglio quasi marziale, spaziano da chi sia il personaggio più forte, a quale potere o abilità sia la più utile, fino ad arrivare all'immancabile classifica di gradimento. Qui, se ancora ce ne fosse bisogno, gli animi si infiammano e il dibattito prosegue serrato, senza soluzione di continuità.

Nel tentativo di dirimere la questione, abbiamo deciso di stilare una classifica dei migliori manga di sempre. Probabilmente sortiremo l'effetto opposto ma, come sempre, siamo aperti al dialogo. Abbiamo cercato di basare la nostra top twenty prevalentemente sul successo riscontrato dall'opera senza volerne giudicare il valore intrinseco e ci siamo concentrati principalmente su titoli shonen (per ragazzi) o seinen (per adulti).

20) Bakuman

Mashiro Moritaka e Takagi Akito hanno un sogno. Vogliono diventare degli autori di manga. Il primo ha un grande talento nel disegno, il secondo è un brillante sceneggiatore. Decidono di unire i loro sforzi per scalare le classifiche di gradimento giapponesi e diventare i più grandi mangaka del paese. Bakuman è un'opera molto interessante soprattutto perché fornisce una descrizione precisa e dettagliata del mondo dell'editoria e del mercato dei fumetti in Giappone. Le classifiche di gradimento, che vengono ancora tutt'oggi compilate in base al voto che i fan rilasciano su apposite cartoline reperibili nei volumi antologici, sono il vero e proprio villain della serie. Gli autori Takeshi Obata e Tsugumi Ohba riescono a dare un bell'affresco di un mondo sconosciuto al grande pubblico da cui trarre molti spunti interessanti.

19) Blame!

In un futuro distopico, il mondo che conosciamo è stato spazzato via. Al suo posto rimangono solo intricate città strutturate in una sequenza infinita di livelli che si susseguono in un'infinita spirale di desolazione. Killy è un viaggiatore solitario alla ricerca dei pochi umani che sono ancora in grado di connettersi alla rete. Lungo il suo cammino sarà costretto ad affrontare aberranti e letali creature tecnorganiche. Blame! è un manga decisamente singolare. Il suo autore, Tsutomu Nihei ha preso spunto dalla tradizione del fumetto francese, creando un'opera che parla per immagini e lascia pochissimo spazio alla parola. Un capolavoro imperdibile per tutti gli amanti della fantascienza.

18) Gantz

Sempre fantascienza ma dal gusto completamente diverso. In Gantz l'autore Hiroya Oku punta forte sull'effetto splatter e sulle prosperose forme delle sue eroine. Arti mozzati e brutalità varie sono all'ordine del giorno nella battaglia per la sopravvivenza di un gruppo di giovani, guidati dall'inizialmente titubante Kei Kurono, costretti, da una misteriosa sfera nera che li ha resuscitati, a dare la caccia a perverse e sadiche mostruosità aliene. Solo chi arriva a 100 punti sarà libero di andarsene. La trama rende questo manga molto simile a un videogame. Nonostante gli eccessi e le esagerazioni, il mangaka riesce anche ad approfittare dei rari momenti di quiete per dare spazio a temi filosofici alquanto profondi, come il senso della vita e l'immutabilità del destino.

17) One-punch Man

Non lasciatevi ingannare dallo sguardo serio del protagonista di One-punch Man. Il buon Saitama ha un forte senso della giustizia e il pugno più forte del mondo. Infatti è in grado di sconfiggere qualunque avversario con un solo micidiale colpo. Molti potranno pensare che questo lo renda felice e amato da milioni di fan. Niente di più sbagliato. Purtroppo il nostro protagonista si sente frustrato dalla portata del suo potere, che lo ha privato di qualunque gioia per la battaglia. Per questo vaga spesso annoiato e si attira contro le critiche della popolazione, che lo vede come un'autentica minaccia. Forse è ancora presto per poter giudicare l'effettivo valore del manga di One e Yusuke Murata. Ma di sicuro, con la sua ironia revisionista che si fa beffe delle opere dei grandi autori del genere, One-punch Mansta conquistando una popolarità sempre maggiore.

16) Slam Dunk

Hanamichi Sakuragi è un bullo dal cuore tenero. Non permetterebbe mai che uno dei suoi amici venisse ferito. Nonostante si sforzi di mantenere sempre un atteggiamento da duro ha un cuore tenero che lo fa innamorare di continuo. Purtroppo non viene mai ricambiato. Ma, quando incontra la graziosa appassionata di basket Haruko Akagi, decide di impegnarsi anima e corpo in questo sport per far colpo su di lei. Peccato che la ragazza abbia occhi solo per l'asso della squadra Kaede Rukawa. Tra i due scoppia la rivalità. La trama di Slam Dunk può sembrare banale, ma questo è uno dei manga sportivi più belli e intensi di tutti i tempi. In esso è possibile trovare tutta la passione che l'autore Takehiko Inoue nutre per questa disciplina. Il pathos e la tensione della partita coinvolgono il lettore dal primo all'ultimo volume.

15) Shamo - Nato per Combattere

Ryo Narushima è uno studente modello. I suoi voti sono i più alti dell'esclusivo liceo privato che frequenta. Purtroppo, però, il competitivo sistema scolastico e morale giapponese è in grado di annichilire gli animi più sensibili. Così Ryo decide di dar sfogo all'oscurità che sente crescere dentro di lui e uccide senza pietà i suoi genitori. Un delitto tanto efferato lo farà rinchiudere in un carcere minorile senza regole. Lì il giovane scoprirà di essere debole e sarà costretto a impiegare ogni sua fibra per imparare a sopravvivere. La violenza presente in questo manga di Izo Hashimoto e Akio Tanaka è davvero un pugno allo stomaco. Tutti i personaggi, compreso il protagonista, sono privi di scrupoli e pietà. Non c'è spazio per la luce o la speranza in quest'opera. C'è posto solo per la miseria della condizione umana.

14) Ranma 1/2

Che cosa fareste se foste nei panni di un giovane ragazzo erede di una prestigiosa scuola di arti marziali che ogni volta che entra a contatto con l'acqua fredda diventa un'avvenente ragazza? E se vostro padre fosse un panda? E se una vostra spasimante fosse un gatto e il vostro rivale un maialino? A questi e altri strambi interrogativi potrete trovare risposta nel manga Ranma 1/2 di Rumiko Takahashi. Le bizzarre e divertenti avventure del variopinto cast di questa stravagante opera hanno appassionato moltissimi fan. Un mix perfetto tra azione e umorismo. 

13) Vagabond

Di nuovo Takehiko Inoue, di nuovo una grandissima opera. Questa volta bisogna andare indietro nel tempo fino al 1600. La vera storia dell'orfano irrequieto Takezo Shinmen, che decise di abbandonare il suo villaggio per diventare il ronin più forte del mondo, è una delle più belle della cultura giapponese. Dopo aver viaggiato in lungo e in largo e aver affrontato numerosi maestri, Takezo decise di abbracciare la via della spada non solo fisicamente ma anche spiritualmente. Assunto il nome di Miyamoto Musashi, dedicò se stesso al raggiungimento della perfezione nelle tecniche di katana. Le riflessioni filosofiche di questo manga sono tra le più profonde e meglio scritte mai viste. Purtroppo la complessità del tema e i continui problemi di salute di Inoue non gli hanno permesso di raggiungere il grande pubblico e la popolarità che avrebbe meritato.

12) Ushio e Tora

L'opera di Kazuhiro Fujita è un bellissimo affresco sul folklore giapponese. Il bestiario di creature, spiriti e spettri che i due protagonisti, l'umano Ushio e il demone Tora, dovranno affrontare è il più completo mai apparso in un manga. Non mancherà di certo il brivido, anche se non verrà trascurata l'ironia, giocata sul rapporto di amore-odio dei personaggi principali. Le angoscianti e iper-dettagliate tavole realizzate dal maestro Fujita riescono a veicolare costantemente l'orrore e il senso di terrore provato da Ushio. Il giovane oltre alle schiere di nemici, dovrà anche stare attento a non perdere la sua umanità a causa del potere della Lancia della Bestia, l'antico artefatto che gli permette di combattere ma che gli sta prosciugando l'anima.

11) Yu Yu Hakusho

Il team di personaggi creati dalla mente del maestro Yoshihiro Togashi è uno dei più affascinanti di sempre. Ci troviamo di fronte a dei protagonisti stravaganti caratterizzati in maniera eccelsa che si rubano la scena in continuazione. Il loro leader è l'irascibile Yusuke Urameshi, teppista dall'animo nobile che sacrifica la sua vita per salvare quella di un bambino. Questa sua buona azione spinge il figlio del re dei demoni Enma a offrirgli una seconda chance. Una volta tornato in vita Yusuke avrebbe svolto l'incarico di detective del mondo degli spiriti. Un manga dalle tinte fosche ma che riesce a concedere ampi momenti di umorismo grazie alle continue scaramucce verbali del suo cast. L'opera è nota al grande pubblico in Italia con il titolo Yu degli Spettri. Gran parte della sua fama nel nostro paese deriva da un bellissimo anime che ripercorre fedelmente le vicende raccontate nel fumetto.

10) Death Note

Vi siete mai chiesti cosa mangiano gli shinigami, gli dei della morte giapponesi? E vi siete mai chiesti come questi esseri immortali facciano a mietere le loro vittime? Se cercate queste risposte Death Note fa decisamente per voi. Il manga del consolidato duo Obata-Ohba è stato uno dei più grandi fenomeni mediatici degli ultimi anni. Le vicende di Light Yagami, brillante studente entrato in possesso del letale quaderno di un Dio della morte in cerca di avventure, e del suo geniale ma sociopatico antagonista Elle, hanno tenuto con il fiato sospeso migliaia di lettori. La sfida delle loro intelligenze, pronte a tutto pur di superarsi, è raccontata e illustrata in maniera sublime. Un manga intenso e profondo che lascia poco spazio all'umorismo.

9) Saint Seiya

Meglio noto in Italia con il titolo I Cavalieri dello Zodiaco, il manga di Masami Kurumada ha segnato un'epoca. Grazie anche al successo planetario dell'anime, le avventure di Seiya, Shiryu, Hyoga, Shun e Ikki hanno appassionato un'intera generazione. I protettori della Dea Atena, risorta per combattere una nuova Guerra Santa, erano pronti a espandere il loro cosmo oltre i limiti estremi della galassia pur di proteggere l'umanità. Scontri epici, battaglie all'ultimo sangue, spirito di sacrificio e un'incrollabile fiducia in un bene superiore sono i temi principali di una delle opere più avvincenti di tutti i tempi.

8) Berserk

Le vicende di Berserk sono ambientate in un medioevo distopico, crudele e spietato. Il protagonista del manga di Kentaro Miura è Gatsu, il guerriero nero. Il simbolo demoniaco che porta sul collo lo costringe a lottare incessantemente per non cadere nelle fameliche fauci degli Apostoli, creature mostruose e perverse che hanno sacrificato la propria umanità per ottenere il potere. L'opera di Miura è una delle più crude e cupe degli ultimi anni. Tra le sue fonti di ispirazione si possono trovare moltissimi artisti europei di metà quattrocento. Un mondo costruito con cura e perizia, grazie a un tratto che diviene più sicuro e d'autore tavola dopo tavola. L'analisi della psicologia dei personaggi è molto profonda neanche il più piccolo dettaglio viene lasciato al caso.

7) Le Bizzarre Avventure di Jojo

Uno dei manga più longevi mai creati. La vena artistica del suo autore Hirohiko Araki, che è al lavoro su quest'opera da più di 30 anni, sembra davvero inesauribile. Cercare di riassumerne la trama è un'impresa davvero difficile. Verso la fine del 1800 irrompe nella pacifica esistenza della famiglia dei Joestar il diabolico Dio Brando. Dopo aver ottenuto l'immortalità grazie a un antico artefatto, continuerà a minacciare, direttamente o indirettamente, la vita dei vari discendenti del nobile casato inglese. Attualmente siamo arrivati alla nona serie e pare che non si tratterà dell'ultima. Nato come una sorta di clone di Ken il Guerriero, Le Bizzarre Avventure di Jojo ha saputo reinventarsi introducendo una marea di personaggi dai poteri bizzarri. Dalla terza serie, grazie all'avvento degli stand, i vari protagonisti hanno acquisito dei poteri stravaganti. Gli stratagemmi che il maestro Araki usa per mettere in scena battaglie ai limiti del possibile cambiano continuamente e nonostante il tempo che passa il manga è uno dei più seguiti in Giappone.

6) Ken il Guerriero

Sarebbe troppo facile citare la celeberrima intro dell'anime. Ken il Guerriero, creato da Buronson e Tetsuo Hara è uno dei più grandi successi manga di sempre. Le vicende dell'uomo dalle sette stelle, della divina scuola di Hokuto, dei discepoli di Nanto, le vaste lande desolate devastate dalla guerra nucleare sono diventate leggendarie. La determinazione del suo protagonista, capace di superarsi e di diventare sempre più forte combattimento dopo combattimento, sono dei temi che torneranno spesso in molti manga moderni. Lo spessore di quest'opera sta tutta nell'aver saputo ispirare le nuove generazioni che hanno voluto iniziare a raccontare la loro visione del mito.

5) Bleach

La vita del liceale Ichigo Kurosaki subirà un improvviso e drastico cambiamento. Non che la sua esistenza fosse mai stata monotona. Fin da bambino era sempre stato in grado di percepire gli spiriti. Ma, dopo essere stato trafitto dalla zampakuto della shinigami, Rukia è diventato lui stesso un Dio della morte. Bleach è uno dei manga che la critica spesso definisce come "i figli di Dragon Ball". Queste opere si concentrano spesso su un protagonista singolo o su un piccolo gruppo di personaggi principali che riescono a diventare sempre più forti dopo ogni sconfitta grazie ai power-up (potenziamenti) ottenuti dopo estenuanti allenamenti. Il format funziona ma il manga di Tite Kubo è un gradino sotto alla concorrenza diretta a causa del suo incedere troppo buonista, che ha impedito all'autore di uccidere qualcuna delle sue creature anche quando la trama lo avrebbe consentito. E poi la saga dei Fullbringer grida vendetta.

4) Naruto

Giù dal podio, anche se di pochissimo il manga di Masashi Kishimoto. Le vicende di Naruto Uzumaki, orfano monello con un disperato bisogno d'affetto, sono tra le più belle e intense raccontate in un fumetto. Anche questo è uno shonen pieno di power-up, ma i sacrifici che verranno richiesti al protagonista e a tutto l'eccellente cast di comprimari alzano di molto il livello di pathos del tessuto narrativo. I rapporti allievo/maestro, padre/figlio, fratello maggiore/fratello minore vengono affrontati con straordinario tatto e sorprendente maturità nonostante si tratti di una produzione per ragazzi. Ad abbassare la qualità generale c'è la sottolineatura troppo marcata ed evidente che viene fatta dell'apologia dell'impegno che permette di raggiungere obiettivi impossibili. Anche il finale troppo frettoloso stona con la perizia generale del lavoro di Kishimoto.

3) One Piece

Il manga di Eiichiro Oda è il più venduto al mondo. I suoi personaggi sono stati in grado di generare un indotto commerciale senza precedenti. Si va dalle action-figure a una recente linea di abbigliamento. Gli appassionati di One Piece sono pronti a difendere i loro beniamini con le più articolate teorie, e questo è di sicuro uno degli aspetti di maggior successo dell'opera. Oda è riuscito a creare un vasto universo autosufficiente, in cui i poteri e le ambizioni dei vari protagonisti sono classificate in una scala di valori ben chiara e delineata. I folli membri dell'equipaggio del Capitano Monkey D. Luffy sono tra i meglio caratterizzati di sempre. L'autore, grazie anche all'immenso successo dell'opera, è riuscito a dedicare a ciascuno di loro tutto il tempo che ha ritenuto necessario, approfondendo le loro storie con dovizia di particolari. Forse è questo il motivo per cui sono riusciti a entrare così tanto nel cuore dei fan. Pochi potenziamenti ma davvero botte da orbi. Unica pecca, ma qui davvero si tratta di gusto personale, sono le tavole troppo dense, che a volte rendono difficile comprendere l'azione.

2) Dragon Ball

Dovrebbe bastare il nome. Penso che tutti sul pianeta Terra si siano imbattuti almeno una volta in Goku & Co. Per questo manga sono stati scritti fiumi d'inchiostro, pubblicate infinite edizioni e recentemente la sua nuova incarnazione, Dragon Ball Super, è tornata a scaldare il cuore di fan. Probabilmente neanche il suo autore Toriyama aveva idea del successo e dell'influenza che il suo lavoro avrebbe avuto. Partito come manga satirico/umoristico in cui le arti marziali facevano solo da contorno, Dragon Ball ha saputo adattarsi velocemente ai gusti del pubblico, che lo ha ripagato con un affetto e una devozione incredibile. Anche se abbastanza banale, l'idea del Super Saiyan ha portato Dragon Ball a un altro livello. La leggenda dell'imbattibile guerriero dai capelli biondi sembrava non appartenere al mondo del fumetto ma a quello della realtà.

1) Devilman

Ecco finalmente svelato il numero uno della nostra classifica! Se esiste il genere shonen/seinen è solo merito di Devilman. Nel manga di Go Nagai si possono trovare in una fase embrionale molto avanzata tutte le idee che hanno reso grande questo genere negli anni a venire. La rivalità tra protagonista e antagonista, che nasce da un inesauribile spirito di competizione, gli scontri all'ultimo sangue, avversari che diventano sempre più forti e che costringono a superare i propri limiti sono solo gli esempi più lampanti. Visivamente Devilman è lontano anni luce dalle produzioni moderne. Il suo tratto grezzo e le sue tinte scure si adattano in maniera perfetta alla tragica vicenda di Akira Fudo, che per combattere i demoni che sono in procinto di invadere la Terra dopo un sonno durato millenni, è costretto a fondersi con uno di loro, il potentissimo Amon.

Siamo arrivati alla fine

La nostra classifica finisce qui. Non è stato semplice decidere quali titoli includere e quali escludere. Probabilmente avrebbero meritato di essere citate le grandi opere di Osamu Tezuka, ma ci siamo voluti concentrare soprattutto sui manga che hanno avuto in questi decenni una grande risonanza mediatica. E la vostra top twenty come sarebbe?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.