FOX

Resident Evil: Milla Jovovich dice la sua sul reboot del franchise

di -

Resident Evil riparte da zero. E Milla Jovovich ha detto la sua sul reboot del franchise diretto da Paul W.S. Anderson.

Milla Jovovich, protagonista della saga Resident Evil

348 condivisioni 53 commenti 4 stelle

Share

Sono trascorsi solo pochi mesi da quando è stato rilasciato il film conclusivo della saga, Resident Evil: The Final Chapter, ma già si parla di un reboot.

Il primo film del franchise, diretto nel lontano 2002 da Paul W.S. Anderson, assicurò il successo alla sua interprete, Milla Jovovich. E cosa ne pensa la star del reboot della saga?

L'attrice dice di comprendere completamente, da un punto di vista aziendale, le ragioni che spingono i produttori a pensare di rifare una saga appena conclusa. Ma aggiunge anche che il denaro non può essere l'unica ragione per cui vengano prese queste decisioni. Dal suo punto di vista, infatti, questo rischierebbe di compromettere la riuscita del progetto.

Cinemablend riporta le testuali parole della Jovovich:

Penso che molte persone con questo franchise abbiano messo il carro davanti ai buoi. E questo è pericoloso. Vogliono riavviare Resident Evil da molto tempo, e va bene: adoro il mondo di Resident Evil. Penso che sia un grande patrimonio, e se fossi il produttore lo farei.

L'attrice, dunque, non sarebbe completamente contraria ad un reboot del franchise. D'altronde, da un punto di vista finanziario, i film di Resident Evil sono stati indubbiamente un grande successo. Comprensibile, dunque, che un produttore possa decidere di voler riavviare la saga.

L'interprete di Alice invita, però, i produttori ad essere cauti, in particolare per quanto riguarda la scelta del team. La Jovovich sostiene, infatti, che a favorire il successo dei film di Resident Evil abbia contribuito la passione delle persone coinvolte nella sua lavorazione. Questi ultimi, stando a quanto racconta l'attrice, erano degli autentici fan del videogioco omonimo.

Penso che ciò che renda Resident Evil così speciale è che le persone amano quello che stanno facendo e sono veramente appassionati dei videogiochi. Per il bene comune suggerirei di trovare gente con la stessa passione, prima di parlare di reboot.

L'attrice chiarisce anche le sue ragioni. Il suo pensiero va agli appassionati del genere a cui appartiene il franchise: teme, infatti, che un film troppo dettato da ragioni economiche possa essere visto come un "falso" (fake):

Penso che se entri in questo genere, le persone siano molto sensibili ai fake. Ci sono dei veri appassionati nel mondo dello sci-fi/action/horror e non sono stupidi. Sentono quando qualcosa viene fatta perché la gente ha passione e quando viene fatto per monetizzare un'opportunità.

James Wan produrrà il reboot di Resident Evil?

Mentre le parole di Milla Jovovich chiedono l'attenzione agli eventuali produttori del reboot, inizia già a trapelare qualche primo dettaglio sul riavvio di Resident Evil. Sembrerebbe infatti che James Wan si sia imbarcato come produttore del progetto. Forse la presenza al timone di un nome come quello di Wan tranquillizzerà l'attrice. Oltre ad essere regista del prossimo Aquaman con Jason Momoa, Wan è infatti produttore di un altro franchise di successo, Saw.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.