FOX

A Cannes 70 scoppia la febbre di Twin Peaks e arriva Robert Pattinson

di -

25 maggio. Dopo tante passerelle e proiezioni al femminile, finalmente il concorso trova il suo re: è Robert Pattison, protagonista di Good Time a Cannes 70.

Robert Pattison a Cannes

291 condivisioni 2 commenti 5 stelle

Share

Si avvicina la fine della corsa alla Palma d'Oro, ma anche nelle sue ultime giornate il Festival di Cannes promette di essere ricco di sorprese e di film imperdibili. Dopo tante giornate all'insegna della bellezza e della bravura femminili (e dopo quattro giorni in cui Nicole Kidman ha letteralmente monopolizzato la Croisette) finalmente arriva un protagonista maschile di sicuro fascino in concorso: oggi è il giorno di Robert Pattison

Robert Pattison è il tormentato protagonista di Good Time

Conoscete i fratelli Benny Safdie e Josh Safdie? Quando a Cannes sono a corto di pellicole "familiari" dei più celebri Dardenne e Coen, bussano alla loro porta. Pur essendo giovani e non avendo ancora raggiunto la popolarità dei grandi registi della Croisette, i Safdie sono già vecchie conoscenze per gli appassionati di Cannes e dintorni. Fino ad oggi hanno sempre lavorato su progetti dal microscopico budget e con attori sconosciuti in pellicole piccole ma già cult come Heaven Knows What e Daddy Longlegs.

Il loro film della svolta potrebbe essere proprio questo Good Time presentato oggi in concorso, grazie all’attenzione che Robert Pattinson sarà calamitare sul progetto. La loro scalata ad Hollywood però è appena cominciata, indipendentemente da come vada in Croisette: il loro prossimo titolo verrà prodotto da un certo Martin Scorsese. 

Dopo Cosmopolis, Good Time è l'ennesimo film drammatico e violento che sbarca a Cannes con Robert Pattinson come assoluto protagonista. Qui l'attore lanciato da Twilight interpreta Constantine Nikas, un rapinatore di banche che nel corso di una notte concitata tenterà di far uscire di prigione il fratello, dopo un colpo finito male.

L'impresa si rivelerà una vera discesa negli inferi urbani, dato che si immergerà nei peggiori bassifondi, affrontando una crescente violenza e corruzione. Nel cast figura anche Jennifer Jason Leigh. Se la trama non sembra il massimo dell'originalità, prestate attenzione alla produzione: è A24 a presentare il film, ovvero il team di menti dietro il successo di Moonlight!

Twin Peaks, in differita, anche a Cannes 70

Tra le tante polemiche che hanno costellato questa edizione, non si può dimenticare quella dello scontro frontale tra il mondo del cinema e quello della televisione. Netflix ha infiammato gli animi, tra dichiarazioni piccate di Pedro Almodovar e visioni possibiliste di Robin Wright e Will Smith. Non si può negare però che in un'annata con tanti film che hanno deluso le aspettative, sono state le grandi anteprime TV come quella di Top The Lake - China Girl a risollevare le sorti dell'edizione numero 70. 

La proiezione odierna dei primi due episodi di Twin Peaks però merita un discorso a parte. Certo è innegabile che il ritorno tra i boschi onirici della celebre serie di David Lynch sia l'evento televisivo dell'anno e quindi si meriti di essere a Cannes (che, ricordiamolo, fu la piattaforma di lancio di quel capolavoro di Mulholland Drive). Che senso ha però parlare di prestigiosa anteprima mondiale quando il primo episodio è andato in onda giorni fa? Se l'operazione in sé poteva essere esaltante, la tempistica è deludente. Fosse successo a Venezia, per esempio, c'è da giurare che i commenti non sarebbero stati così teneri e possibilisti. 

Una Creatura Gentile prova oggi a conquistare la Palma

Con tante stelle e anteprime attesissime in Croisette, l'altro film oggi in competizione faticherà a farsi notare dal grande pubblico. I critici però attendono ancora un vero e forte candidato alla Palma (al momento sarebbe testa a testa tra Wonderstruck e The Beguiled) ed è quindi un'occasione davvero d'oro per cinematografie meno note, come quella ucraina.

Sarà Sergey Loznitsa a tentare di conquistare la giuria e la critica oggi con il suo A Gentle Creature. Come suggerito dal titolo, la pellicola è ispirata al racconto omonimo del grande scrittore russo Dostoevskij. La gentile creatura del titolo è una donna costretta a compiere un lungo viaggio in regioni remote del proprio Paese, per tentare di incontrare suo marito, rinchiuso in prigione.

A giudicare dal trailer e dalle precedenti pellicole del regista, c'è da aspettarsi un cinema di grande autorialità, come quello portato dal regista russo Andrey Zvyagintsev nel primo giorno di concorso, in controtendenza con una selezione più commerciale e accessibile del solito. 

Dall'Ucraina alla Croisette, oggi è il turno di A Gentle CreatureFestival di Cannes
Il poster francese della pellicola oggi in concorso a Cannes 70.

Cosa ci riserverà domani la Croisette? Per scoprirlo continuate a seguire lo speciale giornaliero dedicato al concorso e alle stelle sul red carpet, il video diario dalla Croisette e le notizie dedicate al Festival.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.