FoxLife

Kathy Griffin decapita Donald Trump in un photoshoot (e poi si scusa)

di -

Kathy Griffin ha postato un video di scuse molto sentite. L'attrice è nell'occhio del ciclone per la foto che la ritrae con la testa decapitata di Donald Trump.

Kathy Griffin decapita Donald Trump

210 condivisioni 14 commenti 5 stelle

Share

[UPDATE della redazione 01/06/2017] Le scuse di Kathy Griffin sono servite a poco. Dopo le polemiche e l'indignazione suscitata dal photoshoot in cui la donna teneva in mano il modellino di una testa mozzata con le fattezze di Donald Trump, la comica è stata licenziata da CNN.

"Abbiamo trovato [le sue azioni] disgustose ed offesive": così il network aveva commentato inizialmente le fotografie apparse online. Trump, dal canto suo, aveva risposto con un tweet dal suo account personale in cui commentava che la Griffin avrebbe dovuto vergognarsi delle sue azioni. "I miei figli, e il mio figlio 11enne Barron in particolare, stanno avendo problemi con questa cosa".

Segue l'articolo originale.

-

Kathy Griffin è finita al centro di una serie di polemiche per la foto che la ritrae con la riproduzione della testa sanguinante del Presidente Donald Trump. L'attrice e comica si è scusata pubblicamente per lo scatto con un video postato sulla sua pagina Twitter: 

L'immagine è troppo inquietante. Capisco che possa risultare offensiva. Non è affatto divertente, lo capisco. Ho fatto molti errori nella mia carriera e continuerò a commetterne. Vi chiedo perdono. Mi sto occupando della cosa e chiederò al fotografo di rimuovere l'immagine. Vi chiedo scusa, sono andata troppo oltre... 

Ma facciamo un passo indietro per spiegarvi l’accaduto. Martedì 30 maggio, Kathy ha postato la foto incriminata scattata da Tyler Shields. Lo scatto ha provocato una serie di reazioni piuttosto critiche. Il figlio di Donal Trump ha definito la fotografia disgustosa. Diverse personalità si sono unite al coro di biasimo, tra cui Chelsea Clinton e Debra Messing. La prima ha bollato lo scatto come “vile e sbagliato”, mentre la seconda lo ha definito scorretto.

Intervistato da EW, il fotografo ha sottolineato che la foto non voleva essere un incitamento alla violenza, ma una semplice testimonianza della libertà di espressione. La fotografia non avrebbe dovuto veicolare un messaggio specifico. Secondo il racconto di Tyler, è stata semplicemente il frutto di una collaborazione artistica con Kathy, che si sentiva pronta a uno scatto di natura politica.

L’intento era quello di creare un’immagine che si distinguesse dalle migliaia di immagini che bombardano le persone quotidianamente. Nell’idea di Tyler, l’utente avrebbe dovuto fermarsi a guardare e chiedersi “Che cos’è?”. 

Cosa ne pensate: fotografo e attrice sono riusciti nell’intento? Beh, la foto si è distinta eccome. In fondo, Tyler Shields è famoso proprio per i suoi scatti audaci. Nel 2015, per esempio, ha realizzato un servizio fotografico molto chiacchierato, con l’attore australiano Kick Gurry nei panni del suicida Adolf Hitler.

Forse Kathy Griffin è andata davvero oltre come lei stessa ha affermato, oppure ha semplicemente ragione Tyler che ha dichiarato:

[Trump] è il social media presidente. Guarda, la cosa non riguarda neanche direttamente lui. È solo l’immagine del momento che stiamo vivendo come società… Per me questa foto è più di quello che ritrae. Tu puoi avere la tua opinione. C’è quel detto famoso Io non sono d’accordo con te, ma difenderò il tuo diritto di parlare. Posso non essere d’accordo con lui… ma difenderò il mio diritto di dire quello che voglio fino alla morte.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.