FOX

Resident Evil: Milla Jovovich voleva lasciare il set a causa di Michelle Rodriguez

di -

I segreti del set di Resident Evil: il franchise ha rischiato di perdere la sua appassionata protagonista Milla Jovovich. L'interprete di Alice si sentiva infatti minacciata dall'entrata nel cast di Michelle Rodriguez.

Milla Jovovich, l'interprete di Alice nella saga Resident Evil

541 condivisioni 38 commenti 4 stelle

Share

Milla Jovovich, come sappiamo, ha trascorso la maggior parte della sua carriera interpretando l'eroina del franchise Resident Evil, diventando poi un'icona degli action movie.

Ma forse non tutti sanno che c'è stato un momento in cui l'attrice ha minacciato di lasciare il set, e questo a causa della sua partner di scena Michelle Rodriguez. La protagonista indiscussa della saga si è sentita schiacciata dalle revisioni di sceneggiatura, ed in particolare dalla nuova arrivata, a cui veniva dato uno spazio sempre più eccessivo. Il racconto è riportato da Dreadcentral.

Dopo le preoccupazioni riguardo un reboot del franchise, la Jovovich ricorda i momenti belli e brutti del suo impegno in Resident Evil.  E, tra questi, spicca una rivelazione: "Ho quasi lasciato il film".

E, mentre si racconta a Inverse, ricorda il momento in cui era sul punto di lasciare il set

Il cambiamento di atteggiamento della Jovovich si deve all'aggiunta, nel cast, di Michelle Rodriguez. L'entrata in scena dell'interprete di Rain ha significato infatti, per il regista, Paul W.S. Anderson, un ridimensionamento del personaggio di Alice:

Stavo girando qualcos'altro e Paul aveva assunto Michelle Rodriguez per interpretare Rain. E lei era appena uscita da Girlfight, ed in odore di Oscar. Era il suo momento, e il mio momento era già passato da quattro anni. Così Paul aveva riscritto la sceneggiatura per lei. Il mio personaggio è diventato quasi "la ragazza", e Rain era "il ragazzo".

La nuova sceneggiatura era, infatti, tutta cucita addosso alla Rodriguez. Il problema era, però, che il personaggio di Alice, interpretato dalla Jovovich, ne usciva sminuito, quasi da perdere la sua funzione da "action movie hero".

Tuttavia, la Jovovich era ancora all'oscuro delle nuove revisioni di sceneggiatura. E, quando lo ha scoperto, non l'ha presa affatto bene:

Non ho ricevuto il nuovo progetto finché non sono partita dal Canada per andare in Germania. Finii la lettura dello script in aereo, perciò quando arrivai a Berlino, ero livida. Sono arrivata in albergo e ho detto: 'Dobbiamo fare un lungo discorso, o domani mattina sarò in volo.' Così Paul finì per venire [da me] quella sera e ci siamo seduti per tre ore esatte e, abbiamo riletto lo script, pagina per pagina.

Il regista, però, stando a quanto riporta l'attrice, - forse eccitato dall'idea di avere sul set la stella del momento, quale allora era la Rodriguez - non si era reso conto del suo errore:

Lui era tipo: 'Cosa vuoi dire? È cambiato così tanto?'. [E io:] 'Okay, perché non cominciamo con la pagina uno?' Ho sottolineato ogni volta che mi sono sentita come se mi avessero portato via le mie grandi scene. 

"Così è cominciata la nostra relazione", conclude l'attrice riferendosi al suo rapporto con il regista. Paul W.S. Anderson è, infatti, suo marito. I due, che hanno cominciato ad amarsi già nel 2003, sono sposati dal 23 agosto 2009, e sono genitori di due bambini.

E difatti, in seguito, grazie alle osservazioni della Jovovich, la sceneggiatura riuscì poi a farne di Alice un'eroina con un protagonismo quasi "maschile", e per questo molto amata dal pubblico, mentre Rain, pur non perdendo il suo lato combattivo, appare più nel ruolo di vittima (aggredita e poi uccisa).

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.