FoxLife

#OneLoveManchester: i momenti migliori e il video completo del concerto

di -

#OneLoveManchester ha regalato molti momenti emozionanti e tra duetti e performance da brivido ha lanciato un messaggio forte e chiaro: paura e odio non vinceranno.

258 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Dopo gli attentati del 22 maggio durante il tour di Ariana Grande e del 3 giugno a Londra, la Gran Bretagna ha deciso di reagire al terrorismo con un grande happening di musica, amore e coraggio.

Domenica 4 giugno, #OneLoveManchester ha risposto all'odio e alla paura celebrando la vita e rendendo omaggio alle vittime con una parata di star e un pubblico di oltre 50mila persone.

L'evento si è svolto all'Old Trafford, lo stadio di cricket della città, ed è stato organizzato dalla cantante statunitense per raccogliere fondi per le persone rimaste coinvolte negli attacchi e i loro familiari.

Se ve lo siete perso, qui sopra trovate il video completo del concerto e a seguire una carrellata dei momenti migliori della serata!

Robbie Williams e i Take That

#OneLoveManchester ha regalato una grande quantità di emozioni agli spettatori e ha iniziato fin da subito con l'apparizione a sorpresa di Robbie Williams. Ma non è stato solo sentire il nome del cantante a fare esplodere il pubblico in un boato, bensì il fatto che ad annunciarlo sia stato Gary Barlow. 

I Take That (rimasti orfani anche di Jason Orange) e il loro ex compagno si sono incrociati sul palco per pochi istanti e rivederli insieme ha fatto scendere più di un brivido lungo la schiena (e pure qualche lacrimuccia) a chi è stato adolescente negli anni '90.

I Take That a #OneLoveManchesterHDGetty Images
I Take That sul palco di #OneLoveManchester

Purtroppo, la reunion è stata breve e non c'è stato tempo per nessuna canzone insieme, ma Robbie ha ripagato la (piccola) delusione degli spettatori con un'esibizione da brividi.

Il "ragazzo terribile" del pop inglese non si è risparmiato e ha fatto venire la pelle d'oca ai presenti con la scelta di modificare una strofa di Strong in omaggio alle vittime dell'attentato del 22 maggio:

Manchester, noi siamo forti e continueremo a cantare la nostra canzone.

E il pubblico lo ha ringraziato con un'ovazione e poi cantando come una sola voce Angel.

Alla fine, Robbie (che si è presentato sul palco con la felpa del Purpose Tour di Justin Bieber) era visibilmente commosso.

#OneLoveManchester: Robbie Williams commosso sul palcoHDGetty Images
Robbie Williams saluta commosso il pubblico di #OneLoveManchester

Ariana Grande, il coro della Parrs Wood High School e la piccola Olivia

Ariana Grande è stata l'anima della lunga serata di musica all'Old Trafford e vederla spendersi sul palco senza riserve ha fatto capire a chi ancora non la conosceva il perché del suo grande successo tra le nuove generazioni e l'adorazione che hanno per lei gli "Arianator".

La cantante si è esibita in diversi duetti, tra cui uno con il coro della Parrs Wood High School di Manchester. I 26 giovanissimi interpreti sono stati invitati a esibirsi sul palco dopo che avevano registrato e messo online una versione di My Everything per raccogliere fondi per le vittime dell'attentato del 22 maggio.

L'emozione di cantare con il loro idolo, davanti a una folla oceanica di persone, è stata enorme e alla fine la solista, la 12enne Natasha Seth, è scoppiata in lacrime ed è stata stretta da Ariana in un commovente abbraccio consolatorio.

#OneLoveManchester: Ariana Grande e il coro della Parrs Wood High SchoolHDGetty Images
Ariana Grande duetta con il coro della Parrs Wood High School durante #OneLoveManchester

Tra un brano e l'altro, la cantante ha toccato il cuore del pubblico anche offrendo un ricordo di una piccola vittima dell'attacco terroristico:

Ho avuto il piacere di conoscere la mamma di Olivia pochi giorni fa e quando l'ho incontrata sono scoppiata in lacrime e l'ho abbracciata forte. E lei mi ha detto di smettere di piangere, perché Olivia non avrebbe voluto vedermi così. E poi mi ha detto che a Olivia sarebbe piaciuto sentire le mie canzoni più famose. Perciò, dopo avere preparato uno spettacolo completamente diverso, nella prova generale di ieri abbiamo cambiato tutto.

Ariana Grande e i Coldplay

La hit degli Oasis Don't Look Back In Anger (Non Guardare al Passato con Rabbia) è diventata l'inno degli abitanti di Manchester dopo l'attentato del 22 maggio e ha ovviamente trovato spazio nel grande concerto dell'Old Trafford.

Ma diversamente da quello che si sarebbe potuto pensare, a interpretarla non sono stati i legittimi "proprietari", bensì Ariana Grande e i Coldplay.

La band londinese non è mai stata molto amata dai fratelli Gallagher (per usare un eufemismo) e sentire Chris Martin cantare il brano è stato quantomeno surreale. Ma nel prosieguo della serata è stata chiaro che i miracoli possono accadere e soprattutto l'inedito duetto è stato un vero e proprio rito catartico collettivo.

#OneLoveManchester: i ColdplayHDGetty Images
I Coldplay durante l'esibizione di #OneLoveManchester

Dopo, i Coldplay hanno eseguito altri loro brani, tra cui Viva la Vida, le cui parole sono risuonate potenti nel cuore degli spettatori e nel cielo di Manchester.

Liam Gallagher e Chris Martin

L'ultimo ospite della serata è stato uno dei più importanti rappresentati della scena musicale di Manchester: Liam Gallagher.

L'ex Oasis si è presentato sul palco senza il fratello Noel (al quale ha riservato un pesantissimo attacco su Twitter, accusandolo di essere un "triste c******" per non aver partecipato all'evento) e ha cantato la hit della band Rock 'N' Roll Star e il suo nuovo singolo da solista, Wall of Glass.

Poi ha fatto qualcosa di incredibile, che sarà anche stato concordato, ma che conoscendo il temperamento del rocker e il suo pensiero sui Coldplay ha davvero dell'eccezionale: ha invitato a esibirsi con lui Chris Martin.

I due hanno eseguito una commovente versione di Live Forever e Liam l'ha introdotta dicendo:

Voglio dedicare questa canzone alle belle persone che sono state uccise durante l'attacco terroristico di Manchester.

E cantare con il frontman dei Coldplay è piaciuto talmente tanto a Liam, che in un'intervista con l'emittente olandese Radio 3FM Extra ha ritrattato tutti gli insulti del passato:

I Coldplay non hanno mai suonato così bene, non credete? Ero lì e pensavo: 'C****, se suonate bene. Ritiro tutto quello che ho detto in passato su di voi. Suonate f********* bene!'. Non mi interessa [cosa penserà ora la gente di me, n.d.r.]. Sono dei tipi in gamba. E Chris è un figo.

Il poliziotto e il ballo con gli spettatori

Durante #OneLoveManchester le emozioni non sono state solo sul palco.

I tanti fan giovanissimi con mamma e papà al seguito, le persone sorridenti, i ragazzi e le ragazze che intonavano le canzoni dei loro idoli hanno contribuito a creare un'atmosfera eccezionale, che ha risposto al terrore con una forza che nessun proclama politico o bomba avrà mai.

E in mezzo a questa folla unita, determinata e decisa a "non guardare al passato con rabbia", le telecamere hanno catturato un'immagine che è diventata subito il simbolo del concerto: un poliziotto che ballava con un gruppo di piccoli fan di Ariana.

Un gesto semplice, ma che vale più di mille parole e che rinnova la speranza nel domani e in un mondo senza guerra e senza odio.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.