FOX  

Outcast 2, la recensione del finale di stagione: senti la luce.

di -

Con un cliffhanger che ci terrà col fiato sospeso, Outcast ha concluso la sua seconda stagione. Kyle Barnes ha affrontato i propri demoni, ma quelli veri hanno appena iniziato, con lui...

42 condivisioni 11 commenti 5 stelle

Share

Il Male è reale, esiste. Ci infetta diffondendo odio, e pazzia, e morte.

Il reverendo Anderson ha cambiato radicalmente strada, come questa seconda stagione di Outcast.

Non crede più di aver incontrato il Diavolo. Non crede più nemmeno che il Diavolo esista.

E non crede alla Bibbia. La denigra facendo fuggire i fedeli. 

Crede solo nel Bene, che prevarrà solo a patto che viva nel cuore dei giusti.

Quelli che si raduneranno in un esercito e distruggeranno il Male. Perché Dio non lo farà al posto loro…

Il monologo che apre l’ultimo episodio di Outcast 2 è un po’ il riassunto dell’intera stagione: il punto di vista è stato stravolto.

Ora è diventato più maturo, ma anche più spaventoso, oscuro e ambiguo. Il confine che separa i buoni dai cattivi si è assottigliato sempre più, episodio dopo episodio. Fin quasi a scomparire.

Ed è a questo punto che veniamo al confronto più atteso di questo finale. Non quello fra Bene e Male, ma quello fra Kyle e suo padre.

Outcast: Simon e Kyle Barnes

La vita di Simon Barnes e di sua moglie, l’abbandono della famiglia nel tentativo di salvarla, le colpe e i rimorsi.

Kyle è arrabbiato con suo padre, non a torto. Soprattutto, non si fida di lui. Non crede più in lui, e i fatti gli daranno ragione.

Simon sta radunando un esercito, attirando a Rome tutti i Fari che può.

Mentre Megan è prigioniera di Blake e del dottor Park, che vuole mettere le mani sul suo  bambino (anzi: bambina), Giles ci ricorda il dramma che stanno vivendo tutti coloro che sono consapevoli della situazione: anche le situazioni più drammatiche, come la gestione di un lutto, sono complicate dal dubbio. 

Chiamare un impresario funebre? Ma come si può fare, non sapendo se è posseduto oppure no?

E come si può combattere qualcuno, senza sapere chi si deve combattere?

Il nemico ha un volto nuovo. La donna a cui il dottor Park si rivolge è potente, ricca. E gerarchicamente in vetta, fra le fila del Male. Sopra al Consiglio, sopra a tutti.

Impone a Park di tenere Kyle e la sua famiglia al sicuro, affinché facciano avvenire la fusione… Che inizia poco dopo. Il racconto del passato, della mutilazione inflitta da Helen ai Fari e dell’inizio della fusione è agghiacciante. Simon uccise i Fari per fermarla ma Martin, il cognato di Joe, sopravvisse. Sappiamo che è lui, la persona potente a cui si riferiva Sidney.

La famiglia Barnes in Outcast 2x10

A questo punto, la guerra è iniziata. Anderson e Giles portano alla stazione di polizia le persone della lista di Rose. Dakota stringerà un accordo con Anderson, Megan ne tenta uno con Blake.

I Fari, incluso Martin, si riuniscono. Dando vita alla sequenza più spettacolare e più terrificante vista finora in due stagioni di Outcast.

Poche vite per salvarne miliardi. […] O tutti o nessuno, perché è la stirpe che ci rende così potenti.

Simon Barnes è pronto a uccidere se stesso, il proprio figlio e la propria nipotina. Kyle lotta con tutte le sue forze per salvarsi… E ci riesce. Ma tenere in vita i Barnes costa caro. Molto caro.

E come da tradizione, la serie chiude la stagione con un memorabile cliffhanger, in cui il Male prende il controllo e circonda i buoni…

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.