FOX  

I segreti dello S.H.I.E.L.D.: alla scoperta di Madame Hydra

di -

Negli ultimi episodi di Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D. è stata introdotta la letale Madame Hydra. Scopriamo insieme le sue origini e le sue incursioni sul piccolo e grande schermo!

Madame Hydra in Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D. e nei fumetti

234 condivisioni 1 commento 5 stelle

Share

Nell'ultimo arco narrativo della quarta stagione di Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D., ambientato in un universo virtuale alternativo a quello in cui si svolgono i fatti dello show, il Life Model Decoy Aida ha assunto l'identità di Madame Hydra, una delle villain più celebri dei fumetti Marvel.

In merito alla scelta di introdurre il personaggio all'interno della serie, i produttori esecutivi Jed Whedon e Maurissa Tancharoen si sono così espressi con Entertainment Weekly:

Una volta pianificato il ritorno dell'Hydra nello show, abbiamo deciso di mostrarla come una potenza da non sottovalutare. Madame Hydra era l'antagonista adatta per questo compito, in quanto possiede la perfetta combinazione di forza, sensualità e potere intimidatorio.

Nei fumetti, le donne che hanno assunto questa identità sono infatti più volte state capaci di mettere in pericolo le vite di eroi come Captain America, Nick Fury e il Punitore, riuscendo dove molti loro colleghi avevano fallito.

Mallory Jansen è Madame Hydra© ABC/Marvel Studios
Mallory Jansen è Madame Hydra in Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D.

La prima e più famosa Madame Hydra è Ophelia Sarkissian, creata negli anni '60 da Stan Lee e Jim Steranko per essere la principale nemesi femminile di Steve Rogers.

Addestrata dal leggendario Kraken per diventare la miglior agente che l'organizzazione abbia mai avuto, nei suoi primi anni di vita editoriale la donna si è spesso scontrata con gli Avengers, riuscendo quasi a sterminare il supergruppo ma finendo col rimanere apparentemente vittima di un attacco missilistico da lei stessa lanciato.

Decisa a riscattarsi dal fallimento con l'Hydra, Ophelia portò avanti i suoi intenti criminali utilizzando il nome in codice di Viper e guidando il gruppo di mercenari noto come la Squadra dei Serpenti.

È in questo periodo che la donna inizia a nutrire la sua passione per i veleni ed entra in conflitto con lo S.H.I.E.L.D. e gran parte degli eroi dell'universo Marvel, stringendo una relazione sentimentale con Teschio Rosso e arrivando a farsi sposare da Wolverine al fine consolidare il suo dominio su Madripoor.

Ophelia Sarkissian alias Madame Hydra© Marvel Comics
Ophelia Sarkissian, la principale Madame Hydra dei fumetti Marvel

Oltre a essere apparsa in numerose serie animate come X-Men: Evolution e Avengers - I più potenti eroi della Terra, nel 2013 Viper è stata utilizzata sul grande schermo come avversaria di Logan nel secondo lungometraggio in solitaria a lui dedicato, dove il personaggio è stato trasformato in una scienziata mutante in grado di produrre veleni e tossine.

Un'altra rappresentazione della supercriminale - per certi versi più fedele a quella cartacea, nonostante venga presentata come Andrea von Strucker e non come Ophelia Sarkissian - si è avuta nel film per la TV del 1998 Nick Fury: Agent of S.H.I.E.L.D, in cui lo scorbutico leader dell'organizzazione spionistica è interpretato dall'iconico David Hasselhoff.

Assieme a Viper, nella pellicola compare anche la Contessa Valentina Allegra de la Fontaine, principale interesse sentimentale di Fury nonché volto di Madame Hydra nella miniserie a fumetti Secret Warriors.

Svetlana Khodchenkova è Viper© 20th Century Fox
Svetlana Khodchenkova è la mutante Viper in Wolverine - L'immortale

Per scoprire cosa succederà alla "nostra" versione del personaggio non dovete far altro che sintonizzarvi il mercoledì alle 21.00 su FOX e gustarvi gli episodi conclusivi della quarta stagione di Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D.!

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.