FOX

Blade Runner 2049 sarà fedele all'originale (e se sarà un flop, il regista è preparato)

di -

Fedele alle atmosfere dell'originale. Ryan Gosling è certo che Blade Runner 2049 sia stato realizzato al meglio, ma come il regista Denis Villeneuve è pronto al flop.

Ryan Gosling in Blade Runner 2049

311 condivisioni 4 commenti 5 stelle

Share

L'attesa per Blade Runner 2049 è alle stelle e Ryan Gosling ha contribuito ad alimentare l'hype rilasciando una dichiarazione che per le orecchie dei fan è musica.

L'attore ha spazzato i dubbi sull'opportunità di realizzare un sequel del capolavoro di Ridley Scott, rivelando che il film sarà fedele all'originale.

Tuttavia, sia lui che il regista, Denis Villeneuve, sono consapevoli di essere chiamati a un confronto difficilissimo e per questa ragione sono preparati a un eventuale flop.

Blade Runner 2049: fedele all'originale, senza timore reverenziale

Blade Runner 2049 sarà all'altezza dell'originale? Per saperlo bisogna aspettare fino al 5 ottobre 2017, data in cui il film arriverà nei cinema italiani. Ma le dichiarazioni rilasciate da Ryan Gosling in occasione del CinemaEurope, organizzato presso il Centre de Convencions Internacional de Barcelona (CCIB), fanno ben sperare.

Come scrive The Hollywood Reporter, l'attore ha elogiato la capacità del regista di ricreare le atmosfere e le sensazioni della pellicola del 1982, senza esserne soggiogato:

[Denis Villeneuve, n.d.r.] è stato fedele all'originale, ma allo stesso tempo non ne è stato intimidito.

Ryan ha anche raccontato la sua personale esperienza con il film di Ridley Scott, rivelando di averlo visto per la prima volta all'età di 14 anni e di esserne rimasto profondamente colpito. Inoltre, ha accennato alla possibilità che alcuni quesiti rimasti in sospeso trovino (finalmente) riscontro:

[Blade Runner, n.d.r.] è iconico per una ben precisa ragione. È un film molto profondo, potente e inquietante. Ti lascia con più domande che risposte e io, che ero un bambino, non ero pronto. Ero abituato a storie sulle quali avevo il controllo. Come fan, è stato emozionante scoprire che alcune di queste domande potrebbero trovare risposta, tornare in quel mondo, esplorarlo e vedere come si sono evolute le cose.

Blade Runner 2049: Denis Villeneuve ha fatto pace con l'idea del flop

Quando ha accettato di realizzare Blade Runner 2049, Denis Villeneuve sapeva che avrebbe affrontato "la più grande sfida artistica" della sua carriera, come ha dichiarato a The Hollywood Reporter durante il CinemaEurope.

Per questa ragione, il talentuoso regista (che a breve si cimenterà con il remake di Dune) ha dichiarato di essere preparato a un eventuale fallimento:

Ryan Gosling e io abbiamo fatto pace con la possibilità che il film sia un flop. Sono salito a bordo [del progetto, n.d.r.] perché la sceneggiatura è molto convincente. Ma non ha importanza quello che fai, né quanto bene lo stai facendo. Il sequel dovrà sempre fare i conti con l'originale, che è un capolavoro. Così l'ho accettato. E quando lo capisci, sei libero.

Harrison Ford in Blade Runner 2049Entertainment Weekly
Harrison Ford (e Ryan Gosling sullo sfondo) in Blade Runner 2049

Denis ha anche parlato del rapporto con coloro che hanno fatto della pellicola un cult: Harrison Ford e Ridley Scott.

Il regista ha raccontato che l'approvazione dell'idea da parte dell'attore e la sua partecipazione al film erano la "conditio sine qua non" perché il sequel vedesse a luce:

Quando Ridley ha deciso di realizzare il seguito [di Blade Runner, n.d.r.], la prima cosa che ha fatto è stata chiedere a Harrison se fosse interessato, perché sarebbe stato impossibile farlo senza di lui. Così ho incontrato Harrison e abbiamo parlato di quello che avevo in mente per il film, in modo che lui si sentisse a suo agio con me alla guida.

Per quanto riguarda Ridley Scott, la leggenda del cinema ha fatto a Denis "il dono più grande di tutti, ovvero la libertà":

Mi ha detto: 'È il tuo film. Se avrai bisogno di me, ci sarò. Altrimenti, me ne andrò'. E anche se non c'era fisicamente, ho sentito la sua presenza per tutto il tempo, perché stavo lavorando con il suo universo. Quindi, in senso stretto non c'era, ma per un altro verso non è mai andato via.

Parole che non fanno che confermare quelle di Ryan circa il fatto che Blade Runner 2049 abbia colto l'essenza dell'originale e possa offrire ai fan del capolavoro del 1982 le risposte che aspettano.

O chissà, magari dare loro nuovi quesiti sui quali rimuginare per altri 35 anni...

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.