FOX  

Homeland 6, la recensione del primo episodio: i due lati di ogni storia

di -

Homeland da il via alla sesta stagione con nuove trame pronte ad intrecciarsi in una rete di intrighi politici, sociali e personali. Cosa succederà nella vita di Carrie, questa volta?

12 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Ogni storia ha un duplice lato.
Carrie Mathison lo sa meglio di chiunque altro. 

Il primo episodio della sesta stagione di Homeland si apre su un insolito scenario: Carrie cammina senza troppa fretta. Le strade che attraversa non sono quelle di Washington o Berlino.
È a New York. Sembra diversa. La scena iniziale è una delle pochissime in esterno.

L’episodio che introduce alla sesta stagione, Il Presidente Eletto, si priva di scene d’alta tensione e si rinchiude in stanze asfissianti: dalla camera del Presidente alla clinica in cui è rinchiuso Quinn.

E proprio mentre Carrie affronta la rabbia e le condizioni in cui si ritrova il suo amico e collega, la città è in fermento per la nuova situazione politica. Sin da subito emerge la tensione tra Saul, Dar Adal e l'attuale Presidente Elizabeth Keane.
La donna ha ben chiare le sue intenzioni: demilitarizzare la CIA, ridurre i piani che gli Stati Uniti hanno in Medio Oriente.

Dar Adal e Saul discutono delle idee del nuovo Presidente

Penso che ci disprezzi, Saul. Penso che ci incolpi per la morte di suo figlio. – Dar Adal

Seguiamo tre linee narrative nel corso dell'espidoio: da un lato i meccanismi tortuosi della CIA con Saul e Dar Adal, dall’altro abbiamo la nuova vita di Carrie, in parallelo con la discesa agli Inferi di Peter Quinn. L'ex soldato non è semplicemente distrutto: l’uomo sembra aver perso ogni briciolo di controllo e auto conservazione – è spezzato. L'interpretazione eccentrica ma dolorosa di Rupert Friend conferma il talento incredibile di un attore fin troppo sottovalutato durante la stagione dei premi.

Infine, viene introdotta una nuova storia: la crociata di Sekou Bah, un giovane musulmano che gira video-informazioni per mettere al corrente il pubblico del modo in cui sono trattati i musulmani negli Stati Uniti. In un clima di terrore (e arroganza) la CIA ben presto decide di accusarlo.

Ci sono sempre due lati di una storia. Sappiatelo. – Sekou

J. Mallory McCree è Sekou Bah

La storia del ragazzo si incrocia inevitabilmente con quella di Carrie e del suo nuovo lavoro: aiutare gli ingiustamente sospettati di terrorismo.
Ma ogni storia ha due lati.
Quindi sarà Sekou Bah davvero sospettato ingiustamente?

Verso la fine dell’episodio tutte le storie si avvicinano e sembrano avere in comune la pressione di una svolta, della paura. Qualcosa di grande sta per succedere. Ogni tassello è stato introdotto: il fascino risiede nelle possibilità che ognuno ha di essere l'eroe o il cattivo della storia. Per questo i fan continueranno a seguire le avventure. Perché ogni individuo nella serie TV può cambiare direzione e sorprenderci.

La grande efficienza di Homeland si concentra ancora una volta su grandi interpreti: la forza espressiva dei personaggi è così complessa da non aver bisogno di scene movimentate o eccessivamente dinamiche. Il ritorno di Homeland apre la porta ad un mondo che tenta di apparire diverso ma mostra gli stessi, vecchi sintomi: complotti, tensione e paura. 

Carrie guarda Frannie giocare.

In che modo i personaggi si incontreranno sulla stessa strada? Lo scopriremo lunedì prossimo su FOX con il secondo episodio della stagione.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.