FOX  

Scandal, la recensione degli episodi 6x5 e 6x6

di -

Continuiamo a rivivere la campagna elettorale dal punto di vista di tutti i personaggi. Questa volta tocca a Jake Ballard ed Eli Pope.

Olivia Pope in una scena della serie TV Scandal

52 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Tutti si inchineranno

Entriamo nel vivo dell’azione nei due episodi di Scandal andati in onda ieri, martedì 20 giugno, su FoxLife. La Rhimes continua a mettere in risalto gli uomini che ruotano attorno a questo “scandalo”, e dopo aver visto redimersi ed essere scagionato (almeno agli occhi del pubblico) Cyrus Beene, ecco passare a Jake Ballard.

Nel quinto episodio scopriamo la campagna presidenziale dal punto di vista del tenebroso Jake, e l’evolversi dell’omicidio di Frankie Vargas.

Jake Ballard

I cambiamenti caratteriali ed emotivi del soldato non sono una novità, ma qui capiamo quali leve portano Ballard a virare verso rotte sempre più pericolose e contorte.

Ricordate il finale della scorsa stagione? Jake aveva proposto a Olivia di scappare insieme e condurre una vita normale, ma la protagonista aveva altri progetti per loro, molto più ambiziosi. Si era quindi sostituita a Comando, impadronendosi della vita di Jake. Il risentimento del candidato alla vicepresidenza nei confronti dell’agguerrita Liv, continua anche in questa sesta stagione, senza esclusione di colpi. Sarà un chiarimento faccia a faccia tra Jake e Olivia a far cambiare idea al “prigioniero politico”.

Una stremata guerriera ammette che vincere è l’unica possibilità che ha per dare un senso a tutto ciò che è stato. Il duro lavoro, i sacrifici, le rinunce e l’annichilimento umano devono essere ripagati in qualche modo.

Io devo vincere. Ne ho bisogno!

Sarà questo a far passare Jake dalla parte di Olivia, confondendo e gettando nel baratro una confusa e ignara moglie, Vanessa.

Vanessa

Nell'episodio scopriamo anche qualcosa in più sulla moglie scelta da Comando per Jake, Vanessa Moss. La bella ereditiera è infatti molto innamorata del suo Jake, e all'inizio sembra avere un ottimo ascendente sul marito, convincendolo addirittura ad usare Olivia fino all'arrivo nello Studio Ovale e poi liberarsene.

Ovviamente i sentimenti del candidato nei confronti della bella Liv saranno sempre più forti, e questo spingerà Vanessa nella disperazione più totale, tanto da affogare il presunto tradimento nell’alcool. Qualsiasi tentativo da parte dell’affranta moglie sarà inutile, però servirà a dare una svolta alle indagini della Pope e Associati.

I gladiatori scopriranno finalmente chi ha ucciso Jessica Fields, la volontaria che aveva denunciato Cyrus, facendo esplodere il cottage. A metterla a tacere è stato proprio Jake Ballard. Tutti i suoi spostamenti iniziano ad avere un senso, ogni tassello sarà messo al giusto posto. Ma ne siamo proprio sicuri?

Sul finale infatti Jake porta Olivia in un posto sperduto per farle scoprire la verità. Il soldato ha disubbidito a Comando e non ha ucciso la volontaria, ma l’ha nascosta… Jessica Fields è viva.

Estinzione

Il sesto episodio, andato sempre in onda su FoxLife, si sposta sull'artefice dell’attentato a Frankie Vargas (o almeno così pare), Eli Pope. Anche qui, come per gli altri episodi di questa sesta stagione di Scandal, vediamo ciò che è accaduto durante la campagna presidenziale dal personale punto di vista di Comando.

Comando

Sconfitto dalla figlia e deciso a mettersi da parte, Eli inizia a rassegnarsi alla vita da paleontologo. Riprende i rapporti con una donna amata in passato, Sandra, e si appresta ad iniziare un interessante lavoro insieme a lei. Ma i guai sono dietro l’angolo, e il passato di Comando si fa prepotentemente avanti.

Dopo aver scoperto il doppio gioco della sua vecchia conoscenza, Comando incontra chi sta realmente dietro a tutto. Una misteriosa organizzazione disposta a tutto pur di vedere Mellie Grant alla Casa Bianca. Minacciando la vita della sua amata Sandra, Eli sarà costretto a pilotare le elezioni pur di far vincere la Grant. Ma un’ostinata e ignara Olivia scopre i suoi imbrogli, rimediando in tempo per un’elezione pulita e leale.

Le fasi che portano all’uccisione di Vargas sono strazianti e sconvolgenti, e qui sta la bravura della Rhimes. Gli eventi narrati in un solo episodio riescono a far cambiare totalmente opinione al pubblico su un determinato personaggio odiato per 5 lunghi anni. Come negli episodi incentrati su Cyrus, anche in questo caso scopriamo un Eli Pope sensibile e vulnerabile, costretto ad azioni troppo crudeli anche per Comando.

Qual è il cattivo più cattivo delle serie TV?

Vota

Alla fine rinuncerà all’amore ritrovato pur di non sottostare agli ordini di un’organizzazione tanto spietata, eliminando il suo punto debole… Sandra. Ma era davvero lei la sua unica debolezza?

Ovviamente no, infatti la puntata si conclude mostrando l’unico legame umano indissolubile anche per un uomo senza scrupoli come Comando… sua figlia Olivia. Ed è soltanto minacciando la vita di Liv che Eli Pope decide di mettere in moto la macchina della distruzione.

Non ci resta che aspettare dunque, come si difenderà la Pope e Associati da questa organizzazione che brama lo Studio Ovale, ogni martedì alle 21 su FoxLife.

 

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.