FOX  

Homeland, episodio 6x02: tutte le strade portano a Carrie

di -

Il nuovo caso di Carrie si intreccia con i segreti dell'FBI e i nuovi drammi della politica americana. Il fascino del pericolo continua ad attrarla ed è solo l'inizio.

Carrie Mathison e Ray Conlin in una scena di Homeland

21 condivisioni 4 commenti 5 stelle

Share

Nella vita di Carrie Mathison tutte le strade portano alla CIA. Ma agli occhi del pubblico, tutte le strade portano a lei.
Per quanto ci provi, il pericolo e le minacce continuano ad inseguirla prepotentemente. O è forse lei che non riesce a resistervi?

Il secondo episodio della sesta stagione di Homeland, L'uomo nel seminterrato, lo dimostra senza mezzi termini.
La storia di Sekou Bah sembra inevitabilmente legata a vicende politiche interne molto più intricate di quanto sembrino. Carrie è quindi costretta a fare un passo indietro e tornare la vecchia sé, agguerrita nella ricerca per scagionare il suo cliente. Ma più si avvicina alla verità e più le rivelazioni si fanno pericolose.

Se ti avvicini a Saad Mahsud ti faccio arrestare – Ray Conlin

Carrie assiste in tribunale alle decisioni sul caso di Sekou Bah

Per Carrie la situazione si trasforma in un invito gigante a sfidare l’arroganza dell'FBI e della corte. A sfidare quelle regole che proprio non riesce a seguire. Senza troppe difficoltà scopriamo che Sekou è stato incastrato. A questo punto non ci sono dubbi che la sua storia è solo un piccolo tassello nel grande progetto di qualcuno ai piani alti. 

Sai come potrei aiutarlo davvero? Interrogando Saad. Perché ottenere risposte da chi preferisce non darne è la mia specialità. – Carrie

Tutte le strade sono lastricate di segreti

Mentre è al lavoro sul caso di Sekou, la nostra protagonista riceve una visita che ben presto si tramuta in uno spiacevole incontro: Saul va a trovare Carrie dopo tanto tempo e la accusa di essere la consigliera del nuovo Presidente degli Stati Uniti.
La notizia, inzialmente, sembra assurda anche a noi spettatori. Abbiamo seguito Carrie sin dall'inizio e nulla sembrava indicarci una sua macchinazione.

Ma il colpo di scena è dietro l’angolo, semplice quanto inaspettato.
È mai davvero cambiata Carrie?
Tutti hanno qualcosa da nascondere, nessuno è davvero sincero, neppure con lo spettatore.

Carrie e il Presidente degli Stati Uniti discutono della prossima mossa

Carrie e Quinn, due facce della stessa medaglia?

Nel frattempo, Quinn è ostinato nella sua personale discesa agli Inferi, con convulsioni e dialoghi surreali che lo tengono a un passo dalla follia. La fragilità dell'uomo si scontra con la sua irrequietezza: la luce che continua a perseguitarlo non sembra essere un segno di ripresa, bensì un richiamo verso la caduta.
 
La scena finale tra Carrie e Quinn riprende una delle atmosfere più intime e intense di Homeland: lo scambio breve e delicato tra i due amici è la dimostrazione che si può dire molto con le parole giuste.

Quinn: Tu mi hai salvato.
Carrie: Si.
Quinn: Perché?

Per un attimo anche noi ci chiediamo 'perché'. Perché Carrie ha salvato Quinn? La risposta rimane in sospeso, Carrie piange e sappiamo che nella sua commozione ci sono parole che non pronuncerà mai. In fondo, i due hanno da sempre rappresentato due facce della stessa medaglia. I loro tormenti, le loro debolezze. Sia Carrie che Quinn sono sempre in uno stato di agitazione costante. Bisognerà capire dove lì porterà prima o poi quell'agitazione.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.